Keystone
RUSSIA
21.08.2020 - 10:310
Aggiornamento : 12:35

Navalny, «nessun veleno» rilevato nel sangue

Lo ha dichiarato Anatoly Kalinichenko, vicedirettore dell'ospedale. Mistero sulla tossina

OMSK - «Nessun veleno» è stato rilevato nel sangue di Alexei Navalny, il blogger ed oppositore russo ricoverato in coma ad Omsk (Siberia), che secondo i suoi sostenitori sarebbe stato avvelenato.

Lo afferma Anatoly Kalinichenko, vicedirettore dell'ospedale, citato dai media internazionali. Il medico ha detto che i sanitari hanno già un quadro diagnostico completo su Navalny, ma che non possono ancora divulgarlo.

Che fine ha fatto la tossina? - «Ora all'ospedale di Omsk dicono che Navalny non è stato avvelenato. Ma un'ora fa ci avevano detto che una tossina pericolosa per gli altri era stata individuata. Adesso non c'è nessuna tossina. Cosa succede?». Lo ha scritto su Twitter Kira Yarmush, portavoce di Alexei Navalny.

Il direttore della Fondazione anticorruzione Ivan Zhdanov, venuto all'ospedale di Omsk dove si trova Navalny, ha detto alla stampa che la polizia avrebbe trovato «una sostanza letale» pericolosa per Navalny e gli altri.

«Eravamo nell'ufficio del medico capo quando un ufficiale della polizia dei trasporti è entrato e ha detto, indicando lo schermo del telefono, che quella è la sostanza che è stata trovata. [...] Ci siamo avvicinati all'ufficiale e abbiamo chiesto che tipo di sostanza fosse. Ci ha detto che era un segreto investigativo e che non poteva dircelo, ma la sostanza era letale e metteva in pericolo la vita di Alexei e di tutti quelli che lo circondavano, che dovevano indossare tute protettive», ha detto Zhdanov.

«Chiarire le circostanze» - La Germania segue con «sgomento» gli sviluppi del caso Navalny, chiede che la sua vita sia salvata e che sia fatta «chiarezza» sulle circostanze in cui si è sentito male.

«Di fronte al grave sospetto di un avvelenamento, va fatta piena chiarezza sulle circostanze del caso», ha detto il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert, ribadendo, in conferenza stampa a Berlino, che la Germania come il resto del mondo si sta occupando del caso Navalny.

«La priorità è che la sua vita sia salvata e che possa guarire», ha chiarito ripetendo che la Germania è «pronta ad accoglierlo e curarlo in un suo ospedale se auspicato» dall'entourage di Navalny.

Seibert ha spiegato che al momento Navalny «non sarebbe trasportabile» e ha aggiunto di «condividere» che «verranno coinvolti nelle visite in corso anche medici di fiducia» del dissidente russo.

Dal canto suo, il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, citato dalla Tass, ha detto che il trasporto in Germania di Alexey Navalny per il trattamento dipende solo dalla decisione dei medici, non ci sono altri ostacoli.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-17 05:42:13 | 91.208.130.86