Immobili
Veicoli

STATI UNITILa mascherina in risposta al ruolo chiave degli asintomatici

21.11.20 - 20:33
È ciò che emerge dall'aggiornamento dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive degli USA
Deposit
La mascherina in risposta al ruolo chiave degli asintomatici
È ciò che emerge dall'aggiornamento dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive degli USA
La ricerca conferma che la mascherina è di vitale importanza per ridurre la diffusione del virus

WASHINGTON - Più di una nuova infezione di coronavirus su due è causata da una persona asintomatica (contagiata, ma che non presenta sintomi per tutto il decorso) o pre-sintomatica (contagiata, ma ancora in periodo d'incubazione).

Lo rileva un aggiornamento dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) statunitensi, che spiegano che chi si sente bene e non ha sintomi tende a non rendersi conto, o a ignorare, la propria infettività verso gli altri.

Secondo i CDC, il 24% delle persone che infettano un altro individuo non sviluppa del tutto dei sintomi, mentre il 35% è pre-sintomatico. Il 41% delle nuove infezioni avviene invece tramite coloro che sono sintomatici.  

Il problema è molto rilevante anche poiché, come spiegano i ricercatori, cinque giorni dopo l'infezione si è al livello più alto della "contagiosità".

La mascherina aiuta - Per questo motivo, i CDC raccomandano l'uso generalizzato della mascherina per prevenire la trasmissione del SARS-CoV-2.

I ricercatori spiegano che le mascherine hanno principalmente lo scopo di ridurre l'emissione di goccioline cariche di virus, e che sono una misura particolarmente rilevante per chi è asintomatico, si sente bene, e pensa di non essere infettivo nei confronti degli altri.

Proteggono quindi solo gli altri? Non proprio, le mascherine aiutano anche a ridurre l'inalazione di queste goccioline da parte di chi le indossa, secondo gli esperti dei CDC. Il beneficio generale per la comunità aumenta quindi con l'aumento del numero di persone che utilizzano le mascherine in modo coerente e corretto.

Di stoffa o chirurgica? - I ricercatori hanno poi spiegato che alcuni studi dimostrano che le mascherine in stoffa, in particolare quelle multistrato, possono essere altrettanto utili quanto quelle chirurgiche nell'impedire la diffusione delle goccioline infette.

Anche le mascherine in tessuto possono ridurre l'esposizione di chi le indossa alle goccioline infettive attraverso la filtrazione. L'efficacia di filtrazione di queste mascherine varia però notevolmente tra gli studi. In generale, più strati di tessuto ci sono, migliori sono le prestazioni. 

Comunque, nonostante siano necessari altri studi per identificare le combinazioni di materiali che massimizzino l'efficacia e il filtraggio delle mascherine, l'aggiornamento conclude confermando che «i dati sperimentali ed epidemiologici supportano l'obbligo di mascherina nelle comunità per ridurre la diffusione della SARS-CoV-2, soprattutto in combinazioni con distanziamento sociale, igiene delle mani, e un'adeguata ventilazione».

COMMENTI
 
pillola rossa 1 anno fa su tio
"Adopting universal masking policies can help avert future lockdowns, especially if combined with other non-pharmaceutical interventions such as social distancing, hand hygiene, and adequate ventilation". "Coronavirus, Ricciardi (OMS): "Le mascherine chirurgiche non servono, il virus penetra"
pillola rossa 1 anno fa su tio
Prendete una sigaretta elettronica, inspirate dalla sigaretta, posizionate correttamente la mascherina sul viso ed espirate. Avrete modo di vedere il vapore acqueo che esce dalla mascherina.
Volpino. 1 anno fa su tio
Penso che il vero problema sia il tampone nasofaringeo classico che non è tanto gradito perché raggiunge il punto di giunzione tra il naso e la faringe e capita a volte di sentire un po’ di fastidio per una ventina di minuti dopo il test. Per stimolare meglio la collaborazione di tutta la popolazione a testarsi sarebbe opportuno proporre di più i self test rapidi meno fastidiosi. La priorità dev'essere quella di scovare gli asintomatici nella popolazione rendendo i test più semplici e piacevoli. Se poi per confermare l'esito del test rapido si vuole anche fare il tampone classico è un l'altro discorso, come quello della sensibilità dei tamponi classici che a mio avviso andrebbero fatti solo sui soggetti con sintomi precisi. Posso inoltre immaginarmi che non c'è tanta gente entusiasta di farsi testare in un gabbiotto trasparente dove non si sa chi c'è stato dentro prima.
Numeri primi 1 anno fa su tio
La mascherina la dove è necessaria, concordo, mancata possibilità di tenere le distanze, altri al di fuori della cerchia famigliare. Dubito che sei da solo in macchina 🚗 la mascherina serva!!!!
Nikko 1 anno fa su tio
Già in primavera ero convinto che la mascherina fosse determinante per ridurre le probabilità di infezioni, contrariamente alle nostre autorità che erano di tutt’altro parere. Adesso si conferma la decisiva utilità di questo accessorio, sia per proteggere gli altri, sia per proteggere sé stessi.
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO