Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
9 min
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
14 ore
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
15 ore
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
15 ore
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
MENDRISIO
17 ore
Scuole comunali e spazi: «Qual è la situazione?»
Un'interrogazione del gruppo Lega / UDC / UDF chiede al Municipio lumi sul presente e il futuro
FOTO
CANTONE
18 ore
Premiato l'Osservatorio ambientale
Assegnato il Premio Möbius, che rende merito a una «bella storia digitale»
FOTO
LUGANO
18 ore
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
1 gior
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
CANTONE
1 gior
Nuova Legge sulla ristorazione: più la mandi giù, più torna Su...ter
In dirittura la nuova Lear che rivoluziona l'accesso alla gerenza: «Servono meno corsi e più solidità finanziaria»
CANTONE
1 gior
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LOCARNO
1 gior
L'intenso anno vissuto dal PS di Locarno
Si è svolta ieri sera l'Assemblea ordinaria della sezione, con all'ordine del giorno anche il rinnovo delle cariche.
LUGANO
1 gior
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
1 gior
Rissa alle Semine, c'è anche una denuncia in polizia
La conferma arriva dal Ministero Pubblico. A depositarla un giocatore finito per tre giorni in ospedale.
CANTONE
1 gior
Camera di commercio riunita in assemblea
La Cc-Ti ha tenuto oggi all'Espocentro la sua 104esima Assemblea generale ordinaria.
CANTONE
1 gior
«Preoccupati per il personale sanitario non vaccinato»
L'Associazione dei Comuni in ambito socio-sanitario lancia un grido d'allarme: «Proteggiamo chi è più vulnerabile».
CANTONE
1 gior
Si aprono oggi le porte dello Swiss Virtual Expo
Sono già diversi gli eventi in programma nelle prossime settimane
CANTONE
1 gior
Cinque sindaci, un orizzonte unico
Progetto Ticino 2020: dialogo e collaborazione sono le parole chiave per le cinque maggiori città ticinesi
CANTONE
1 gior
I prossimi radar? Ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno solo la Vallemaggia.
CANTONE
1 gior
Tre giorni di esercitazione per la Polizia cantonale
L'esercizio LEGIONE 21 era volto a migliorare la preparazione degli agenti di fronte a una minaccia puntuale.
VERZASCA
1 gior
Verzasca: si cercano idee per lo stemma comunale
Il Municipio ha deciso di pubblicare un bando di concorso aperto a tutti i ticinesi.
MESOCCO (GR)
1 gior
È morto Romano Fasani
L'ex sindaco di Mesocco è stato l'ultimo presidente del Gran Consiglio retico proveniente dalla Mesolcina.
CANTONE
19.09.2019 - 08:000
Aggiornamento : 14:43

Le vite degli italiani sotto lo sguardo dello Stato

Le verifiche di polizia sul domicilio in Ticino dei cittadini stranieri al centro della polemica. Vi raccontiamo tre casi contestati: tra centinaia di appostamenti e foto di biancheria intima

BELLINZONA - C’è Maria che un giorno ha la malaugurata idea di scrivere su Facebook che abita in Italia e alla fine si trova a casa, nel Luganese dove è nata, la polizia che le fotografa la biancheria intima nei cassetti. Ma c’è anche Carlo che due agenti lo scorso anno sono andati a controllare a domicilio per 199 volte. Senza dimenticare Franco cui viene contestato, lui sì, di non tenere mutande nell'armadio («sono a lavare da mia madre», si giustifica. Ma non basta).  

Non è la vita degli altri ai tempi della DDR, ma il resoconto delle verifiche su alcuni, tra i molti, cittadini italiani oggetto oggi in Ticino di controlli sul loro reale domicilio. È l’altra faccia della politica sugli stranieri attuata dal Consiglio di Stato. Negli scorsi giorni il PLR ha attaccato a muso duro Norman Gobbi, il suo Dipartimento e la Sezione della popolazione: «È in atto una strategia antistranieri a tutto campo» che culmina con la revoca dei permessi di dimora. Lo stesso Dipartimento delle Istituzioni, interpellato da Tio.ch/20Minuti per una replica alle accuse di distogliere forze dello Stato da compiti più importanti, rinvia alla risposta che il Governo stesso darà ai mozionanti.

Noi - tra le molte contestazioni in atto - vi raccontiamo tre casi, individui in carne e ossa, attraverso le carte dell’avvocato Marco Garbani, indicando quali sono i fatti e quali le opinioni. Come quando l’avvocato si chiede se «è normale che in Ticino vi siano in giro decine e decine di agenti a controllare con centinaia di appostamenti occulti se questi cittadini italiani hanno qui il centro degli interessi? Sono persone che pagano le imposte qui e non hanno mai creato problemi». È normale? 

L’imprenditore Carlo controllato più di 270 volte


Deposit


Nel 2013 Carlo arriva in Ticino e qui crea una società immobiliare che oggi genera un indotto milionario, posti di lavoro e tasse allo Stato. Lo scorso luglio l’Ufficio migrazione gli ha revocato il prolungo del soggiorno (B/CE e C). È lo stesso ufficio che nel dicembre 2016 afferma di essere in possesso di documenti «che fanno propendere che il suo soggiorno sia fittizio e di comodo». Sono documenti che, ad oggi, l’avvocato Marco Garbani ha chiesto invano. Ma il legale, nel suo ricorso, contesta anche i 199 accertamenti della polizia cantonale effettuati presso l’abitazione dell’italiano nel Luganese. In più ci sono anche 70 controlli effettuati quando l’uomo stava nel Mendrisiotto. Le autorità non si sono fermate lì, ma hanno interrogato testimoni (dalla portinaia ai conoscenti). Tutte le volte, contesta l’avvocato, senza contraddittorio. La montagna, aggiunge, ha partorito un topolino: «È stata rilevata l’assenza della sua vettura sotto casa, senza accorgersi che non usandola quasi mai è posteggiata dai figli. Il tutto per dimostrare che egli non risiederebbe in Ticino (ma dove allora?)».

Per Garbani c’è stato «uno spropositato sperpero di mezzi per accertare il presunto soggiorno di una persona onesta e che paga le imposte». Le autorità ticinesi, aggiunge, «in caso di fondato sospetto avrebbero potuto semplicemente segnalare il caso all’Agenzia delle entrate italiane, obbligando il mio cliente a dimostrare di non avere alcun centro degli interessi in Italia».

Maria vive qui, ma su Facebook scrive: “Abito in Italia”


Deposit

Maria è nata in Ticino da genitori italiani e ha ricevuto preavviso favorevole dalle autorità federali e comunali per la naturalizzazione. Dal 2014 lavora in banca a Lugano, progetta di sposarsi con un ragazzo italiano e di cercare casa nel Mendrisiotto. Il Cantone, invece, lo scorso marzo le ha revocato il permesso di domicilio. Anche per lei l’autorità non ha lesinato: 240 controlli, anche con appostamenti fissi di due agenti. E poi le verifiche sui social dove la ragazza sarebbe inciampata scrivendo di abitare in Italia. Una dichiarazione da prendere con le pinze, obietta Garbani: «Che vuol dire? Ci sono deputati che scrivono di abitare “in capo al mondo”, lì destituiamo?».

L’avvocato parla di «vessatorio accanimento» contro la sua cliente e denuncia l’accompagnamento coatto nella stazione di polizia, con l’obbligo di consegna del telefonino, nonché le perquisizioni e le fotografie scattate dentro casa da agenti maschi: «Qual è la base legale per pretendere di fotografare la biancheria intima?». All’origine di tutto, sostiene Garbani, ci sarebbe un battibecco con un vicino di casa che la giovane aveva criticato perché stava lavando l’auto con la canna nonostante il divieto nel periodo di siccità. Il vicino l’avrebbe minacciata, «pavoneggiando non meglio precisate influenze anti-straniere. Fatto sta che da lì sono iniziati i suoi guai» rileva l’avvocato.

Franco fulminato dai bassi consumi elettrici e senza mutande


Deposit

 Se sei straniero in Ticino occhio ad economizzare corrente. L’irrisorio consumo in casa di energia elettrica (300 kWh rilevati in un anno, contro la media nazionale di 3.000 per economia domestica) è costato a Franco la revoca del permesso di dimora da parte della Sezione della popolazione nel gennaio 2018. Lui si è giustificato dicendo di mangiare quasi sempre fuori casa. Ma la decisione è stata confermata dal Consiglio di Stato lo scorso marzo e quindi impugnata dall’avvocato Garbani. Anche nel suo caso l’autorità non ha lesinato controlli: una settantina presso il contestato domicilio nel Mendrisiotto e altrettanti nella casa del Luganese dove si è trasferito. Ma è nella prima abitazione che sarebbero emersi elementi tali da spingere il Cantone a negargli il permesso per una residenza che è iniziata nel 2013. L'avvocato di Franco parla, ed è un suo diritto, di «un’istruttoria assillante, carente e unilaterale che ricorda i Paesi assolutisti di Oltrecortina. Affermazione che non vuole essere offensiva, bensì comparativa». E minuzioso è senz’altro l’elenco degli oggetti trovati in casa di Franco durante il sopralluogo di polizia. Per il Governo una dotazione scarna, più consona ad una casa abitata per finta: «Pochi indumenti (completa assenza di calze, mutande, canottiere, pantofole), scarsi prodotti per l’igiene (un solo tubetto di dentifricio, due doccia-schiuma, un unico shampoo, una sola lametta per radersi senza relativo gel o schiuma da barba, nessun rasoio elettrico)». Ma l’avvocato parla di «descrizione dell’appartamento unilaterale» e incompleta. Il Governo intanto rigetta le spiegazioni dell'italiano: «I miei vestiti e le mie mutande erano a lavare da mia madre».

Deposit
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 09:41:59 | 91.208.130.87