Immobili
Veicoli

CANADAVa al raduno «contro i vaccini killer» in uniforme, soldato nei guai

26.05.21 - 18:50
L'ufficiale è stato accusato di «ammutinamento», un reato che non avviene da decenni, in Canada
Keystone
Va al raduno «contro i vaccini killer» in uniforme, soldato nei guai
L'ufficiale è stato accusato di «ammutinamento», un reato che non avviene da decenni, in Canada

TORONTO - Ammutinamento. È l'accusa nei confronti di un soldato canadese che avrebbe esortato altre reclute dell'esercito a non aiutare lo Stato nella distribuzione e somministrazione dei vaccini contro il Covid-19.

Le accuse sono state annunciate dal Dipartimento della Difesa, che ha detto che l'uomo «ha tentato di persuadere altre persone a partecipare ad un ammutinamento» e che si è comportato «in modo scandaloso per un ufficiale». Lo riporta il Guardian.

Lo scorso dicembre, l'uomo si è recato infatti ad un raduno anti-lockdown a Toronto, indossando l'uniforme ufficiale, e mettendo in guardia i presenti «sui vaccini killer», definendo l'assunzione del vaccino come «criminale». Poi, ha invitato altri soldati a disobbedire ai loro ordini: «Sto chiedendo ai militari in servizio, camionisti, medici, ingegneri, qualunque cosa siate, non ascoltate l'ordine di aiutare la distribuzione di questo vaccino», ha detto.

Dopo l'apparizione, l'uomo è stato sollevato dalle sue funzioni ed accusato dalla polizia militare di ammutinamento. Nel frattempo, alcuni suoi sostenitori hanno lanciato un crowdfunding per aiutarlo con le spese legali.

In ogni caso, nonostante alcune manifestazioni ed eventi anti-vaccino, i canadesi hanno espresso un forte interesse a ricevere un siero anti-coronavirus. Più del 50% della popolazione ha già ricevuto almeno una dose tra i preparati disponibili.

In Canada, lo ricordiamo, l'accusa di ammutinamento è più unica che rara, e non viene usata da decenni. 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO