Immobili
Veicoli

COSMOFirmato un patto internazionale per l'esplorazione e l'insediamento lunare

14.10.20 - 21:30
Gli Accordi di Artemis nascono per coordinare il futuro dei viaggi spaziali dell'umanità
NASA/JPL/USGS
Firmato un patto internazionale per l'esplorazione e l'insediamento lunare
Gli Accordi di Artemis nascono per coordinare il futuro dei viaggi spaziali dell'umanità

WASHINGTON - Otto nazioni hanno firmato un patto di esplorazione per gestire in modo pacifico l'insediamento umano sulla luna.

L'idea è quindi quella di prevenire possibili futuri conflitti tra le colonie umane che si svilupperanno sulla superficie lunare. Lo ha annunciato la NASA in un comunicato stampa.

Si tratta degli Accordi di Artemis, un successo dell'Agenzia spaziale statunitense che lavora per definire gli standard per la realizzazione di futuri insediamenti a lungo termine su suolo lunare.

Gli accordi, che prendono il nome dal programma lunare Artemis della NASA, si basano sul diritto spaziale internazionale esistente, stabilendo una serie di principi per coordinare l'esplorazione dello spazio tra le varie nazioni. Introduce inoltre delle "zone di sicurezza", che circonderanno le future basi lunari per prevenire conflitti tra gli Stati che vi operano, e per consentire alle società private di possedere le eventuali risorse lunari che vengono estratte.

I paesi coinvolti - al momento - sono gli Stati Uniti, l'Australia, il Canada, il Giappone, il Lussemburgo, l'Italia, il Regno Unito e gli Emirati Arabi Uniti. La firma degli accordi è giunta nel corso di una conferenza spaziale annuale che si è tenuta martedì, dopo mesi di colloqui. 

«Quello che stiamo cercando di fare è stabilire norme di comportamento che ogni nazione possa accettare», ha spiegato alla stampa l'amministratore della NASA Jim Bridenstine. Gli accordi, per Bridenstine, sono inoltre coerenti con il trattato del 1967 che stabilisce che i corpi celesti sono esenti da rivendicazioni nazionali di proprietà.

«Vogliamo creare il più ampio e diversificato programma internazionale di esplorazione spaziale umana della storia», ha detto Bridenstine, per «un futuro sicuro, pacifico, e prospero nello spazio».

I principi degli Accordi di Artemis 

    • Esplorazione pacifica: Tutte le attività condotte nell'ambito del programma Artemis devono essere a scopo pacifico
    • Trasparenza: I firmatari devono svolgere le loro attività in modo trasparente per evitare confusione e conflitti
    • Interoperabilità: Le nazioni che partecipano al programma Artemis devono sostenere sistemi interoperabili per migliorare la sicurezza e la sostenibilità
    • Assistenza in caso di emergenza: I firmatari degli Accordi si impegnano a fornire assistenza al personale in difficoltà
    • Registrazione di oggetti spaziali: Ogni nazione che partecipa ad Artemis deve essere firmataria della "Registration Convention"
    • Rilascio di dati scientifici: I firmatari degli Accordi si impegnano a rendere pubblica l'informazione scientifica
    • Preservare il patrimonio: I firmatari degli Accordi si impegnano a preservare il patrimonio spaziale
    • Risorse spaziali: L'estrazione e l'utilizzo delle risorse spaziali è la chiave per un'esplorazione sicura e sostenibile e i firmatari degli Accordi affermano che tali attività dovrebbero essere condotte in conformità con il Trattato sullo Spazio Estero.
    • De-conflitto di attività: Le nazioni aderenti ad Artemis si impegnano a prevenire interferenze pericolose e a sostenere i principi del Trattato sullo spazio extra-atmosferico
    • Detriti orbitali: I paesi aderenti ad Artemis si impegnano a pianificare uno smaltimento sicuro dei detriti
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO