Deposit
AUSTRALIA
31.07.2020 - 06:000

La figlia minorenne si fa un tatuaggio: la madre porta in tribunale l'ex marito

Secondo il padre la madre avrebbe dato il consenso. La donna afferma il contrario

PICTON - Un tatuaggio è al centro di un processo che vede la mamma della ragazza minorenne accusare il padre. La colpa dell'ex marito sarebbe quella di aver permesso alla figlia sedicenne di farsi tatuare, nonostante ci voglia anche il consenso della madre. 

La vicenda è finita ora al tribunale di Picton, in Australia.  

La legge sembra supportare la tesi della madre. Tuttavia la donna non avrebbe contatti con la figlia da tre anni. 

La ragazzina, ora 17enne e ancora orgogliosa del suo acchiappasogni sulla caviglia, sta dalla parte del padre: «Non ha fatto niente di male. È stata una mia scelta». 

Il caso tornerà in tribunale a settembre. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-30 08:12:08 | 91.208.130.86