Immobili
Veicoli
Keystone
Imane Fadil era una delle testimoni chiave del processo Ruby a carico dell'ex premier italiano Silvio Berlusconi.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
41 min
Il paziente non vuole vaccinarsi: niente trapianto
Il caso sta facendo discutere negli Stati Uniti, ma l'ospedale sta solo seguendo le procedure necessarie
ITALIA
1 ora
Quirinale, niente di fatto anche oggi
Le schede bianche sono state la costante anche della seconda votazione
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Obbligo vaccinale, domani il Parlamento tedesco inizia a discuterne
Bimbo di 10 anni morto di Covid in Piemonte, non aveva gravi patologie pregresse.
STATI UNITI
2 ore
Attacchi di squalo: i surfisti sono le vittime predilette
Nel 2021 si sono verificati 112 incidenti. Più della metà non sono stati provocati dall'uomo
GERMANIA
2 ore
Il 18enne che ha sparato ai compagni «avrebbe potuto fare una strage»
«Le persone devono essere punite» aveva scritto al padre via Whatsapp, pochi minuti prima
PERÙ
4 ore
Perù, il verde cristallino cancellato dalla marea nera
Le immagini del disastro petrolifero della Mare Doricum catturate dai satelliti
REGNO UNITO
6 ore
Partygate, ora indaga anche la polizia
Cresce la pressione attorno al premier Boris Johnson, che rimane trincerato dietro all'attesa del rapporto Gray
UNIVERSO
6 ore
Il telescopio James Webb è in posizione
In giugno arriveranno le prime immagini. Gli astronomi sperano di riuscire a scrutare l'alba dell'universo
REGNO UNITO
7 ore
Violento schianto per un bus londinese: 19 feriti
Tre bambini e due adulti sono stati trasportati in ospedale dopo l'impatto
LE FOTO
OCEANO PACIFICO
9 ore
Tra gli aiuti diretti a Tonga, un focolaio di Covid
Sulla "HMAS Adelaide" della marina australiana ci sono 23 membri dell'equipaggio positivi al coronavirus
RUSSIA
10 ore
Navalny è ufficialmente «un terrorista», per la Russia
L'oppositore è stato inserito nella lista federale dei "terroristi ed estremisti", accanto a gruppi come l'Isis
STATI UNITI
10 ore
«Che stupido figlio di...», l'insulto (e poi le scuse) di Biden a un giornalista di Fox News
Un commento del presidente, finito nel microfono aperto, ha generato una gaffe che si è risolta in meno di un'ora
REGNO UNITO
11 ore
Quante feste Boris Johnson, una anche per i suoi 56 anni
In trenta avrebbero cantato "Happy Birthday" al premier, quando gli incontri erano limitati a sei persone all'esterno
ITALIA
11 ore
Da Amadeus, a Vasco e Siffredi: i non "quirinabili" votati
Pioggia di schede bianche ieri a Montecitorio, ma non senza qualche nome curioso. E no, non è la prima volta.
ITALIA
18.03.2019 - 16:040

Morte di Imane Fadil: avvelenamento o malattia rara

La modella era una delle testimoni chiave del processo Ruby a carico dell'ex premier italiano Silvio Berlusconi

MILANO - «C'è l'opzione sull'ipotesi di un avvelenamento ma non si esclude che Imane Fadil (una delle testimoni chiave del processo Ruby a carico dell'ex premier italiano Silvio Berlusconi, ndr) sia morta per una malattia rara». Lo ha detto il Procuratore capo di Milano Francesco Greco nel corso di una conferenza stampa sottolineando che «la priorità della Procura è accertare le cause della morte».

«I medici dell'Humanitas - ha aggiunto Greco - hanno cercato di seguire tutte le ipotesi possibili in base alla scienza medica e ad una ad una le hanno scartate trovandosi davanti ad una situazione complessa che non sono riusciti a comprendere».

Possibile avvelenamento - Il "12 febbraio" per la prima volta Fadil disse di temere di essere stata "avvelenata". Era stata ricoverata il 29 gennaio all'ospedale Humanitas. Lo hanno spiegato Greco, l'aggiunto Tiziana Siciliano e i procuratori Luca Gaglio e Antonia Pavan ai cronisti. Fadil è morta lo scorso primo marzo al policlinico Humanitas di Rozzano, nell'aerea metropolitana di Milano. Il 12 febbraio, dunque, venne fatta un'analisi sull'eventuale presenza di arsenico nel corpo che il 22 febbraio diede esito negativo e i medici decisero allora di disporre analisi sui metalli.

Nel suo sangue era presente un'alta concentrazione di quest'ultimi, in particolare il cadmio e l'antimonio, ha spiegato Greco sottolineando che l'antimonio era presente con un valore di quasi tre volte superiore e il cadmio urinario di quasi sette volte superiore il range normale. La concentrazione di antimonio riscontrata è di 3 mg per litro contro un range che va dallo 0,02 allo 0,22, mentre il livello del cadmio urinario è di 7 mg per litro contro un range che va da 0,1 allo 0,9.

Gli esami sono stati fatti sull'urina e sul sangue questo ultimo però, ha sottolineato il procuratore capo di Milano Francesco Greco, «era stata lavato e sostituito, nonostante ciò i valori di cadmio e antimonio erano elevati». Durante la permanenza in ospedale Fadil fu sottoposta infatti a numerose trasfusioni. Oltre a cadmio e antimonio è stata riscontrata la presenza di molibdeno, cobalto, cromo urinario (7,4 mg/litro) e cromo del sangue (2,6 mg/litro).

L'autopsia - Riguardo al fatto che non si sia ancora proceduto all'autopsia nonostante la morte sia avvenuta il primo marzo, il procuratore ha tenuto a precisare: «Non conoscendo le cause della morte, nulla si può escludere. Ci sono tracce - ha proseguito - che ci portano a ritenere la presenza di sostanze particolari», in particolare l'antimonio e il cadmio in alte percentuali, e «al fine di non esporre i medici a sostanze dannose abbiamo deciso di procedere con le cautele necessarie».

Infatti, ha spiegato, in vista dell'esame autoptico, che dovrebbe cominciare con i primi prelievi mercoledì prossimo per avere i risultati giovedì o venerdì «sono appena arrivate le attrezzature tecniche» e poi è prevista la presenza dei vigili del fuoco con le attrezzature e le competenze specifiche. Saranno in campo anche i vigili del fuoco «perchè hanno un addestramento specifico e strumentazione adeguata per il rischio di radiazioni», ha aggiunto il procuratore capo precisando che «si procederà prima con l'estrazione di alcuni campioni per le prime analisi», ovvero i carotaggi degli organi (fegato e reni), e poi «con la normale autopsia».

La Procura di Milano attende gli esiti delle analisi sulla presenza di eventuale radioattività sul corpo di Fadil e solo dopo «verrà effettuata l'autopsia, probabilmente tra giovedì e venerdì», ha detto Greco.

Le comunicazioni - Il procuratore ha spiegato che l'Humanitas non ha mai dato comunicazioni alla procura o alla polizia giudiziaria prima della morte di Fadil, che tra l'altro ai medici aveva parlato di un suo possibile avvelenamento. La conferma del fatto che non ci sia stata comunicazione prima del decesso è arrivato oggi anche dalla testimonianza del direttore sanitario dell'ospedale. La notizia della morte, come ha detto il procuratore, è stata comunicata al ministero pubblico dall'avvocato della giovane «che ha anticipato la comunicazione dell'ospedale».

Oggi, infatti, è stato ascoltato in Procura Michele Lagioia, direttore sanitario dell'Humanitas, il quale, come spiegato dal procuratore Greco che ha letto uno stralcio del verbale, ha escluso che la direzione sanitaria abbia dato notizie sul ricovero di Fadil alla Procura o alla polizia giudiziaria prima del decesso.

Greco ha chiarito, inoltre, che l'Humanitas «si è trovata di fronte ad una situazione complessa» dal punto di vista medico e, dopo tutte le analisi eseguite, i medici non sono riusciti ad accertare le cause della morte.

"Noi - ha aggiunto il procuratore - ci pronunceremo solo quando sarà chiaro il motivo della morte, tutto il resto sono congetture senza dati certi». Anche a chi gli ha chiesto se la Procura si attiverà o meno su eventuali ritardi nelle comunicazioni da parte dell'ospedale (Fadil avrebbe parlato coi medici anche di un possibile avvelenamento), Greco ha risposto che «la prima cosa da fare ora è capire perché è morta, poi tutto il resto sarà valutato in seguito».

Keystone
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-25 20:46:13 | 91.208.130.87