Reuters
Il Ministro degli Esteri francese, Jean-Yves Le Drian.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
Cina
53 min
Gli sconosciuti che danno le caramelle ai bambini per spiarli
Un nuovo rapporto rivela le strategie di Pechino «per eliminare il dissenso»
ITALIA
3 ore
Fondazione Open, tra gli indagati c'è anche Matteo Renzi
La Procura di Firenze ha concluso le indagini sulla fondazione che ha sostenuto le idee politiche dell'ex Premier.
Afghanistan
5 ore
Figli ceduti ai creditori per sanare i debiti: la povertà in Afghanistan
Il racconto di una madre disperata: «Se la vita continuerà a essere così orribile, ucciderò i miei figli e me stessa»
LE FOTO
SPAGNA
5 ore
Quei cani ostaggio della lava e la missione con un drone per salvarli
L'obbiettivo è acciuffarli con un drone dotato di una larga rete e trasportarli al sicuro, ma le insidie sono diverse
REGNO UNITO
6 ore
C'è un'altra variante "Delta Plus" sotto la lente
La sua prevalenza è in crescita nel Regno Unito ma per ora non desta preoccupazione. Più contagiosa? «Forse del 10-15%».
GERMANIA
6 ore
Governo "semaforo", le trattative al via giovedì?
A capo dell'esecutivo, nel ruolo di primo cancelliere del dopo Merkel, ci sarà probabilmente Olaf Scholz
ITALIA
7 ore
Senatrice in aula senza Green Pass: «Mi rifiuto». Stop alla seduta
Sospesi i lavori in senato in seguito al caso di Laura Granato, per cui è stata convocata una riunione d'urgenza
Germania
8 ore
«Chi va a letto con il capo ottiene un lavoro migliore»
Un'inchiesta del New York Times scoperchia il quotidiano tedesco Bild: «una cultura di sesso, giornalismo e denaro»
MONDO
16.09.2021 - 11:090

È nato un nuovo accordo di sicurezza tra USA, Australia e Regno Unito

Secondo gli analisti, l'intesa mira a contenere la Cina. Per ora, però, ha infuriato la Francia

Per il Ministro degli Esteri francese, quella australiana è «una pugnalata alla schiena».

PARIGI - L'Australia ha stretto una partnership di sicurezza indo-pacifica con gli Stati Uniti e il Regno Unito, che gli permetterà di costruire otto sottomarini a propulsione nucleare.

«Il nostro mondo sta diventando più complesso, specialmente nella regione dell'Indo-Pacifico», ha commentato il premier australiano Scott Morrison, annunciando l'intesa che, secondo gli analisti, irriterà la Cina, ma che nel frattempo ha reso furente la Francia.

Parigi ha infatti definito «una pugnalata alla schiena» da parte dell'Australia e una «decisione brutale alla Trump» da parte del presidente americano Joe Biden l'annuncio dell'accordo tra Washington, Canberra e Londra. Il motivo? Ha portato alla rottura di un contratto di fornitura di sottomarini tra Francia e Australia.

«È davvero una pugnalata alla schiena - ha detto il ministro degli Esteri, Jean-Yves Le Drian ai microfoni di France Info - questa decisione unilaterale, brutale, imprevedibile assomiglia molto a quello che faceva Trump».

A France Info, Le Drian si è detto «arrabbiato» e «pieno di amarezza»: «avevamo stabilito con l'Australia una relazione di fiducia. Questa fiducia è stata tradita». Era stato proprio Le Drian nel 2016, nel suo precedente incarico come ministro della Difesa, a concludere il «contratto del secolo» con l'Australia: 56 miliardi di euro per 12 sottomarini convenzionali (non nucleari) che sarebbero stati forniti dal francese Naval Group.

«Abbiamo appreso in modo brutale, da una dichiarazione del presidente Biden - ha insistito Le Drian - che il contratto concluso tra la Francia e gli australiani non si farà più, e che gli Stati Uniti proporranno un'offerta nucleare, di cui non si conosco i contenuti, agli australiani. È una cosa che non si fa tra alleati. Fino a poco tempo fa parlavamo di tutto questo con gli Stati Uniti ed ora arriva questa rottura. È insopportabile».

L'Australia sarà solo il secondo Paese - dopo il Regno Unito nel 1958 - ad avere accesso alla tecnologia nucleare degli Stati Uniti per costruire sottomarini a propulsione nucleare.

Nell'annunciare l'intesa, i leader di Stati Uniti, Australia e Gran Bretagna non hanno menzionato la Cina, ma Washington e i suoi alleati stanno cercando di contenerne il potere e l'influenza, in particolare visto il recente aumento della presenza militare cinese nel Mar Cinese meridionale e la pressione su Taiwan.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 mese fa su tio
Peggio!! É da ricovero…
marco17 1 mese fa su tio
Poveri francesi: vorrebbero ancora contare qualcosa nel Mondo, quando non sono nemmeno capaci di risolvere i problemi elementari a casa loro.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 00:33:27 | 91.208.130.87