Immobili
Veicoli
«Vi paghiamo se lasciate che gli scarafaggi vi infestino la casa»

STATI UNITI«Vi paghiamo se lasciate che gli scarafaggi vi infestino la casa»

05.07.22 - 06:00
La singolare proposta di una compagnia di disinfestazioni della Carolina del Nord, in cerca di approcci più efficienti
Depositphotos (rossosiena)
«Vi paghiamo se lasciate che gli scarafaggi vi infestino la casa»
La singolare proposta di una compagnia di disinfestazioni della Carolina del Nord, in cerca di approcci più efficienti

RALEIGH - Lauto compenso per chi si lascerà invadere ogni angolo della casa da un esercito di scarafaggi affamati. L’insolita (e pericolosa) sfida arriva da una compagnia di disinfestazione della Carolina del Nord che offre duemila dollari a chi sarà disposto a convivere per un mesetto con un centinaio di esemplari della cosiddetta “blatta americana”. Il tutto per sperimentare un nuovo trattamento che promette di buttare in soffitta i pericolosi insetticidi tradizionali. 

The Pest Informer, questo il nome dell’azienda con sede nella città di Raleigh, ha chiesto la partecipazione di un gruppo di sette famiglie al massimo. Oltre alle blatte, i partecipanti dovranno aprire le porte anche alle telecamere che filmeranno non-stop per 30 giorni la risposta degli animaletti al trattamento.

In una nota ufficiale, la compagnia – che ha oltre vent’anni di esperienza nel settore – spiega: «Con il progredire della tecnologia, siamo sempre alla ricerca di modi nuovi e migliori per eliminare gli insetti nocivi (in particolare gli scarafaggi)».

E aggiunge di voler «sperimentare una specifica tecnica di controllo dei parassiti», per valutare l'efficacia del trattamento. Incoraggianti le premesse dell’esperimento, visto che l’idea di fondo è quella d'impiegare nella battaglia contro gli scarafaggi materiali economici, facili da reperire e acquistare e soprattutto sicuri anche per eventuali animali domestici presenti tra le mura domestiche.

Da prassi, al momento i professionisti della disinfestazione fanno ricorso a potenti insetticidi. The Pest Informer assicura che in caso di fallimento dell’esperimento, saranno utilizzate tecniche più convenzionali (vedi insetticidi) per liberare la casa dalle blatte, che nel frattempo avranno tutto il tempo di riprodursi. Strano ma vero, l’iniziativa ha riscosso immediato successo. Il fondatore, David Floyd, ha raccontato ai media americani di aver raccolto oltre duemila richieste in pochissimi giorni. Ma c’è tempo ancora fino alla fine di luglio per presentare la propria «candidatura»!

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO