Ti Press
CANTONE
11.12.2020 - 17:550
Aggiornamento : 22:40

«I Cantoni potrebbero essere meno propensi a effettuare i test»

Il Consiglio di Stato adatta le sue disposizioni e sottolinea alcune criticità sulle misure annunciate oggi da Berna.

Deroghe all'obbligo di chiusura dei ristoranti, ma anche i continui cambiamenti normativi «che generano insicurezza fra la popolazione e gli operatori economici»

BELLINZONA - L’aggiornamento delle disposizioni in vigore a livello nazionale, annunciato oggi pomeriggio dal Consiglio federale, ha imposto l’adattamento delle norme in vigore da mercoledì 9 dicembre in Ticino. Le principali misure aggiuntive che entrano in vigore in Ticino, a partire da domani, riguardano pertanto:

  • Obbligo di chiusura alle 19 anche per i ristoranti (per i bar già in vigore)
  • Obbligo di chiusura delle attività commerciali nelle domeniche e nei giorni festivi
  • Divieto di manifestazioni (salvo alcune eccezioni)
  • Divieto di attività culturali con più di 5 persone (per lo sport non professionistico la limitazione era già in vigore)

Nessuna deroga per i ristoranti ticinesi - Il Consiglio di Stato sottolinea che la situazione epidemiologica in Ticino al momento non permette al Cantone di applicare deroghe all’obbligo di chiusura dei ristoranti. E a questo proposito considera problematico considerare l’incidenza media svizzera quale parametro di riferimento per concedere ai Cantoni la facoltà di deroga: «Questa scelta potrebbe infatti innescare effetti indesiderati come una minore propensione dei Cantoni a invitare la popolazione a ricorrere ai test», evidenzia il Governo.

Le cinque persone rimangono tali - Al di là dei punti citati sopra, rimangono valide le disposizioni cantonali annunciate dal Consiglio di Stato a inizio settimana, ed entrate in vigore a partire da mercoledì 9 dicembre. Va ricordato in particolare che, per cene e feste private, il numero massimo di partecipanti è fissato a cinque persone. Inoltre, va ricordato che gli impianti di risalita potranno regolarmente rimanere in esercizio, nel rispetto dei piani di protezione. Viste le chiusure domenicali delle attività commerciali decretate dal Consiglio federale, il Consiglio di Stato invita la popolazione ticinese a pianificare attentamente i propri acquisti natalizi, evitando i momenti di punta e gli assembramenti.

Sostegni finanziari, bene ma... - Il Governo ticinese saluta invece positivamente l’intenzione annunciata dal Consiglio federale di ampliare le possibilità di sostegno alle imprese, ma sottolinea l’esigenza di concretizzare a breve il programma di aiuti per i casi di rigore, in modo da evitare conseguenze irreparabili per gli operatori economici del nostro Cantone. Un messaggio governativo sarà presentato prima di Natale, per permettere l’applicazione dell’ordinanza federale.

In conclusione, il Consiglio di Stato ribadisce la criticità d'introdurre cambiamenti normativi troppo frequenti e a diversi livelli istituzionali che generano insicurezza fra la popolazione e gli operatori economici. In questo senso, il Governo ritiene problematica l’intenzione del Consiglio federale di prevedere ulteriori misure già nel corso della prossima settimana.  

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-25 03:25:17 | 91.208.130.86