Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
CINA
1 ora
Jack Ma perde il trono: chi è l'uomo più ricco della Cina?
Si chiama Zhong Shanshan, ha 67 anni, ed è considerato il re dell'acqua in bottiglia
BRASILE
1 ora
Parti della foresta dell'Amazzonia in vendita su Facebook: «Situazione disperata»
Un'attività illegale svolta alla luce del sole sta peggiorando ancor più la situazione della foresta amazzonica
MONDO
8 ore
Il pianeta ha 3'228 miliardari, ma in quali paesi si trovano?
Ci sono 414 nuovi paperoni rispetto all'anno scorso, la maggior parte dei quali in Cina e Stati Uniti
ITALIA
8 ore
Contagiati sul posto di lavoro: più del 70% sono donne
Quella delle infermiere è la categoria più colpita dal coronavirus, l'età media è di 46 anni
REGNO UNITO
10 ore
«Non accadrà quello che è avvenuto con la variante inglese»
Le autorità sono alla ricerca di un caso "disperso" di variante brasiliana. L'esperto esclude una larga diffusione
STATI UNITI
12 ore
In 27 nel Suv, poi l'incidente: almeno 15 morti
È tragico il bilancio dopo lo scontro con un autoarticolato nel sud della California
MONDO
12 ore
«È un inizio d'anno davvero difficile»
L'associazione delle compagnie aeree IATA ha confermato le difficoltà, dovute in particolar modo alle varianti
ROMANIA
12 ore
Migliaia di euro promettendo un futuro: sette arresti
Europol e autorità rumene hanno smantellato un gruppo di trafficanti di migranti
L'AUDIO
ITALIA
13 ore
Violenza domestica: donna si salva fingendo di ordinare una pizza
In realtà, il numero chiamato era quello della polizia, che ha subito capito che qualcosa non andava
POLONIA
13 ore
Assolte le attiviste LGBT che hanno messo un'aureola arcobaleno alla Madonna
Non volevano «offendere» i sentimenti religiosi, ma «difendere» gay e lesbiche discriminati. Erano accusate di blasfemia
STATI UNITI
14 ore
Apple fiduciosa, riapre tutti i suoi negozi
I 270 store americani della Mela non erano aperti contemporaneamente dall'inizio della pandemia
MONDO
15 ore
USA e UE concordi: al via le sanzioni alla Russia
Al centro della contesa il caso di Alexey Navalny
STATI UNITI
15 ore
Prima di lasciare Trump e signora si sarebbero fatti vaccinare
E lo avrebbero fatto lontano dai riflettori, mentre Pence e Biden lo facevano in pubblico
UNIONE EUROPEA
17 ore
Vaccini, l'Ue non tira le orecchie ad Austria e Danimarca. Anzi
«È sempre bene imparare dalle pratiche di altri Paesi» ha dichiarato un portavoce della Commissione europea
ITALIA
27.01.2021 - 11:230
Aggiornamento : 17:19

AstraZeneca in ritardo di «due mesi»: «Non abbiamo alcun obbligo verso l'UE»

Il ceo della casa farmaceutica ricorda i tempi dilatati della firma del contratto. Da esso dipende anche la Svizzera.

Una clausola non vincolerebbe il produttore a precisi tempi di consegna. In risposta, Bruxelles chiede ora di rendere pubblica l'intesa.

ROMA - Sotto il fuoco di fila dell'UE - che l'accusa di scarsa trasparenza in merito al motivo dei ritardi nella consegna del suo vaccino - AstraZeneca si difende dalle colonne di alcuni portali d'informazione europei. Alla Welt, l'amministratore delegato Pascal Soriot dice di comprendere che «siamo tutti delusi» mentre a Repubblica spiega che Bruxelles avrebbe tardato a firmare il contratto e accettato di non avere garanzie sulle consegne.

«Il primo contratto di fornitura firmato tra AstraZeneca e il governo Johnson è avvenuto tre mesi prima dell'intesa con l'UE», ossia in maggio 2020, afferma sul sito italiano il ceo della casa farmaceutica britannica. «Si sono organizzati per tempo e hanno avuto una partenza lampo», aggiunge. 

L'anticipo ha permesso infatti al produttore di risolvere prontamente i problemi presentatisi sulla catena di produzione britannica e di consegnare per tempo le dosi ordinate da Londra dopo che il Regno Unito ha approvato il preparato in dicembre. Negli stabilimenti sul continente, invece - dove il prodotto non è stato del resto ancora nemmeno autorizzato - la produzione è partita dopo e, in alcuni siti, risulta «sfortunatamente meno efficiente» per una serie di problemi tecnici.  

«Ma è stato un caso e di certo non lo abbiamo fatto apposta a scapito dell'UE», assicura Soriot che, in sua difesa, ricorda la sua cittadinanza europea (è francese) e quella di altri alti dirigenti dell'azienda.

Nello specifico le difficoltà s'incontrano principalmente nella prima delle due fasi essenziali della realizzazione del vaccino, quella delle colture cellulari, eseguita in Belgio e nei Paesi Bassi (la seconda avviene invece in Germania e Italia). «Nel nostro stabilimento in Belgio, per esempio, l'intoppo è legato al filtraggio del vaccino prima che venga immesso nelle fiale per la distribuzione», fa sapere il ceo di AstraZeneca. I problemi, però, possono essere «di varia natura».

Risultato: AstraZeneca si dice indietro di «due mesi» sulla tabella di marcia, ma rimanda al mittente le accuse di scarsa trasparenza dell'UE e le minacce di cause legali dell'Italia. Il contratto firmato con Bruxelles non vincolerebbe infatti il produttore alla consegna delle 300 milioni di dosi pattuite in tempi specifici, ma parla piuttosto di un «"best effort"» da parte dell'azienda, un massimo sforzo senza alcuna garanzia. «Sia chiaro: non c'è alcun obbligo verso l'Unione Europea», spiega Soriot.

In sede di firma del contratto si è deciso d'introdurre la formula del "best effort" «perché all'epoca l'Ue voleva avere la stessa capacità produttiva del Regno Unito, nonostante il contratto sia stato firmato tre mesi dopo». Bruxelles, insomma, sarebbe stata avvisata.

In seguito alle dichiarazioni di Soriot, l'UE avrebbe però esortato AstraZeneca a rendere pubblico il contratto, fa sapere un non meglio identificato funzionario europeo a Reuters. La clausola del massimo sforzo, precisa, è standard per intese su prodotti ancora in via di sviluppo.

AstraZeneca rigetta poi la velata accusa secondo cui starebbe dando priorità alle consegne al di fuori dell'UE per guadagnare di più. «Al momento all'Europa va il 17% della produzione totale del vaccino di Oxford/AstraZeneca nonostante gli europei siano il 5% della popolazione globale», tuona Soriot su Repubblica. «Inoltre, ricordo che questo è un vaccino senza fini di lucro per noi. Non ne ricaviamo un soldo». La clausola di non trarre profitto dal preparato è stata concordata con l'Università di Oxford quando quest'ultima ha concluso la collaborazione con il produttore condividendo con esso la formula del vaccino.   

La prospettiva, ora, è di consegnare all'UE 17 milioni di dosi entro la fine di febbraio. «Vorremo poter fare molto di più, ma non è neanche poco», sostiene Soriot. «Appena avremo l'approvazione dell'Ema (l'Agenzia europea per i medicinali, che dovrebbe esprimersi venerdì ndr), nei giorni successivi invieremo subito 3 milioni di dosi nell'UE, poi ci sarà un'altra fornitura corposa nella settimana successiva e così nella terza e quarta settimana del prossimo mese», continua.

Per ricevere il vaccino di AstraZeneca, la Svizzera dipende dal canto suo dal contratto firmato tra Bruxelles e il produttore. A inizio ottobre, Berna ha infatti concluso un'intesa con la Svezia, che ordinerà le dosi per i Paesi dell'AELS e le rivenderà loro senza alcun profitto. La consegna, però, avverrà direttamente.

La Confederazione ha ordinato 5,3 milioni di dosi del preparato di Oxford. Il prodotto non è ancora stato approvato da Swissmedic. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
dan007 1 mese fa su tio
Certamente allora togliamo dagli scaffali delle farmacie tutti i vostri prodotti
Volpino. 1 mese fa su tio
È chiaro che vige il libero mercato, ma in tutto questo c'è anche un obbligo morale da preservare dinanzi tanta sofferenza. Più interessante sarebbe sapere quante dosi di vaccino sono attualmente disponibili, ovvero a quanto ammonta l'attuale stoccaggio?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-03 07:39:56 | 91.208.130.86