Immobili
Veicoli

SERBIALa Serbia cede alle critiche, e riduce i voli per Mosca

13.03.22 - 21:43
Il Presidente Aleksandar Vučić ha annunciato, non senza polemiche, il ritorno a «un volo al giorno» verso la Russia
Deposit/Keystone
SERBIA
13.03.22 - 21:43
La Serbia cede alle critiche, e riduce i voli per Mosca
Il Presidente Aleksandar Vučić ha annunciato, non senza polemiche, il ritorno a «un volo al giorno» verso la Russia
A Belgrado, in particolare, non va giù il trattamento riservato alla Turchia

BELGRADO - La Serbia ha alla fine - almeno parzialmente - ceduto alla pressione europea, e ha deciso di ridurre nuovamente il numero di voli giornalieri che vanno e che tornano da Mosca.

Lo ha annunciato il Presidente serbo Aleksandar Vučić, parlando del ritorno del regime di «un solo volo al giorno per Mosca». Lo ha riportato l'agenzia AP.

Il Paese e la sua compagnia di bandiera Air Serbia, lo ricordiamo, erano finiti al centro delle critiche da parte dei Paesi dell'Unione europea per aver aumentato il numero di voli (ed usato voli più capienti) verso Mosca, indebolendo il divieto a livello Ue (e non solo) per i voli russi di volare nei cieli europei.

Così facendo, il vettore di Belgrado ha ben presto reso Mosca la sua destinazione più redditizia in Ucraina, con imprenditori, turisti e diplomatici che ne hanno approfittato per raggiungere velocemente i Paesi nel cuore d'Europa.

«La Serbia è l'unica in Europa con un cielo aperto alla Russia», aveva ad esempio twittato il vice ministro degli Esteri ucraino Emine Dzheppar. «Fare soldi sul sangue (ucraino) è indegno di un paese candidato all'Ue».

«Siete soddisfatti?»
Vučić, parlando di una «caccia alle streghe» contro il suo Paese, ha quindi oggi detto che Air Serbia tornerà a un volo per Mosca al giorno. «Coloro che stanno conducendo la caccia alle streghe contro la Serbia in relazione ai voli verso la capitale della Russia saranno soddisfatti di questo?» ha chiesto Vučić durante un'intervista, lamentandosi del trattamento riservato alla Turchia.

«Perché non criticano il Paese che è parte della NATO, che è parte in Europa e parte in Asia, e che ha 30 volte più voli verso Mosca della Serbia?», ha detto, rendendo chiarissimo il riferimento ad Ankara. «E perché non lo dicono a certi stati del Golfo, che hanno 15 voli in più di noi?» ha poi aggiunto.

Con la riduzione dell'offerta verso Belgrado, sarà presumibilmente ancora maggiore la richiesta di posti nei voli verso la Turchia, che dall'invasione dell'Ucraina è diventata il principale mercato internazionale della Russia, con il 17,3% dei voli complessivi. Gli Emirati Arabi Uniti sono al secondo posto, ma hanno una minore connettività con l'America e l'Europa rispetto alla Turchia.

CORRELATI
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO