tipress
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
3 ore
Ergastolo? El Chapo ha richiesto un nuovo processo
La difesa del narcotrafficante si sta battendo in particolare contro le condizioni di detenzione ai tempi delle udienze
MONDO
3 ore
«La pandemia è lungi dall'essere finita»
Le considerazioni emerse durante l'incontro del comitato d'emergenza dell'Organizzazione mondiale della sanità
REGNO UNITO
5 ore
Niente CoP26 per la Regina Elisabetta
Sua Maestà invierà però un messaggio registrato in video ai delegati in assemblea
Stati Uniti
7 ore
Ecco perché transizione green non è sinonimo di sicurezza sul lavoro
Dalle miniere di cobalto agli impianti di riciclaggio, passando per i pescatori: i diritti umani nell'economia verde
REGNO UNITO
9 ore
Danni fino a 18 miliardi di sterline da nuove misure anti-Covid
Per questo motivo il governo Johnson non prende in considerazione il Piano B (nonostante quello A non stia funzionando)
FOTO
GERMANIA
11 ore
Il Bundestag ha una nuova presidentessa
Si tratta della socialdemocratica Bärbel Bas
ITALIA
11 ore
Si cerca una mamma in fuga che potrebbe aver ucciso le due figlie
Le piccole sono state trovate prive di vita in una casa famiglia, la dinamica non è ancora chiara
STATI UNITI
12 ore
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
ITALIA
13 ore
Attacco hacker alla San Carlo
L'azione è già stata rivendicata, l'azienda non ha intenzione di pagare
MONDO
23.11.2020 - 13:450

Il Covid non ha pulito l'aria

Gas serra e polveri sottili continuano ad aumentare, al contrario di come inizialmente si era sperato

GINEVRA - I livelli di anidride carbonica continuano a registrare livelli record, nonostante i lockdown dovuti alla pandemia di Covid, afferma oggi l'Organizzazione meteorologica mondiale (Omm) nel suo Bollettino annuale.

Il rallentamento delle attività industriali a causa della pandemia non ha infatti frenato i livelli dei gas serra che intrappolano il calore nell'atmosfera e che sono responsabili del riscaldamento climatico. Secondo l'agenzia delle Nazioni Unite nel 2019 i livelli di anidride carbonica hanno visto un altro picco di crescita e l'aumento è proseguito nel 2020.

I dati dell'Organizzazione Mondiale di Meteorologia indicano che il lockdown ha ridotto le emissioni di molti inquinanti e di gas serra come l'anidride carbonica, ma l'impatto sulle concentrazioni di CO2 non è superiore alle normali fluttuazioni abitualmente osservate. Il Global Carbon Project - afferma l'Omm in una nota - ha stimato che durante il periodo più intenso della chiusura, le emissioni giornaliere di CO2 potrebbero essere state ridotte fino al 17% a livello globale a causa del confinamento della popolazione.

Poiché la durata e la gravità delle misure di confinamento rimangono poco chiare, la previsione della riduzione annuale totale delle emissioni nel 2020 è molto incerta. Stime preliminari, precisa l'Omm, indicano una riduzione dell'emissione globale annua compresa tra il 4,2% e il 7,5%. Su scala globale una riduzione delle emissioni di questa scala non farà diminuire la CO2 nell'atmosfera, che continuerà a salire, anche se a un ritmo leggermente ridotto, e senza scartarsi dalla variabilità interannuale naturale.

L'Omm sottolinea inoltre che nel 2019 i livelli di anidride carbonica hanno visto un altro picco di crescita e la media globale annuale ha superato la soglia significativa di 410 parti per milione (ppm). L'aumento è continuato nel 2020, precisa l'agenzia.

«L'anidride carbonica rimane nell'atmosfera per secoli e nell'oceano ancora più a lungo. L'ultima volta che la Terra ha sperimentato una concentrazione comparabile di CO2 è stata di 3-5 milioni di anni fa, quando la temperatura era di 2-3 gradi più calda e il livello del mare era di 10-20 metri più alto di adesso. Ma non c'erano 7,7 miliardi di abitanti ", ha detto il segretario generale dell'Omm, Petteri Taalas.

«Abbiamo superato la soglia globale di 400 parti per milione nel 2015. E solo quattro anni dopo, abbiamo superato 410 ppm. Un tale tasso di aumento non è mai stato visto nella storia dei nostri dati. La riduzione delle emissioni correlata al lockdown è solo una piccola deviazione sul grafico a lungo termine», ha detto Taalas.

Per il segretario generale dell'Omm, la pandemia non fornisce una soluzione, ma offre una piattaforma per un'azione per il clima e «per ridurre le emissioni attraverso una trasformazione completa dei nostri sistemi industriali, energetici e di trasporto. I cambiamenti necessari sono economicamente accessibili e tecnicamente possibili e influenzerebbero solo marginalmente la nostra vita quotidiana. Non c'è tempo da perdere», ha affermato.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-27 01:54:28 | 91.208.130.87