Keystone
Morrison, Joe Biden ed Emmanuel Macron.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Quelle email inappropriate che Bill Gates mandava a una dipendente
Lo scambio datato 2008 getta nuova luce sulle sue dimissioni, avvenute forse sotto pressione di Microsoft stessa
LE FOTO
ISRAELE
1 ora
Quel che resta di una crociata... 900 anni dopo
Interessante reperto vicino alla cittadina israeliana di Haifa, verrà ora restaurata ed esposta
STATI UNITI
2 ore
La statua di Jefferson rimossa dalla Sala del Consiglio di New York
Lo ha deciso il Consiglio che ha approvato all'unanimità la proposta di una giunta di consiglieri di colore
COREA DEL NORD
4 ore
La Corea del Nord ha lanciato un missile in direzione del Giappone
L'arma balistica è stata sparata questa mattina all'alba e si è inabissata nel Mar Orientale senza fare danni
MONDO
5 ore
Troppa disinformazione «per fare scelte consapevoli riguardo alla propria salute»
Amnesty International attacca i Governi e le aziende di social media: «Fermate l'attacco alla libertà d'espressione»
FOCUS
5 ore
In fuga da tre anni
Tra i migranti in viaggio ci sono famiglie, bambini molto piccoli e donne incinte. Ecco le loro storie e i loro volti
BRASILE
12 ore
Bolsonaro come Hitler: la copertina crea scandalo
Un settimanale brasiliano attacca il presidente definendolo «architetto della tragedia» e «mercante di morte».
NIGERIA
13 ore
Attacco al mercato, almeno 43 morti in Nigeria
Uomini armati hanno assaltato un villaggio dello stato di Sokoto, nel nord-ovest del Paese.
ITALIA
16 ore
Un professore alla guida di Roma
In Italia vola il centrosinistra che si è portato a casa tutti i capoluoghi di regione (a parte Trieste).
FOTO
STATI UNITI
16 ore
Esce dal ristorante senza mascherina, è bufera su Joe Biden
Il presidente è stato fotografato a viso scoperto mentre usciva da un ristorante italiano di Washington D.C.
AUSTRALIA
19.09.2021 - 11:290
Aggiornamento : 13:31

90 miliardi in sottomarini, Francia umiliata e Cina sul chi vive: ecco cos'è l'accordo Aukus

Gli ultimi strascichi di una crisi più strategica che economica e di cui di sicuro sentiremo ancora parlare

SYDNEY - Ha lasciato Sydney per tornare a Parigi, e con la coda fra le gambe, l'ambasciatore francese Jean-Pierre Thebault i cui sforzi non sono riusciti a sistemare la crisi, abbastanza clamorosa, relativa a una commessa da 90 miliardi di dollari in sottomarini che Canberra ha deciso di stralciare. In seguito, il Governo australiano ha siglato un accordo analogo con gli Stati Uniti e il Regno Unito.

«Sono triste, come lo sarebbe ogni persona onorevole, pensavo che con l'Australia fossimo amici», ha confermato il diplomatico alla redazione australiana del Guardian, «questo perché so quanto gli australiani prendano sul serio gli accordi presi».

L'accordo in questione, lo ricordiamo, è la vendita di 12 sottomarini da guerra Barracuda, siglata nel 2016 con l'allora premier australiano Malcom Turnbull, per 56 miliardi di euro. Una firma dalla valenza sì economica, ma anche strategica che - di fatto - legava Canberra e Parigi in un'alleanza marittima nell'area fra l'India e il Pacifico.

Ed è proprio la questione strategica del controllo degli oceani che ha verosimilmente spinto gli Stati Uniti a intromettersi, portando al tavolo anche Londra, e stabilendo un'alleanza tricefala - denominata Aukus - fra l'Australia e i sopracitati States e UK. I Paesi nell'alleanza «condivideranno tecnologie riservate per costruire almeno 8 sottomarini nucleari», con l'obiettivo non dichiarato - ma evidente - di frenare le mire cinesi sull'area.

Ed è proprio Pechino a preoccupare soprattutto l'America che, anche sotto Joe Biden, sembra voler mantenere la linea durissima varata dal predecessore repubblicano Donald Trump. Questa volta però più che sulla deterrenza economica, sembra si voglia piuttosto puntare su quella militare. La risposta della Cina non si è fatta attendere e si è già parlato di «mentalità da guerra fredda».

All'accordo Aukus, pare, si stesse lavorando da 18 mesi - con un meeting fra le parti fondamentale avvenuto a ridosso del G7 in Cornovaglia - tenendo non solo Parigi all'oscuro, ma con una parte della diplomazia australiana impegnata a portare avanti le cose con la Francia, con anche incontri fra ministri fino a due settimane fa.

«La sensazione di una pugnalata alle spalle è fortissima», ribadisce Thebault. Secondo altre fonti, compreso il premier australiano Morrison, ripreso dal Washington Post, il fatto che Canberra non stesse perseguendo la linea francese con assoluta convinzione sarebbe stato chiaro a molti, anche nel Governo Macron: «Sapevano che le capacità di quei sottomarini non raggiungevano le nostre necessità strategica», ha confermato ai media Morrison.

Sottomarini in prestito fino al 2040

Gli alleati dell'Aukus stanno ora valutando le loro prossime mosse, una delle quali potrebbe essere il prestito da parte britannica e americana di sottomarini armati almeno «fino al 2040» quando la nazione insulare «potrà gestire la difesa delle sue acque in maniera autonoma». Lo scambio, «oltre ad allargare la flotta permetterebbe anche di formare i militi della nostra marina», ha spiegato il ministro delle Finanze australiano Peter Dutton all'emittente ABC. Al momento, però, i sottomarini nucleari sarebbero esclusi, per motivi relativi alla convinta partecipazione del Paese al Trattato per la non proliferazione delle armi nucleari.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 11:58:21 | 91.208.130.86