keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
3 min
EasyJet per la prima volta in perdita, taglia un quarto della sua flotta in Italia
In 1'500 in cassa integrazione, il ritorno alla normalità atteso non prima del 2024
FRANCIA
17 min
Medici Senza Frontiere vuole denunciare il prefetto di polizia di Parigi
Le violenze durante lo sgombero del campo migranti in Place de la République sono state «accanite e inspiegabili»
STATI UNITI
46 min
Facebook modifica l'algoritmo per mostrare le notizie da fonti più affidabili
Il cambiamento è avvenuto dopo le elezioni presidenziali statunitensi
FOTO
GERMANIA
1 ora
Auto contro il cancello dell'ufficio di Angela Merkel
Sulle fiancate le scritte «Stop alle politiche di globalizzazione» e «dannati assassini di bambini e anziani»
FRANCIA
2 ore
Telelavoro obbligatorio per qualche giorno a settimana?
Il governo francese ci sta riflettendo insieme alle parti sociali
UNIONE EUROPEA
2 ore
Brexit, l'accordo è vicino? Presto per dirlo
La presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen ha spiegato che ci sono tre questioni ancora aperte
RUSSIA
3 ore
Smantellata una cellula dell'ISIS a Mosca
Che aveva in programma diversi attentati: «Già pronta una bomba»
AUSTRALIA
4 ore
L'Australia pensa al vaccino obbligatorio per chi arriva da fuori
Oppure saranno necessarie due settimane di quarantena, lo rivelano le autorità
STATI UNITI
4 ore
«Il mio non sarà un terzo mandato Obama»
Il presidente eletto Joe Biden, nella sua prima intervista televisiva dopo il voto: «Finita l'era dell'odio»
REGNO UNITO
5 ore
L'errore fortunato del vaccino di AstraZeneca
Il dosaggio più efficace testato dai ricercatori di Oxford non era programmato
STATI UNITI
14 ore
Trump grazia un tacchino
Così vuole la tradizione. Il nome del fortunato? Corn.
ITALIA
17 ore
Le mafie hanno messo nel mirino il vaccino anti-Covid?
Gli esperti lanciano l'allarme e la magistratura spiega che anche l'Interpol ha previsto questo scenario
GERMANIA
29.10.2020 - 18:520
Aggiornamento : 30.10.2020 - 00:01

Coronavirus? «Si rischiano pandemie peggiori»

Uno studio mette in guardia e invita alla prevenzione.

Si stimano altri 1,7 milioni di virus ancora "non scoperti" di cui fino a 850'000 capaci di infettare le persone.

BONN - Future pandemie emergeranno più spesso, si diffonderanno più rapidamente, arrecheranno più danni all'economia mondiale e uccideranno più persone del Covid-19 se non si cambia l'approccio al problema passando dalla reazione - cioè dopo che è scoppiato - alla prevenzione.

1,7 milioni di virus "non scoperti" - Questo soprattutto considerando che si stimano altri 1,7 milioni di virus ancora "non scoperti" nei mammiferi e negli uccelli di cui fino a 850'000 potrebbero avere la capacità di infettare le persone e che gli attuali impatti economici sono 100 volte superiori al costo stimato per la prevenzione.

Legame tra virus e degrado della natura - È un rapporto scientifico dell'Ipbes (Piattaforma intergovernativa di politica e scienza sulla biodiversità e i servizi ecosistemici, con sede a Bonn, in Germania) sulla biodiversità e le pandemie stilato dopo aver consultato con urgenza 22 esperti di livello mondiale sui legami fra il degrado della natura e i rischi crescenti di pandemia, ad avvertire su questo rischio suggerendo la strada per ridurlo.

Ovvero, cercando di evitare le attività umane che causano la perdita della biodiversità, dalla deforestazione al commercio di fauna selvatica, attraverso una maggiore conservazione delle aree protette e misure che riducono lo sfruttamento non sostenibile delle regioni ad alta biodiversità. Questo, dice il rapporto, ridurrà il contatto tra fauna selvatica-bestiame-uomo e aiuterà a prevenire la diffusione di nuove malattie.

L'importanza della prevenzione - Il rapporto afferma che «affidarsi alle risposte alle malattie dopo la loro comparsa», sul fronte della salute pubblica e delle soluzioni tecnologiche, in particolare «sulla rapida progettazione e distribuzione di nuovi vaccini e misure terapeutiche, è un 'percorso lento e incerto'». Peraltro, con la conseguenza di una «diffusa sofferenza umana» da un lato e dall'altro «decine di miliardi di dollari di danni economici annuali per l'economia globale derivanti dalla risposta alle pandemie».

Ridurre i rischi costa meno - Indicando il probabile costo del Covid-19 fra 8'000 e 16'000 miliardi di dollari a livello globale entro luglio 2020, si stima anche che i costi nei soli Stati Uniti potrebbero raggiungere i 16'000 miliardi di dollari entro il quarto trimestre del 2021. Gli esperti stimano che il costo della riduzione dei rischi per prevenire le pandemie sia 100 volte inferiore al costo della risposta a tali pandemie.

Il rapporto offre anche una serie di opzioni politiche che aiuterebbero a ridurre e ad affrontare il rischio pandemico. Dal lancio di un consiglio intergovernativo di alto livello sulla prevenzione delle pandemie per fornire ai decisori politici la migliore scienza e le migliori prove sulle malattie emergenti al prevedere le aree ad alto rischio e l'eventuale impatto economico, al mettere in evidenza le lacune della ricerca al coordinamento nella progettazione di un quadro di monitoraggio globale.

I paesi stabiliscono obiettivi o traguardi concordati tra loro nel quadro di un accordo internazionale - con chiari benefici per le persone, gli animali e l'ambiente. Istituzionalizzare l'approccio "One Health" nei governi nazionali per prepararsi alle pandemie, migliorare i programmi di prevenzione e indagare e controllare le epidemie nei vari settori.

E ancora, sviluppare valutazioni sull'impatto dei rischi pandemici e delle malattie emergenti sulla salute ed incorporarle nei principali progetti di sviluppo e di utilizzo del suolo, riformando nel contempo gli aiuti finanziari per l'utilizzo del suolo in modo che i benefici e i rischi per la biodiversità e la salute siano riconosciuti ed esplicitamente presi come obiettivo.

Assicurare che il costo economico delle pandemie sia preso in considerazione nei bilanci e nelle politiche relative al consumo, alla produzione e di governo. Consentire cambiamenti per ridurre i tipi di consumo, l'espansione agricola e il commercio globalizzati che hanno portato alle pandemie - questo potrebbe includere tasse o imposte sul consumo di carne, sulla produzione zootecnica e su altre forme di attività ad alto rischio di pandemia.

Ridurre i rischi di zoonosi nel commercio internazionale di animali selvatici attraverso una nuova partnership intergovernativa "salute e commercio"; ridurre o eliminare le specie ad alto rischio di malattia nel commercio di animali selvatici e più in generale regolamentare tutti gli aspetti del commercio di animali selvatici.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-25 12:41:31 | 91.208.130.89