Cerca e trova immobili

ISRAELE / HAMASNetanyahu «paralizzato» per giorni dopo l'attacco di Hamas

29.12.23 - 14:12
Lo afferma Haaretz che cita conversazioni private del ministro della difesa Gallant
KEYSTONE/EPA AP POOL / STF (MAYA ALLERUZZO / POOL)
Fonte Ats Ans
Netanyahu «paralizzato» per giorni dopo l'attacco di Hamas
Lo afferma Haaretz che cita conversazioni private del ministro della difesa Gallant

TEL AVIV - Il quotidiano Haaretz sostiene che in conversazioni di carattere privato il ministro della Difesa Yoav Gallant ha affermato di recente che immediatamente dopo le stragi del 7 ottobre il premier Benjamin Netanyahu rimase in uno stato di shock e di paralisi.

Questo stato si sarebbe protratto per alcuni giorni.

In quel lasso di tempo - secondo la ricostruzione attribuita da Haaretz a Gallant - le incombenze più urgenti furono svolte dagli altri membri del gabinetto. Il giornale stima che non ci sono mai stati in passato rapporti così deteriorati fra un primo ministro di Israele e il suo ministro della Difesa, ed esprime la convinzione che Gallant dovrebbe mettere al corrente il Paese delle proprie preoccupazioni.

Nei social israeliani queste informazioni hanno avuto oggi grande risalto. Ma finora dai diretti interessati, Netanyahu e Gallant, non sono giunte smentite né conferme.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

IsReal 5 mesi fa su tio
Sono 2 Milà anni che Gesù Cristo protegge il popolo ebraico. Purtroppo non lo vedono e il mondo continua a soffrire a causa dei loro errori ...

tulliusdetritus 5 mesi fa su tio
Ma magari lo prendesse lo stesso destino di Ariel Sharon!

Giangino 5 mesi fa su tio
Genocidio in atto ed il mondo gira la testa

F/A-19 5 mesi fa su tio
Risposta a Giangino
Anzi, applaudiamo pure, una vergogna.

Miki89 5 mesi fa su tio
Purtroppo non hanno finito il lavoro

Miki89 5 mesi fa su tio
La storia la conosco bene e so chi e che cosa siete.

Miki89 5 mesi fa su tio
di poter attuare il genocidio. Non ci sono parole per descrivere tutto questo.

Miki89 5 mesi fa su tio
Siete stati voi a far trapelare il momento in cui Israele era vulnerabile, così da poter avere la scusa

Miki89 5 mesi fa su tio
Con un esercito all'avanguardia come il vostro, un terrorista è riuscito ad attaccare così facilmente.

tschädere 5 mesi fa su tio
poverino.e a chi dara la colpa ?

Celoblu 5 mesi fa su tio
Giulietto Chiesa (andate a vedere chi era) già nel 2014 affermava che Gaza sarebbe diventato un fazzoletto di terra sempre più piccolo a favore di Israele…

carlo56 5 mesi fa su tio
li ha valutati male e finanziati per anni tramite il Quatar, per poi farsi attaccare dopo aver dirottato l’esercito da Gaza alla Cisgiordania a protezione dei coloni che predavano i territori palestinesi, per poi farsi sorprendere. il tragicomico è avere l’esercito più forte del medio oriente con la migliore intelligence del mondo e non aver visto un attentato preparato da un paio di anni da un esercito motivato ma enormemente meno attrezzato. capisco la paralisi… ci ha perso la faccia e la reputazione, e la fiducia dei suoi connazionali.

Peter Parker 5 mesi fa su tio
Risposta a carlo56
Carlo. Li ha valutati malissimo. Per il finanziamento direi che e‘ un po‘ più articolato che dire „li,ha finanziati per anni tramite il Qatar“. Hamas era stato considerato funzionale per Israele (o meglio Netanyahu) per contrastare l‘ANP (direttamente Fatah) e la voglia dei due Stati. Il suo Governo ha „aiutato“ Hamas concedendo più permessi di lavoro ai gaziani autorizzati a lavorare in Israele, stipendi più alti e quindi più tasse da versare a Hamas. Anche i finanziamenti esteri (Qatar su tutti) sono stati lasciati più o meno passare, questo con il solo intento di togliere potere all‘ANP. Per Netanyahu la priorità è la Cisgiordania…che deve essere tolta ad Abbas. Un errore….in qualsiasi modo la si vuole guardare. Netanyahu ha sbagliato e ne pagherà le conseguenze. E hai ragione, ci ha perso la faccia e, cosa molto più grave e irreparabile, la fiducia del suo popolo. Quando questa guerra contro Hamas finirà, Israele avrà un nuovo governo.

miomiomio76 5 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Sono d’accordo ,assieme a Itamar Ben-Gvjr proprio allontanarlo in Uganda lol … speriamo in un nuovo “Rabin”

Keope1963 5 mesi fa su tio
Ma poverino, ora fa quasi tenerezza… il primo ministro del governo nazional s i o n i s t a
NOTIZIE PIÙ LETTE