Cerca e trova immobili

MEDIO ORIENTE«La violenza di Hamas non giustifica la punizione collettiva infilitta al popolo palestinese»

08.12.23 - 16:51
A dirlo è il segretario dell'ONU Guterres
Foto Keystone
Fonte ATS
«La violenza di Hamas non giustifica la punizione collettiva infilitta al popolo palestinese»
A dirlo è il segretario dell'ONU Guterres

NEW YORK - «La brutalità perpetrata da Hamas non potrà mai giustificare la punizione collettiva del popolo palestinese». Lo ha detto il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al Consiglio di Sicurezza.

«Siamo tutti consapevoli che Israele ha iniziato la sua operazione militare in risposta ai brutali attacchi terroristici di Hamas del 7 ottobre - ha ricordato allo stesso tempo, condannando «senza riserve questi attacchi» e dicendosi «sconvolto dalle notizie di violenza sessuale».

«La gente di Gaza guarda nell'abisso. La comunità internazionale deve fare tutto il possibile per porre fine a questa dura prova. Esorto il Consiglio a non risparmiare alcuno sforzo per spingere per un cessate il fuoco umanitario immediato, per la protezione dei civili e per la consegna urgente di aiuti salvavita. Gli occhi della storia stanno guardando, è tempo di agire», ha aggiunto Guterres, evocando nuovamente una «spirale da incubo umanitario». «Non esiste una protezione efficace dei civili, nessun posto a Gaza è sicuro», ha aggiunto.

«Le condizioni per l'effettiva consegna degli aiuti umanitari non esistono più», ha proseguito Guterres. «Il punto di passaggio a Rafah non è stato progettato per centinaia di camion e rappresenta un grosso collo di bottiglia, ma anche se fossero consentiti rifornimenti sufficienti a Gaza, intensi bombardamenti e ostilità, le restrizioni israeliane ai movimenti, la carenza di carburante e le comunicazioni interrotte rendono impossibile per le agenzie delle Nazioni Unite e i loro partner raggiungere la maggior parte delle persone bisognose. Anche il sistema sanitario di Gaza sta crollando mentre i bisogni aumentano», ha aggiunto.

Intanto, il voto della bozza di risoluzione in Consiglio di Sicurezza Onu che chiede il cessate il fuoco umanitario a Gaza è stato rimandato almeno al tardo pomeriggio (la notte svizzera). Lo hanno comunicato diplomatici dell'organo delle Nazioni Unite.

«Serve tempo per negoziare, un veto sarebbe un fallimento del Consiglio di Sicurezza», ha commentato l'ambasciatore francese all'Onu, Nicolas de Rivière. Usa e Gran Bretagna si sono opposti al testo preparato dagli Emirati Arabi Uniti.

«Il regime occupante e dell'apartheid è molto più avanti nella competizione con l'Isis a livello di vari tipi di crimini», ha dal canto suo scritto su X il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian pubblicando una foto dei militanti di Hamas catturati dall'Esercito israeliano e accusando Israele di «genocidio, infanticidio e utilizzo di armi vietate».

Amirabdollahian ha anche criticato gli Stati Uniti per il loro sostegno verso l'amministrazione israeliana. «Il continuo sostegno della Casa Bianca per i crimini di guerra del regime israeliano porterà a un collasso strutturale delle istituzioni internazionali», ha aggiunto il ministro della Repubblica islamica.

COMMENTI
 

tschädere 2 mesi fa su tio
oramai sono loro i padroni del mondo intero.solo loro hanno ragione.

Gemelli57 2 mesi fa su tio
Israele sta facendo vedere il vero volto, d'altronde sono decenni che cercano di sopraffare in ogni modo i palestinesi. Purtroppo il loro comportamento non mi meraviglia ma non capisco come li si possa supportare ancora alla luce dei crimini commessi, gratuitamente e non necessari al loro scopo, su persone innocenti ed indifese. Mi verrebbe da dire b............dentro!

W.Bernasconi 2 mesi fa su tio
Risposta a Gemelli57
Concordo!! E aggiungerei altre cose..

Keope1963 2 mesi fa su tio
In una cacofonia completa suonata a Gaza dagli israeliani, addirittura anche le parole del ministro degli Esteri iraniano sembrano essere appropriate, soprattutto l’ultimo paragrafo.

W.Bernasconi 2 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Infatti, chi l’avrebbe mai detto?!? Iran fa meglio di Israele (a questo punto direi che ci vuole poco per fare meglio.. persino lo svalvolato Kim risulta un poco meglio di quelli..)

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a W.Bernasconi
Credo che il sostegno incondizionato sul quale sanno di poter contare sia il loro più grande problema… alla lunga diventerà un’arma a doppio taglio, a meno che il prossimo loro governo sappia rimediare, ma non credo. Danno per scontato di avere il 100% di ragione ma il problema è che tutto è stato fatto malamente sin dall’inizio e non hanno nessuna intenzione di mettersi in discussione. Arroganza e poca lungimiranza, se veramente volessero la pace, ad esempio, non sarebbero ancora in Cisgiordania (a fare i prepotenti). Fuori dalle scatole da li per cominciare… ecc ecc ecc

W.Bernasconi 2 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Centrato tutto il concetto!

W.Bernasconi 2 mesi fa su tio
Guterres non poteva dire parole più giuste e appropriate! Purtroppo non si può tornare indietro (..)

Nina 2 mesi fa su tio
Risposta a W.Bernasconi
Si , é da 2 mesi che Guterres dice parole giustissime ! purtroppo nulla cambia , profonde sofferenze per tutti 😢

W.Bernasconi 2 mesi fa su tio
Risposta a Nina
Dice bene

Debby 2 mesi fa su tio
Nessun tipo di violenza in generale deve essere giustificata… Nessuna guerra viene voluta dal popolo, sappiamo bene che le decisioni sono prese dalle persone con il c.lo al caldo mentre muoio e combattono i civili le persone violente sono la vergogna per la razza umana
NOTIZIE PIÙ LETTE