tipress
CANTONE
24.06.2020 - 19:020
Aggiornamento : 20:42

Fonio minacciato: «Finirai nel termovalorizzatore»

Il deputato ha presentato (e ritirato) un'interpellanza sulla mafia in Ticino. E ha reso noto un retroscena spiacevole.

BELLINZONA - La mafia non esiste. Anzi no. Oggi in Parlamento è stata discussa la mozione presentata da Giorgio Fonio (Ppd) sulla 'ndrangheta nella Svizzera italiana. Oggetto: la penetrazione «crescente» delle cosche calabresi - molto radicate non lontano da noi - nell'economia ticinese.

L'iniziativa è stata ritirata dallo stesso Fonio, ma il deputato ha colpito il Granconsiglio con un colpo di scena. «Parlo con cognizione di causa» ha dichiarato. «Ho ricevuto una lettera anonima in cui c'era scritto che la mia strada era "quella del termovalorizzatore"». 

Contattato da La Regione.ch, il granconsigliere ha spiegato di avere ricevuto la lettera alcune settimane fa, subito dopo avere presentato assieme a Fiorenzo Dadò un atto parlamentare in cui metteva in guardia sulle infiltrazioni mafiose nella ristorazione

«Non vorrei enfatizzare troppo l'accaduto» commenta il deputato a tio.ch/20minuti. «Credo tuttavia che fosse giusto segnalarlo. Se anche fosse opera di un mitomane, si tratta comunque di minacce». 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-10 03:14:23 | 91.208.130.85