Keystone
REGNO UNITO
25.09.2020 - 19:010

Il virus mette in crisi le reddite della regina, il governo verserà sussidi anche a lei

E la decisione non ha mancato di generare molte critiche: «Meglio aiutare chi resterà senza lavoro»

LONDRA - Dopo aver elargito per mesi sussidi statali a milioni di semplici cittadini, il governo britannico corre in aiuto anche della regina Elisabetta, annunciando che interverrà - con soldi pubblici - affinché restino inalterate le rendite finanziarie della sovrana, severamente colpite dagli effetti della pandemia da coronavirus.

Il reddito della Casa Reale dipende per il 25% dai profitti generati dalla Crown Estate, un fondo che controlla terreni e proprietà di alto valore, a Londra e nel resto dell'isola. Nei giorni scorsi, però, i gestori del fondo hanno annunciato una svalutazione del portafoglio immobiliare pari a quasi 600 milioni di euro, e un significativo calo dei profitti, dall'inizio della crisi sanitaria.

Perdite che il Tesoro britannico intende ripianare, iniettando liquidità nel Sovereign Grant, l'appannaggio reale, intaccato anche da altri mancati introiti provocati dal lockdown e restrizioni varie sulla scia della chiusura o delle limitazioni al pubblico cui sono stati necessariamente sottoposti edifici storici e musei di casa Windsor: non senza timori di conseguenze occupazionali su parte del personale di corte.

«Le entrate generate dalla Crown Estate aiutano a pagare servizi pubblici essenziali - ha dichiarato un portavoce del Tesoro all'Independent -. Negli ultimi 10 anni ha contribuito con più di tre miliardi di euro».

Tecnicamente non si tratterà di un esborso extra, sarà piuttosto la regina a trattenere una parte maggiore dei profitti generati dall'Estate rispetto al passato.

Fondi che - sottolineano alcune voci critiche - il governo avrebbe potuto utilizzare tuttavia per finanziare progetti di spesa pubblica d'interesse più generale, vista la minaccia che incombe sull'occupazione di milioni di sudditi.

Minaccia di fronte alla quale ieri Rishi Sunak, cancelliere dello Scacchiere di Boris Johnson, si è impegnato a venire in soccorso con un nuovo piano miliardario di aiuti governativi, ammettendo peraltro che non tutti i posti di lavoro potranno essere salvati.

«Questo bailout reale sarà difficile da digerire anche per quelle persone che pure amano la regina, ma che in questi mesi hanno perso il lavoro», il commento di Robert Palmer, a capo dell'associazione Tax Justice UK.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-03 04:11:48 | 91.208.130.89