keystone-sda.ch / STF (Evan Vucci)
Trump e molti parlamentari avrebbero sottovalutato gli avvertimenti delle agenzie di intelligence.
STATI UNITI
21.03.2020 - 14:580

Coronavirus, i rapporti dell'intelligence sono stati sottovalutati da parlamentari e da Trump

Non c'erano chiare indicazioni di quando l'epidemia sarebbe potuta arrivare negli Usa

WASHINGTON - Le agenzie di intelligence Usa hanno lanciato ripetuti allarmi con rapporti classificati in gennaio e in febbraio sul pericolo mondiale posto dal coronavirus mentre Donald Trump e anche molti parlamentari - nonostante le informazioni ricevute - minimizzavano la minaccia e non prendevano le azioni che avrebbero potuto rallentare la diffusione del virus.

Lo scrive il Washington Post citando dirigenti Usa a conoscenza dei rapporti degli 007.

Tali rapporti non predicevano quando il virus sarebbe potuto arrivare in Usa e non raccomandavano particolari misure sanitarie da prendere (non essendo materia di competenza dell'intelligence) ma tracciavano la diffusione del Covid-19 in Cina e poi in altri Paesi, ammonendo che i dirigenti di Pechino sembravano ridimensionare la gravità dell'epidemia.

Cinque milioni di posti a rischio - La pandemia di coronavirus avrà conseguenze pesanti sull'economia americana, con previsioni di perdite quest'anno sino a 5 milioni di posti di lavoro e un crollo della produzione economica sino a 1500 miliardi di dollari.

Lo scrive il Wall Street Journal. Una recessione è ora quasi certa, secondo un'indagine fra 34 economisti condotta dal giornale.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-05 03:35:48 | 91.208.130.89