keystone (archivio)
RUSSIA
21.08.2020 - 18:200
Aggiornamento : 22:41

Navalny si è stabilizzato: «Vada in Germania»

L'improvviso malessere dell'oppositore russo continua a essere molto chiacchierata.

La moglie Yulia, con una lettera, ha intanto inviato un appello al presidente russo Vladimir Putin.

MOSCA - La condizione di Alexei Navalny si è stabilizzata e può essere portato in Germania. Lo riporta la Tass, che cita lo staff medico. «Sta migliorando», ha dichiarato il primario dell'ospedale di Omsk, Alexander Murakhovsky, citato da Interfax. I medici hanno permesso di trasferire Navalny per il trattamento in Germania sotto la responsabilità della moglie, ha detto il vice primario Anatoly Kalinichenko.

L'oppositore, che è in coma, sarà trasportato sabato mattina. «È un peccato che i medici ci abbiano messo così tanto tempo per prendere questa decisione. L'aereo è in attesa dal mattino, anche i documenti erano pronti alla stessa ora», ha scritto l'addetta stampa di Navalny Kira Yarmysh su Twitter.

Una malattia misteriosa - L'improvvisa malattia dell'oppositore russo continua a essere molto chiacchierata sui media. Si è parlato di avvelenamento come di un disordine metabolico.

La moglie Yulia, con una lettera, questa mattina ha inviato un appello al presidente russo Vladimir Putin chiedendo il permesso di trasportare suo marito in Germania per le cure.

La Germania segue con "sgomento" gli sviluppi del caso e chiede che la sua vita sia salvata e che sia fatta luce sulle circostanze in cui si è sentito male.

«Di fronte al grave sospetto di un avvelenamento, va fatta piena chiarezza», ha detto il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert, ribadendo, in conferenza stampa a Berlino, che la Germania come il resto del mondo si sta occupando del caso Navalny.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-29 03:36:43 | 91.208.130.87