Ti Press
LUGANO
03.05.2020 - 16:210

«Sul parere di quali virologi alternativi si basa il Muncipio?»

Interrogazione interpartitica sulla riapertura della scuola comunale e dei servizi per la conciliazione famiglia-lavoro

LUGANO - Il Municipio di Lugano si è opposto pubblicamente alla decisione del DECS di una riapertura parziale della scuola dell’obbligo a partire dal 11 maggio. La presa di posizione del Municipio - ricordiamo - costituisce il secondo strappo dopo quello del 12 marzo che portò l’esecutivo della Città a decidere unilateralmente la chiusura delle scuole comunali, in tempi strettissimi e in aperta polemica con il Consiglio di Stato (che decretò poi la chiusura di tutte le scuole ticinesi).

Per diversi consiglieri comunali*, la nuova uscita del Municipo, oltre «calpestare» ancora la Legge cantonale sulla scuola, «urta il buonsenso», visto che tutte le strutture produttive e le organizzazioni in Svizzera sono chiamate ad assicurare le necessarie misure di sicurezza in questa difficile crisi del Covid 19. Per questo motivo hanno deciso di presentare un'interrogazione.

Ecco le domande sottoposte all'attenzione del Municipio:

  1. Sulla base di quali pareri di virologi alternativi, il Municipio, distanziandosi dall’autorità sanitaria cantonale e federale che si fonda sui pareri dei suoi virologi, ha preso la decisione del 30 aprile 2020 di opporsi pubblicamente alla proposta del Dipartimento educazione cultura e sport, elaborata con rappresentanti comunali, di riapertura parziale e prudente della scuola dell’obbligo a partire dal 11 maggio 2020?
  2. Come mai l’Istituto scolastico comunale di Lugano, in passato sempre all’avanguardia in Ticino, non sarebbe in grado di organizzare una riapertura parziale e prudente delle sue sedi scolastiche da lunedì 11 maggio, alla stessa stregua di quanto faranno gli istituti di tanti altri Comuni ticinesi? Come mai il Municipio di Lugano chiede che le indicazioni per le scuole comunali di Lugano siano calate dall’alto nel dettaglio, sede per sede dal Cantone?
  3. Il Municipio è cosciente del fatto che non riaprire le scuole comunali a Lugano in data 11 maggio secondo il modello elaborato dal gruppo di lavoro DECS-Comuni creerà un secondo strappo istituzionale tra Città e autorità scolastiche cantonali in materia scolastica, e questo in poche settimane? Davvero intende attuare questo strappo?
  4. Intende il Municipio di Lugano sfruttare il margine dato dalle Direttive cantonali DECS (punto 12 delle Misure organizzative) per riaprire la refezione alla scuola dell’infanzia e le mense della scuola elementare a tutti coloro che ne hanno bisogno a Lugano?
  5. Intende il Municipio di Lugano adoperarsi per mettere a disposizione delle famiglie del Comune le colonie estive diurne e i servizi di accudimento dei bambini per le famiglie luganesi durante la prossima estate

*Raoul Ghisletta, Antonio Bassi, Anna Beltraminelli, Sara Beretta Piccoli, Simona Buri, Edoardo Cappelletti, Federica Colombo Mattei, Morena Ferrari Gamba, Demis Fumasoli, Rinaldo Gobbi, Deborah Moccetti, Tessa Prati, Nina Pusterla, Nicola Schönenberger, Peter Rossi, Carlo Zoppi

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-15 01:42:17 | 91.208.130.86