Immobili
Veicoli
Keystone
La "Symphony of the Seas".
OCEANO ATLANTICO
23.12.2021 - 12:040
Aggiornamento : 12:32

Diversi casi positivi su due crociere al largo delle Americhe

Nonostante l'obbligo di vaccino per i passeggeri, il coronavirus si è infiltrato a bordo

Una delle due imbarcazioni era già attraccata, l'altra dovrà restare in mare almeno fino al 26 dicembre

MIAMI - Una nave da crociera del gruppo Royal Caribbean si è vista negare l'ingresso ai porti di due nazioni insulari (Curacao e Aruba) dopo che 55 persone tra membri dell'equipaggio e passeggeri sono risultati positivi al Covid.

Ne dà notizia l'emittente statunitense CNN, riportando che è il secondo caso in pochi giorni: recentemente anche a bordo della "Symphony of the Seas" (la nave della Royal Caribbean definita «la più grande nave del mondo») sono state riscontrate le positività di 48 persone, ma solo dopo che la nave aveva già attraccato a Miami, in Florida.

Tornando alla "Odyssey of the Seas", la situazione è più complicata: alla nave (che può ospitare più di 5'500 turisti) è stato ordinato di rimanere in mare fino al 26 dicembre, quando potrà tornare a Fort Lauderdale, da dove è partita. 

Le autorità sanitarie di Curacao si sono giustificate spiegando che la percentuale di persone positive a bordo era troppo alta, e soprattutto in crescita: «L'altro ieri, 18 persone sulla nave erano positive, ieri 36 e questa mattina erano 51. Inoltre, diversi membri dell'equipaggio non sono stati messi in quarantena, quindi c'è una buona probabilità che altri passeggeri siano stati infettati», ha dichiarato l'epidemiologo dell'autorità sanitaria nazionale, Izzy Gerstenbluth.

Non è ancora chiaro se ci sia l'altamente contagiosa variante Omicron dietro ai casi rilevati su entrambe le crociere.

Ma quali regole vigono per potersi imbarcare?
Le norme della Royal Caribbean sono chiare: prevedono che tutti i viaggiatori a bordo - a partire dai 12 anni - debbano essere completamente vaccinati (due dosi) e risultare negativi ad un tampone, prima della partenza. L'azienda «raccomanda vivamente» agli ospiti di ricevere anche il booster, la dose di richiamo, ma non è al momento obbligatorio.

Per quel che concerne i membri dell'equipaggio, oltre ad essere completamente vaccinati (due dosi) devono fare un tampone «almeno una volta alla settimana».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ivandaronch 4 mesi fa su tio
Allora, se vigeva l'obbligo del vaccino, a chi si da' la colpa in questo caso??? Ai no vax che non erano a bordo??? o che sia il vaccino a fare cilecca?? Lo sappiamo che e' il vaccino il problema.
Luca 68 4 mesi fa su tio
restino pure in mare, a quanto pare non hanno imparato nulla,
ceresade36@gmail.com 4 mesi fa su tio
Se non e covid è natale sono stuffata al massimo 😡😤😠
Don Quijote 4 mesi fa su tio
Quattro gatti non possiamo entrare in un bar, e festeggiare in famiglia con più di 10 persone è un reato, invece qua imbarcano 4'000 persone stipate come sardine!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-20 18:08:40 | 91.208.130.87