keystone-sda.ch (ABIR SULTAN)
ISRAELE
21.03.2021 - 18:160

«Escludere un dipendente non vaccinato è lecito»

Lo ha stabilito il tribunale del lavoro di Tel Aviv esprimendosi sul caso di una maestra d'asilo

La donna aveva chiesto di essere ammessa al lavoro nonostante non fosse vaccinata e non avesse intenzione di sottoporsi ad alcun tampone.

TEL AVIV - Un tribunale israeliano ha riconosciuto oggi, per la prima volta, il diritto di un datore di lavoro di impedire l'ingresso a un dipendente non vaccinato.

I giudici di Tel Aviv discutevano il caso di un'assistente di un asilo nido che aveva chiesto di poter essere ammessa al lavoro nonostante non si fosse vaccinata contro il Covid-19 e non avesse intenzione di sottoporsi ad alcun tampone.

Pur riconoscendo il principio di legittimità della sua posizione, il tribunale del lavoro - si legge sul quotidiano Globes - ha stabilito che questa non prevale al momento sulla necessaria protezione dei bambini piccoli a lei affidati e su quella del resto dello staff scolastico. Di fronte a questo interesse reputato superiore, ha aggiunto, la richiesta alla dipendente di sottoporsi a tamponi settimanali «appare un inconveniente marginale».

Nel frattempo, la donna continuerà a percepire lo stipendio. La giudice ha però lamentato pure che in merito la legge attuale presenta una lacuna che dovrebbe essere colmata il più presto possibile «per chiarezza ed uniformità».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-04 15:38:52 | 91.208.130.85