UWI Seismic Research Centre, via Reuters
SAINT VINCENT E GRENADINE
09.04.2021 - 10:180
Aggiornamento : 11:48

«Eruzione imminente» 7'000 persone evacuate dall'isola dei Caraibi

Delle navi da crociera sono dirette a Saint Vincent e Grenadine per allontanare i residenti

KINGSTOWN - Codice rosso: a Saint Vincent e Grenadine è stata diramata l'allerta massima ed è in corso l'evacuazione di circa 7'000 persone a causa di un cambiamento nell'attività eruttiva del vulcano La Soufrière.

Lo ha annunciato il Primo ministro di Saint Vincent e Grenadine, Ralph Gonsalves, che ha parlato di «eruzione imminente», sulla base delle informazioni fornite dai sismologi.

Gli ordini di evacuazione sono già in atto in circa una dozzina di distretti dell'isola, che è la più grande dei Caraibi. Per poter allontanare le persone, sono state inviate due navi da crociera della Carnival Cruise Lines, informa la Cnn, con anche la Royal Caribbean International che sta mandando qualche vascello.

Ogni nave ospiterà fino a 1'500 residenti che saranno trasportati nelle isole vicine che hanno dato la loro disponibilità ad accogliere gli sfollati.

Ad allertare gli esperti è stata una forte scossa vulcanica, seguita poi da alcune bande di scosse minori: il tipo di segnale sismico solitamente associato al movimento di magna vicino alla superficie.

Secondo il geologo Richard Robertson, La Soufrière potrebbe eruttare «in poche ore», e «fino a qualche giorno», a quanto si legge sul giornale locale St Vincent News 784.

UWI Seismic Research Centre, via Reuters
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ro 7 mesi fa su tio
Personalmente non sto con nessuno. I cambiamenti climatici erano, da quanto ho letto, nel tempo e cioè in migliaia di anni, oggi invece tutto sta accadendo in poche decine di anni. Il fatto sta che bisognava fare qualcosa per lo meno negli anni 70, quando si iniziava a parlare dello smog nelle grandi città come New York, ma i petrolieri, la più potente lobby del mondo, non lo ha permesso e oggi continuano a porre la loro volontà grazie a politici corrotti. Ma il problema, da ignorante quale sono, parte dalla sovrappopolazione. Purtroppo la Terra non è come un formicaio che può aumentare il volume quasi all’infinito. Tra l’altro anche un numero elevato di persone fanno calore oltre che a non permettere la rigenerazione dell’ossigeno. Infatti l’atmosfera sta cambiando nella sua composizione molecolare. Secondo, più gente, più auto, più gas di scarico. Poi c’è il disboscamento, poi tutti gli oggetti che lasciano per terra. In poche parole ci stiamo annientando e questo è solo l’inizio. Noi degli anni 50 siamo l’ultima generazione che ha vissuto ancora su un pianeta ancora vivibile ma il prossimo futuro o meglio fra pochi anni ..... . Grosso modo credo di essermi spiegato.
Lore61 7 mesi fa su tio
I cambiamenti climatici ci sono sempre stati nel passato, con o senza di noi! Forse la più significativa è quella del deserto del sahara che poco meno di 10000 anni fa, era ricoperto da laghi giganteschi bagnando e rendendo fertile la zona con tanto di popolazioni ai suoi argini! Comunque non preoccuparti, con l'illusione di incidere meno nell'inquinamento, gli pseudoecologisti ti riempiranno di tasse fino all'osso, senza grandi cambiamenti per il clima, ma per le tasche di qualcuno di sicuro, infatti basta qualche vulcano per sparare in atmosfera in poche settimane più CO2 di quella prodotta dalla nostra povera società tecnologica in un anno!!
Tato50 7 mesi fa su tio
@Lore61 Più chiaro di così !!!!! Peccato che in troppi non capiscano che fonti naturali, tipo vulcani o altro, vanificano tutti gli sforzi che ci vengono richiesti o che si fanno senza che te lo comandi qualcuno. L'importante è aumentare il costo della benzina, poi chissenefrega se milioni di auto straniere attraversano il nostro Cantone e non lasciano un franco ma Co 2 ;-((( E noi paghiamo ;-((
Ro 7 mesi fa su tio
Come se la Terra fosse stanca di noi e come dargli torto. Prima l’Etna, poi il vulcano in Islanda e ora questa eruzione. Tra inquinamento, cambiamenti climatici, montagne che si sgretolano, terremoti, inondazioni, vulcani ..... la situazione diventa sempre più grave ma pare che tutto ciò sia la normalità, eh sì. “ tutto normale “. Troppi fatti in un breve lasso di tempo è che dovrebbero farci riflettere ma .... non abbiamo mai tempo se non si parla di soldi e ancora soldi
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-02 01:07:25 | 91.208.130.87