keystone
STATI UNITI
15.09.2020 - 18:400

400mila immigrati "rimpatriabili"

Negli Stati Uniti una sentenza federale ha aperto una porta a Trump. Che ora procederà con le espulsioni

WASHINGTON - Un tribunale d'appello federale ha tolto lo status di immigrati legali a circa 400'000 persone negli Stati Uniti, aprendo la porta all'amministrazione di Donald Trump per una espulsione di massa. Il provvedimento partirà da marzo 2021 per alcuni paesi e da novembre per altri.

La corte ha stabilito che l'amministrazione ha agito nell'ambito della sua autorità nel porre fine allo «status di protezione temporanea» che ha permesso a centinaia di migliaia di immigrati di vivere e lavorare legalmente in America, a volte per decenni, dopo essere fuggiti da conflitti o disastri naturali nei paesi di origine. Ora, invece, sono "rimpatriabili" se non lasciano volontariamente gli Stati Uniti.

L'amministrazione Trump ha affermato che le condizioni di emergenza - terremoti, uragani, guerra civile - si sono verificate molto tempo fa, e il programma ha inavvertitamente conferito lo status di immigrazione permanente a persone provenienti da luoghi come El Salvador, Haiti e Sudan, la maggior parte dei quali non aveva più bisogno di un rifugio sicuro.

La protezione comunque non scade immediatamente: il presidente ha accettato di prorogarla almeno fino al 5 marzo 2021 per le persone di cinque paesi e fino a novembre 2021 per i cittadini di El Salvador.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-01 10:17:34 | 91.208.130.86