Reuters
FRANCIA
11.10.2021 - 07:240

Dieci Paesi europei lanciano l'appello per l'energia nucleare

«Protegge i consumatori europei dalla volatilità dei prezzi» affermano i firmatari del documento

PARIGI - Dieci Stati membri dell'Unione Europea hanno pubblicato un documento a sostegno dell'energia nucleare, sottolineando il ruolo che, a loro dire, potrebbe svolgere contro il riscaldamento globale.

Firmato dal ministro dell'Economia, Bruno Le Maire, e dal viceministro con delega all'Industria, Agnès Pannier-Runacher, questo testo sostiene anche che il nucleare "contribuisce in modo decisivo all'indipendenza delle nostre fonti di produzione di energia ed elettricità". Oltre alla Francia, è stato firmato da Romania, Repubblica Ceca, Finlandia, Slovacchia, Croazia, Slovenia, Bulgaria, Polonia e Ungheria.

I firmatari affermano che l'energia nucleare «protegge i consumatori europei dalla volatilità dei prezzi», mentre i prezzi del gas sono in forte tensione da diversi mesi.

Ritengono pertanto «assolutamente indispensabile che l'energia nucleare venga inserita nel quadro della tassonomia europea entro la fine di quest'anno», ovvero nell'elenco delle energie ritenute virtuose sia per il clima che per l'ambiente che la Commissione deve proporre nei prossimi mesi.

Il tema divide gli Stati membri. Se Francia, Polonia e Repubblica Ceca difendono il nucleare, Paesi come Germania e Austria vi si oppongono strenuamente, mentre molti ambientalisti ritengono la tecnologia troppo rischiosa.

Il documento è pubblicato da vari quotidiani europei, tra cui il francese Le Figaro.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 mese fa su tio
Evidentemente c'è l'alternativa valida: è quella individuata da verdi ed ecologisti: torniamo indietro di 50 anni: lì sicuramente risparmiavano energia e non emettevano CO2
emib53 1 mese fa su tio
@vulpus EseDavvero? 50 anni fa molte case erano scaldate con nafta, ma ne rimanevano molte a carbone. Le auto erano meno di oggi ma consumavano molto di più. È questo il futuro? E da dove prenderemo l'elettricità per le termopompe, le auto e tutti gli apparecchi che abbiamo in casa?
Tato50 1 mese fa su tio
@emib53 Una bici in sala con la dinamo e pedalare ;-)
Lukeed 1 mese fa su tio
Il futuro è nucleare !
Nikko 1 mese fa su tio
La lobby nucleare intensifica le azioni in favore delle centrali nucleari. Non solo in Europa ma anche in Svizzera e in Ticino. Sempre più spesso leggo articoli anche a pagamento in favore del nucleare. Avevano anche finanziato abbondantemente la campagna contro la legge sul CO2. Il nucleare viene presentato come la soluzione alla richiesta sempre più crescente di energia elettrica… e delle scorie radioattive chissenefrega! Le facce toste vogliono convincerci che basta nasconderle sotto lo zerbino! E così lasceremo in eredità alle prossime generazioni inquinamento radioattivo nei secoli dei secoli, amen…
emib53 1 mese fa su tio
@Nikko Sì, credo sia quello che propongono i verdi. Io ho già risanato la mia casa da anni, ma la forze per pedalare 4per far funzionare la termopompa non ce l'ho più, ci pensi tu? Sono solo 12 kWatt, meno di 10 cavalli. Per gli altri apparecchi me la caverò.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-27 10:31:05 | 91.208.130.87