Tipress (archivio)
CANTONE
12.07.2019 - 18:040

Né moratorie né campagne sul 5G

Il Governo risponde a Claudia Crivelli Barella: «L’accorta applicazione delle norme federali e cantonali è un’opzione valida e rispettosa del cittadino e degli operatori»

BELLINZONA - In materia di 5G il Consiglio di Stato considera «l’accorta e rigorosa applicazione delle consolidate norme federali e cantonali» come «un’opzione valida, razionale, giuridicamente ineccepibile e rispettosa degli interessi sia del cittadino che degli operatori di comunicazione mobile». Questo si legge nella risposta dell’Esecutivo ticinese ad un’interrogazione presentata lo scorso 12 aprile da  Claudia Crivelli Barella.

Il Governo conferma inoltre di non aver valutato alcuna ipotesi di moratoria per il territorio cantonale (chiesta in attesa dei risultati dello studio commissionato dall’Ufficio federale dell’ambiente) in quanto l’eventuale attuazione si situerebbe «indubbiamente» al di fuori dell’area di competenza concessa dalla Confederazione all’autorità cantonale.

Niente moratoria quindi e niente campagna di sensibilizzazione, dato che al momento «non sono disponibili - né nella letteratura nazionale né in quella internazionale - elementi» che possano giustificarla. La situazione, conferma il Consiglio di Stato, sarà rivalutata in un secondo momento, «non appena perverranno studi che giungano a conclusioni più stringenti».

I pro e contro, più qualche bufala, sul 5G
Commenti
 
HelveziLeponzi 6 gior fa su tio
Si continua a dire, senza cognizione di causa alcuna, che non esistano prove scientifiche che dimostrino la nocività delle onde eletromagnetiche del 5G , come se bastasse esprimere opinioni o supposizioni campate in aria. Che sia un cittadino qualunque a esprimersi con tanta ignoranza lo si potrebbe accettare, ma che sia il Consiglio Di Stato é cosa intollerabile. Faccio presente che la letteratura scientifica sugli studi dei danni causati dalle onde eletromagnetiche esiste eccome. Quello che non esiste in realtà é la dimostrazione scientifica che non facciano male. Siccome ogni nuova tecnologia DEVE dimostrare di non essere dannosa prima di essere messa in circolazione, tutto ciò é inammissibile, ancor di piu considerando il fatto che questa tecnologia dimostratamente pericolosa ci viene IMPOSTA. Va applicato il PRINCIPIO DI PRECAUZIONE ! Tutto ciò é illegale ! Mi chiedo come il nostro governo si possa permettere di promuovere tale atto illegale, per di piu fornendo dati irreali alla popolazione. Evry , le starnazzate sono le tue e quelle del Consiglio Di Stato. Bayron , la Saggezza é ben altra cosa. Invito le autorità ad intervenire e far rispettare la legge, come alle aziende di telefonia mobile quanto al Consiglio Di Stato e alla Confederazione.
gigipippa 1 sett fa su tio
Serviranno più barelle per trasportare I cittadini che moriranno folgorati dalle onde 5G.
Evry 1 sett fa su tio
Menomale che i contrari con le loro starnazzate sono stati messi a tacere
Bayron 1 sett fa su tio
Ogni tanto una decisione saggia!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-07-20 18:23:04 | 91.208.130.86