Depositphotos (josekube)
Lo stop allo sci in Italia genera molto malumore (e anche disobbedienza) tra gli operatori del settore.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
GERMANIA
31 min
Il dopo-Merkel da cardiopalma, per gli exit poll Spd e Fdu sono a pari merito
Stando ai sondaggi i due partiti di maggioranza sarebbero o fermi a quota 25% o comunque molto vicino
Regno Unito
1 ora
Sabina Nessa, arrestato il presunto assassino
La 28enne è stata accoltellata a morte lo scorso 17 settembre poco lontano dalla sua abitazione
Islanda
3 ore
Prima europea con più donne che uomini in Parlamento
Il traguardo è stato raggiunto senza il bisogno d'istituire delle “quote rosa”
MESSICO
4 ore
Militari messicani sconfinano per errore negli States, arrestati
Un manipolo di 14 soldati è finito brevemente in manette, «non sapevano dell'esistenza di un confine»
FOTO
SAN MARINO
4 ore
San Marino alle urne per depenalizzare l'aborto
È una delle poche nazioni in Europa dove è ancora illegale, si vota oggi dopo una battaglia politica lunga 18 anni
GERMANIA
8 ore
Oggi in Germania si decide il volto del dopo-Merkel
Che si prospetta instabile, con un testa a testa fra Laschet e Scholz che non avranno i numeri per governare da soli
ISRAELE
9 ore
Cisgiordania, scontri e morti
Le forze di sicurezza israeliane hanno ucciso almeno quattro membri di Hamas in una vasta operazione
STATI UNITI
9 ore
Deraglia l'alta velocità: tre morti nel Montana
Un treno che correva tra Chicago e Seattle è uscito dai binari. Diversi i feriti
SPAGNA
11 ore
Altre bocche, altre eruzioni: chiuso l'aeroporto di La Palma
A preoccupare, nell'immediato, è la quantità di cenere che ha ricoperto l'isola
Regno Unito
1 gior
Uccisa a coltellate mentre raggiungeva un'amica al bar
I londinesi hanno organizzato ieri sera una veglia in suo onore
PIANETA
1 gior
Chi è libero, su internet? Gli islandesi alla grande, i cinesi, invece...
Maglia nera alla Cina, in particolare per l'ampia censura
ITALIA
15.02.2021 - 12:050
Aggiornamento : 16:46

La rabbia dopo lo stop allo sci: «La misura è colma»

La decisione presa in extremis scontenta gli operatori del settore e c'è chi ha aperto ugualmente

ROMA - La decisione di sospendere l'imminente riapertura degli impianti di risalita in Italia sta facendo infuriare gli operatori del settore. Specialmente quelli che si sono visti fermare a una manciata di ore dal momento tanto atteso, come in Piemonte e Lombardia, che avrebbero dovuto riapire questa mattina.

Lo stop, caldeggiando dai consulenti del ministero della Salute e dal Comitato tecnico scientifico italiano alla luce della situazione pandemica e della sempre maggiore diffusione delle varianti del virus, è arrivata intorno alle 19 di domenica. I gestori degli impianti hanno vissuto la decisione di fermare tutto fino al 5 marzo come una beffa.

Modalità «vergognose e irrispettose» - «Questa volta la misura è colma. Ritengo assolutamente vergognose e irrispettose la modalità con cui il ministro Speranza ha operato». È l'opinione di Filippo Gérard, presidente dell'Associazione degli albergatori valdostani. «Ora più che mai - ha aggiunto - chiediamo al governo italiano che l'istituzione ed erogazione di adeguati ristori alla montagna diventi una priorità assoluta, in quanto, nostro malgrado, questa rimane l'unica strada per la sopravvivenza del comparto turistico e del suo indotto. Contestualmente invitiamo l'amministrazione regionale valdostana a mettere in campo nuove misure anticrisi pesanti, con iniziative di sostegno agli investimenti, di ulteriore proroga della sospensione dei mutui, d'incentivazione delle assunzioni e di sostegno al comparto agroalimentare regionale».

Furia Confcommercio - «Dopo la zona rossa decretata per sbaglio in Lombardia adesso subiamo il caos generato dagli annunci sulla stagione sciistica, prima aperta e poi chiusa. Questo significa altri pesantissimi danni per le imprese. Una situazione inaccettabile» afferma il presidente di Confcommercio Italia, Carlo Sangalli. «Speriamo davvero, con il governo Draghi, in un cambio di marcia soprattutto per quanto riguarda chiarezza e capacità».

Il presidente di Confcommercio ricorda che «le imprese più colpite dalla crisi sono quelle del terziario, in particolare la filiera del turismo e della ristorazione» e aggiunge: «Bene aver individuato, come da noi richiesto, il Ministero italiano del Turismo ma adesso va messa in cantiere un'azione più veloce ed efficace per garantire la sopravvivenza di migliaia di imprese penalizzate dai vari lockdown».

I sindacati spingono per i ristori - «Siamo estremamente preoccupati per la condizione degli addetti degli impianti a fune», affermano unitariamente le organizzazioni sindacali italiane Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Savt. Quella di domenica «è l'ennesima proroga che colpisce il settore e i lavoratori».

«Da inizio stagione i lavoratori fissi - riferiscono le organizzazioni sindacali - sono in cassa integrazione mentre gli stagionali che erano stati richiamati in vista dell'avvio di oggi e che rappresentano un terzo del totale, risentono maggiormente della crisi, senza certezze dal punto di vista degli ammortizzatori sociali». Secondo Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Savt «servono urgentemente ristori, a livello nazionale sia per le aziende che per i lavoratori, anche stagionali. Si deve compatibilmente con l'emergenza sanitaria recuperare quel poco che rimane della stagione invernale e programmare in sicurezza e con certezze quella estiva».

Chi ha deciso di aprire - C'è poi chi ha deciso di aprire, nonostante tutto. Avviene a pochi chilometri dal confine svizzero con le Centovalli: alla Piana di Vigezzo, 1720 metri di quota nel comune di Craveggia. «Ancora venerdì la Regione ci aveva assicurato l'apertura e noi abbiamo predisposto tutto, in sicurezza, per riaprire. E così lo abbiamo fatto», dice Luca Mantovani, uno dei titolari della società che gestisce gli impianti nella valle piemontese a ridosso del Canton Ticino.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 18:49:13 | 91.208.130.87