keystone-sda.ch (Wael Hamzeh)
Il popolo libanese chiede la testa dei responsabili del disastro.
+12
LIBANO
10.08.2020 - 15:440

Beirut, un quarto ministro è pronto a lasciare. Il crollo sembra vicino

Non si ferma l'effetto domino dopo l'esplosione. L'intero esecutivo potrebbe dimettersi già in giornata

BEIRUT - Non si ferma, a quasi una settimana dalla tragedia di Beirut, l'effetto "domino" sul governo libanese. Un quarto ministro - nel giro di 24 ore - sembra pronto ad annunciare le proprie dimissioni.

Ghazi Wasni, alla testa del ministero delle Finanze, ha parlato della sua decisione alla tv al-Jadid, sottolineando di aver già scritto la lettera di dimissioni ma di non averla ancora presentata al premier Hassan Diab.

Nelle scorse ore a lasciare la poltrona era stata la ministra di Giustizia Marie Claude Najm, preceduta a sua volta dalla ministra dell'Informazione Manal Abdel Samad e dal capo del ministero dell'Ambiente Damiano Kattar. Prima di loro, e prima della tragedia, si era già ritirato anche il ministro degli Esteri Nassif Hitti.

Il governo si dimette? - In altre parole, l'esecutivo libanese - pressato dalla rabbia della popolazione, che da giorni protesta nelle strade della capitale - si sta letteralmente sgretolando, sempre più vicino alla caduta. Tra lanci di pietre e slogan, il popolo sembra intenzionato a non cedere fino a quando l'élite politica, considerata corrotta e incompetente, non lascerà il suo posto.

E l'ora "x" potrebbe scattare proprio questo pomeriggio, al termine della riunione attualmente in corso presso il palazzo presidenziale.

I media locali rilanciano infatti con insistenza l'ipotesi di un esecutivo interamente dimissionario già oggi. E questo nonostante le dichiarazioni alla rete "mtv" del presidente del Parlamento, Nabih Berri, che ha parlato di governo in carica almeno fino a giovedì prossimo; giorno in cui l'Assemblea potrebbe votare la sfiducia, facendo così ricadere su di esso la responsabilità del disastro.

keystone-sda.ch (WAEL HAMZA)
Guarda tutte le 16 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
miba 1 mese fa su tio
Ci sono buone probabilità che dietro a questo disastro vi sia il regime di Israele... e come è logico adlettarsi nessun media "ufficiale" ne parla..........
curzio 1 mese fa su tio
@miba Infatti, i media ufficiali non ne parlano. Gli unici che ne parlano sono i siti "alternativi". I medesimi siti "alternativi" che parlano delle scie chimiche, del Deep State, del terrapiattismo, dei rettiliani...
Mohamad Majed 1 mese fa su fb
E già crollato
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-19 18:35:31 | 91.208.130.87