Keystone
Imane Fadil era una delle testimoni chiave del processo Ruby a carico dell'ex premier italiano Silvio Berlusconi.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MESSICO
8 ore
Freni rotti, poi lo schianto. Sono 19 le vittime
L'incidente sembra essere stato causato dalla rottura dei freni del veicolo.
MONDO
10 ore
Omicron, vaccino possibile entro 3 mesi
Ma potrebbero esserne necessari nove prima della sua eventuale approvazione.
ITALIA / ISRAELE
11 ore
Eitan: chiesta l'estradizione del nonno
Intanto è stato arrestato a Cipro quello che sarebbe il suo complice: il "soldato" dell'agenzia statunitense Blackwater.
FOTO
Regno Unito
13 ore
«Crescita infinita=Pianeta finito». Extinction Rebellion contro Amazon
Un portavoce della grande A: «Porteremo le nostre emissioni a zero entro il 2040, sostenendo anche le piccole imprese»
FRANCIA
13 ore
Blatter sentito dalle autorità francesi per il Mondiale in Qatar
Gli inquirenti interessati in particolare a una cena all'Eliseo con i vertici FIFA e l'emiro pochi giorni prima del voto
ITALIA
14 ore
Ciro Grillo e compagni a processo per stupro di gruppo, rischiano fino a 12 anni
Fissata la data dell'inizio del processo, secondo rito ordinario, per il 16 marzo 2022
Francia
15 ore
Francia versus Regno Unito: il fronte del mare tenuto dai pescatori
Non si ferma il contenzioso sulle licenze di pesca: 59 attività normanne non hanno ancora ricevuto i permessi richiesti
BELGIO
16 ore
La nuova variante è già in Belgio
È stata identificata su una donna che non ha nessun legame con il Sudafrica. L'UE da il via libera allo stop dei voli
Regno Unito
17 ore
Baby gang alla deriva: uccisa una 12enne
Il fatto è avvenuto ieri sera in Church Street. La ragazza era con le amiche quando quattro ragazzi l'hanno aggredita
MONDO
18 ore
«Ci vorranno settimane» per comprendere l'impatto della nuova variante
Il vaccino proteggerebbe dai casi gravi, secondo l'istituto sudafricano sulle malattie infettive. Pfizer sta studiando
ITALIA
19 ore
Camorra: Walter Schiavone si è “pentito”
Il boss dei casalesi, in manette da giugno, sta attivamente collaborando alle indagini degli inquirenti napoletani
ITALIA
20 ore
Il Covid-19 «ora è una malattia pediatrica»
I benefici della vaccinazione per i più piccoli «sono diretti e indiretti», secondo il virologo Giorgio Palù
RUSSIA
21 ore
Estratto un minatore ancora in vita
Sono 52 le vittime, compreso alcuni dipendenti del ministero delle Situazioni di emergenza
FOTO
ISOLE SALOMONE
22 ore
Ancora scontri: la polizia spara in aria
I manifestanti hanno cercato di raggiungere la residenza privata del premier, ma senza successo
ITALIA
18.03.2019 - 16:040

Morte di Imane Fadil: avvelenamento o malattia rara

La modella era una delle testimoni chiave del processo Ruby a carico dell'ex premier italiano Silvio Berlusconi

MILANO - «C'è l'opzione sull'ipotesi di un avvelenamento ma non si esclude che Imane Fadil (una delle testimoni chiave del processo Ruby a carico dell'ex premier italiano Silvio Berlusconi, ndr) sia morta per una malattia rara». Lo ha detto il Procuratore capo di Milano Francesco Greco nel corso di una conferenza stampa sottolineando che «la priorità della Procura è accertare le cause della morte».

«I medici dell'Humanitas - ha aggiunto Greco - hanno cercato di seguire tutte le ipotesi possibili in base alla scienza medica e ad una ad una le hanno scartate trovandosi davanti ad una situazione complessa che non sono riusciti a comprendere».

Possibile avvelenamento - Il "12 febbraio" per la prima volta Fadil disse di temere di essere stata "avvelenata". Era stata ricoverata il 29 gennaio all'ospedale Humanitas. Lo hanno spiegato Greco, l'aggiunto Tiziana Siciliano e i procuratori Luca Gaglio e Antonia Pavan ai cronisti. Fadil è morta lo scorso primo marzo al policlinico Humanitas di Rozzano, nell'aerea metropolitana di Milano. Il 12 febbraio, dunque, venne fatta un'analisi sull'eventuale presenza di arsenico nel corpo che il 22 febbraio diede esito negativo e i medici decisero allora di disporre analisi sui metalli.

Nel suo sangue era presente un'alta concentrazione di quest'ultimi, in particolare il cadmio e l'antimonio, ha spiegato Greco sottolineando che l'antimonio era presente con un valore di quasi tre volte superiore e il cadmio urinario di quasi sette volte superiore il range normale. La concentrazione di antimonio riscontrata è di 3 mg per litro contro un range che va dallo 0,02 allo 0,22, mentre il livello del cadmio urinario è di 7 mg per litro contro un range che va da 0,1 allo 0,9.

Gli esami sono stati fatti sull'urina e sul sangue questo ultimo però, ha sottolineato il procuratore capo di Milano Francesco Greco, «era stata lavato e sostituito, nonostante ciò i valori di cadmio e antimonio erano elevati». Durante la permanenza in ospedale Fadil fu sottoposta infatti a numerose trasfusioni. Oltre a cadmio e antimonio è stata riscontrata la presenza di molibdeno, cobalto, cromo urinario (7,4 mg/litro) e cromo del sangue (2,6 mg/litro).

L'autopsia - Riguardo al fatto che non si sia ancora proceduto all'autopsia nonostante la morte sia avvenuta il primo marzo, il procuratore ha tenuto a precisare: «Non conoscendo le cause della morte, nulla si può escludere. Ci sono tracce - ha proseguito - che ci portano a ritenere la presenza di sostanze particolari», in particolare l'antimonio e il cadmio in alte percentuali, e «al fine di non esporre i medici a sostanze dannose abbiamo deciso di procedere con le cautele necessarie».

Infatti, ha spiegato, in vista dell'esame autoptico, che dovrebbe cominciare con i primi prelievi mercoledì prossimo per avere i risultati giovedì o venerdì «sono appena arrivate le attrezzature tecniche» e poi è prevista la presenza dei vigili del fuoco con le attrezzature e le competenze specifiche. Saranno in campo anche i vigili del fuoco «perchè hanno un addestramento specifico e strumentazione adeguata per il rischio di radiazioni», ha aggiunto il procuratore capo precisando che «si procederà prima con l'estrazione di alcuni campioni per le prime analisi», ovvero i carotaggi degli organi (fegato e reni), e poi «con la normale autopsia».

La Procura di Milano attende gli esiti delle analisi sulla presenza di eventuale radioattività sul corpo di Fadil e solo dopo «verrà effettuata l'autopsia, probabilmente tra giovedì e venerdì», ha detto Greco.

Le comunicazioni - Il procuratore ha spiegato che l'Humanitas non ha mai dato comunicazioni alla procura o alla polizia giudiziaria prima della morte di Fadil, che tra l'altro ai medici aveva parlato di un suo possibile avvelenamento. La conferma del fatto che non ci sia stata comunicazione prima del decesso è arrivato oggi anche dalla testimonianza del direttore sanitario dell'ospedale. La notizia della morte, come ha detto il procuratore, è stata comunicata al ministero pubblico dall'avvocato della giovane «che ha anticipato la comunicazione dell'ospedale».

Oggi, infatti, è stato ascoltato in Procura Michele Lagioia, direttore sanitario dell'Humanitas, il quale, come spiegato dal procuratore Greco che ha letto uno stralcio del verbale, ha escluso che la direzione sanitaria abbia dato notizie sul ricovero di Fadil alla Procura o alla polizia giudiziaria prima del decesso.

Greco ha chiarito, inoltre, che l'Humanitas «si è trovata di fronte ad una situazione complessa» dal punto di vista medico e, dopo tutte le analisi eseguite, i medici non sono riusciti ad accertare le cause della morte.

"Noi - ha aggiunto il procuratore - ci pronunceremo solo quando sarà chiaro il motivo della morte, tutto il resto sono congetture senza dati certi». Anche a chi gli ha chiesto se la Procura si attiverà o meno su eventuali ritardi nelle comunicazioni da parte dell'ospedale (Fadil avrebbe parlato coi medici anche di un possibile avvelenamento), Greco ha risposto che «la prima cosa da fare ora è capire perché è morta, poi tutto il resto sarà valutato in seguito».

Keystone
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-27 07:15:03 | 91.208.130.86