TiPress - foto d'archivio
CANTONE
21.09.2020 - 08:580

26 assunzioni all’Ufficio della migrazione, scatta l’interpellanza

Il gruppo MPS-POP-Indipendenti si rivolge al Consiglio di Stato per avere spiegazioni

BELLINZONA - «Una brigata agli ordini del tenente colonnello Norman Gobbi?». È con questa domanda che il gruppo MPS-POP-Indipendenti domanda lumi al Governo cantonale in merito all’assunzione, a fine luglio, di 26 collaboratori presso l’Ufficio della migrazione di Bellinzona.

Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori fanno riferimento in particolare al servizio della trasmissione Falò della Rsi andato in onda il 3 settembre da cui emerge un’applicazione molto restrittiva della legge sulla migrazione. Il direttore del Dipartimento delle Istituzioni, Norman Gobbi, aveva affermato di non amare l'attuale Legge sul rilascio dei permessi e di volerla quindi applicare nel modo più restrittivo possibile. 

Considerate le ben 26 assunzioni presso l’Ufficio di Bellinzona, il gruppo MPS-POP-Indipendenti chiede al Consiglio di Stato quali sono le ragioni «di un numero così cospicuo di collaboratrici e collaboratori» e «quali sono i compiti loro assegnati».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-02 11:09:05 | 91.208.130.85