Keystone
Prima udienza a settembre.
ITALIA
01.06.2019 - 17:370
Aggiornamento : 21:55

Marco Carta è innocente: «Non faccio la spia»

Il cantante era accusato di furto aggravato per aver cercato di rubare sei magliette per un valore di 1200 euro

MILANO - Al processo per direttissima il giudice ha deciso oggi di non convalidare l'arresto di Marco Carta, il cantante fermato ieri dalla Polizia locale di Milano per furto aggravato alla Rinascente di piazza del Duomo insieme a una donna di 53 anni, per la quale invece l'arresto sarebbe stato convalidato.

«È totalmente estraneo. Marco è una bravissima persona - ha detto il suo avvocato, Simone Ciro Giordano, ai microfoni dopo l'udienza -. Il giudice ha acclarato ciò nell'ordinanza in cui non ha convalidato l'arresto e non ha applicato alcuna misura cautelare». «Carta è felice - ha aggiunto -. È stato contentissimo».

«Le magliette non le ho prese io, l'hanno visto tutti. Il giudice ha capito, ora sono un po' scosso perché non sono abituate a questa cose». Questo il commento di Carta, 34 anni, uscendo dall'aula del Tribunale di Milano dove si è tenuta l'udienza dopo l'arresto con l'accusa di furto aggravato per aver cercato di rubare sei magliette per un valore di 1200 euro (1346 franchi la cambio attuale).

Ma chi le ha rubate? gli hanno chiesto i giornalisti. «Non mi va di dirlo. Non faccio la spia. Non sono stato io questa è la cosa più importante e sono felice di poterlo dire», ha risposto il cantante.

Prima udienza a settembre - È stata fissata a settembre la prima udienza del processo a Marco Carta. Il giudice questa mattina non ha convalidato l'arresto del cantante, al contrario di quello della donna.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zarco 1 anno fa su tio
Beh , proprio uno stinco di santo! Sa, ma non parla .....per me le tue canzoni sono nullità ora !!!
albertolupo 1 anno fa su tio
Ma se lui lo sa, come sembra di capire, non è un reato non dirlo? (penso sia ammesso solo in caso in cui si sarebbe costretti ad accusare dei famigliari)
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 03:48:02 | 91.208.130.89