Immobili
Veicoli
Depositphotos (foto d'archivio)
REGNO UNITO
02.09.2021 - 12:300
Aggiornamento : 15:09

Long Covid, rischio dimezzato con il vaccino

È quanto emerge dai risultati di uno studio del King's College di Londra

LONDRA - Vaccinarsi contro il Covid-19 sembra avere, per quella ridottissima percentuale - lo 0.2% stando ai numeri presentati questa mattina dalla BBC - che comunque viene infettata dal virus, effetti positivi anche in termini di protezione dal "long Covid".

A parlare ai microfoni del network britannico è stata la dottoressa Claire Steves, ricercatrice presso il King's College di Londra e tra le figure responsabili dell'app COVID Symptom Study, che ha spiegato come le persone infettate nonostante la vaccinazione corrano tuttavia un rischio significativamente inferiore di sviluppare forme sintomatiche della malattia e sintomi sul lungo periodo.

I ricercatori britannici hanno preso in esame i dati di 1.2 milioni di persone e hanno scoperto che solamente lo 0.2% di chi aveva ricevuto entrambe le dosi di vaccino è poi risultato positivo. Di questi, solamente il 5% ha sviluppato forme del cosiddetto "long Covid". Una cifra che sale invece all'11% nel gruppo dei non vaccinati.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 14:31:32 | 91.208.130.85