Cerca e trova immobili

GUERRA IN UCRAINALa Polonia smorza le tensioni e apre i corridoi per il grano

24.09.23 - 20:22
I toni si sono abbassati dopo la minaccia di Kiev di portare la Polonia davanti all'Organizzazione mondiale del commercio
keystone-sda.ch / STF (ERDEM SAHIN)
Fonte Ats ans
La Polonia smorza le tensioni e apre i corridoi per il grano
I toni si sono abbassati dopo la minaccia di Kiev di portare la Polonia davanti all'Organizzazione mondiale del commercio

VARSAVIA - Lo scontro fra Polonia e Ucraina, alleati di ferro contro la Russia ma divisi sulle importazioni di grano in Europa, si smorza. Ci ha pensato il presidente polacco Andrzej Duda a gettare acqua sul fuoco delle polemiche, innescate dalla posizione oltranzista del premier Mateusz Morawiecki.

Le elezioni, si sa, si avvicinano e i voti degli agricoltori sono cruciali. Ma lo standing della Polonia stava iniziando a soffrire. Ecco allora che Varsavia ha annunciato corridoi di transito attraverso i quali l'Ucraina può esportare il suo grano verso i paesi che ne hanno bisogno ma manterrà in vigore il divieto di esportazione sul proprio mercato.

«Stiamo cercando di aiutare l'Ucraina - afferma Duda - e i paesi che ne hanno bisogno. Credo che il governo polacco abbia preso la decisione giusta di mantenere il divieto di vendita del grano ucraino sul mercato polacco: grazie al lavoro dei nostri agricoltori siamo autosufficienti». In pratica non cambia nulla e si torna alla situazione precedente.

«Stiamo finalizzando i nostri commenti sul piano d'azione che Kiev ha presentato lunedì scorso all'ultima riunione della piattaforma di coordinamento» sull'export dei cereali ucraini e che verrà discusso durante la nuova riunione della piattaforma, in programma «giovedì prossimo», ha notato una portavoce della Commissione europea. Perché, ovviamente, ci sono degli aspetti comunitari che vanno affrontati.

Insomma, i toni si sono abbassati dopo la minaccia di Kiev di portare la Polonia all'Organizzazione mondiale del commercio (Omc/ Wto) e il coro di critiche, sulla linea del tradimento, scoppiato a Varsavia.

Lo stesso presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha usato un registro ben più conciliante. «Sono grato a tutta la Polonia per l'inestimabile sostegno e solidarietà che contribuisce a difendere la libertà di tutta la nostra Europa», ha scritto in un post su Telegram ricordando di aver incontrato e ringraziato i cittadini e i volontari polacchi per gli sforzi a favore dell'Ucraina.

A Mosca d'altra parte non era parso vero di scorgere una crepa nell'alleanza di ferro e nei giorni scorsi si era gettata a capofitto nella diatriba. «Le tensioni tra Varsavia e Kiev cresceranno», aveva vaticinato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. «E anche le frizioni tra Kiev e le altre capitali europee cresceranno con il tempo, è inevitabile». Ma pure questa volta sarà per un'altra volta.

Certo, che il futuro sia privo di sussulti non è detto. Il candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti, il governatore della Florida Ron DeSantis, si è detto ad esempio contrario all'adesione dell'Ucraina alla Nato, affermando di non ritenere che sia nell'interesse della sicurezza americana.

«Tutto ciò farebbe aggiungere altri obblighi a noi ma quali sono i benefici che otteniamo in cambio?», si è chiesto nel podcast del Glenn Beck Program. Le presidenziali americane rischiano quindi di essere una momento di svolta nella storia di questo conflitto. Zelensky lo sa, per questo vuole correre. E lo sanno anche a Mosca.

Nel mentre il capo filorusso della sedicente Repubblica del Donetsk, Denis Pushilin, ha imposto un coprifuoco di cinque ore nelle strade e nei luoghi pubblici dalle 23 alle 04 dal lunedì al venerdì. Pushilin ha pubblicato un decreto che vieta assemblee, manifestazioni oltre ad altri eventi di massa nelle parti della regione di Donetsk occupate dalla Russia, a meno che non siano autorizzate dal quartier generale. L'ordine di Pushilin stabilisce anche posti di blocco e posti di sicurezza ai confini con le regioni di Lugansk e Zaporizhzhia.

Ticinonline è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati.
COMMENTI
 
Peter Parker 2 mesi fa su tio
Era scontato che avrebbero trovato un compromesso. Però non capisco perché nell’articolo si dice che in „pratica non cambia niente e si ritorna alla situazione precedente“. Non è così. Ora la Polonia garantisce unicamente il passaggio delle esportazioni ucraine, ma non le acquista più per il proprio mercato interno. Cosa che all’inizio invece faceva e che ha portato alle critiche degli agricoltori polacchi.
medioman 2 mesi fa su tio
Penso che la Polonia è stata costretta.
TheQueen 2 mesi fa su tio
Anche in Crimea, Donbass Luhansk sono stati costretti a votare con le armi
medioman 2 mesi fa su tio
Con la maggioranza russofona 🤔
Ulk 2 mesi fa su tio
Ti stai arrampicando sugli specchi, ma per favore.
Ulk 2 mesi fa su tio
Mai visto ne sentito che costringono a votare. In Svizzera è seccante che capiscono se sei andato a votare o no...anche da noi ti "costringono ad andare"
Ulk 2 mesi fa su tio
Come dice cetto la qualunque: Mi voti allora ti faccio lavorare , non mi voti...van kulen e te e tutti i tuoi
W.Bernasconi 2 mesi fa su tio
Decisione saggia da parte polacca.
NOTIZIE PIÙ LETTE