TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO/LUGANO
1 ora
Malore sul treno: «Nessuno ha chiamato i soccorsi»
Le FFS fanno chiarezza sull'episodio di questa mattina. E assicurano: l'affollamento del TiLo era «una situazione del tutto eccezionale»
BRISSAGO
1 ora
Richiedente l'asilo ucciso da un agente, c'è il decreto d'abbandono
Il poliziotto colpì il 38enne ai fianchi con due colpi. Il cittadino srilankese però non si fermò, costringendolo a sparare un terzo colpo, questa volta diretto al torace
LUGANO
1 ora
Angelo Jelmini lascia: «Non mi ricandido»
Il municipale luganese ha dato oggi l'annuncio con un tweet
CANTONE
2 ore
In nome del turismo, in Ticino si pedala assieme
È stato firmato oggi un accordo fra le quattro organizzazioni turistiche regionali e TicinoSentieri per la creazione del Centro di competenza cantonale Mountain Bike
FOTO E VIDEO
CANTONE
2 ore
Due ticinesi sul podio dei formaggi migliori al mondo
Il "Carì 2019" dell'azienda agricola Piz Forca e il "Campo la Torba 2018" dell'azienda Dazio-Alpe Campo La Torba si sono aggiudicati i premi Super Gold e Gold al World Cheese Awards
CANTONE
3 ore
«160 nuovi posti per invalidi adulti entro il 2022»
Nella seduta del 6 novembre il Consiglio di Stato ha approvato la Pianificazione quadriennale delle strutture e dei servizi in questo ambito, finanziata dalla Legge sull'integrazione degli invalidi
LUGANO
3 ore
La tecnologia blockchain al Palazzo dei Congressi
Copernicus e Pangea presentano una conferenza su applicazioni e opportunità della più rivoluzionaria tecnologia dopo Internet
CANTONE / BERNA
3 ore
Ecco perché Carobbio non vuole il posto di Levrat
È partito il toto-nomi per la successione alla guida del Ps svizzero. Ma la ticinese si sfila dalla corsa: «Serve un cambio generazionale»
LUGANO/BERNA
4 ore
Romano polemizza con Gysin: «Sembra Prosecco»
Residui di campagna: il consigliere nazionale punta il dito contro l'origine della bottiglia scelta per un brindisi della neoeletta dei Verdi. Che replica decantando gli spumanti svizzeri
MENDRISIO
4 ore
Stabio si attacca al TRAM
Il Municipio si rammarica per la risoluzione del Consiglio di Stato che ha respinto il ricorso contro la chiusura del nucleo di Ligornetto: «I nostri argomenti non sono stati attentamente valutati»
CANTONE
6 ore
Il Ticino toglie la patente a Balotelli
Sul Foglio ufficiale odierno la notifica della Sezione della circolazione. Non potrà guidare sulle nostre strade dal 31 dicembre 2019 al 30 marzo 2020
LUGANO
22.12.2017 - 12:220

«All’ex Macello un futuro senza autogestione»

È quanto chiede una mozione firmata da Alain Bühler e altri 25 consiglieri comunali

 

LUGANO - Con una mozione firmata da Alain Bühler (UDC), e sottoscritta da altri 25 consiglieri comunali, si chiede al Municipio di Lugano di presentare un progetto di ristrutturazione e relativa destinazione dell’ex Macello, un progetto che sia “a favore della cittadinanza, sulla scorta di quanto proposto negli ultimi 14 anni”, e che non “dovrà includere l’autogestione all’interno della struttura”.

Insomma richieste nette e precise che arrivano all’indomani della decisione di ubicare il Museo del Territorio a Locarno presso il Monastero di Santa Caterina, invece che presso l’ex Macello a Lugano.

Dunque riprende il discorso attorno alla futura destinazione di questa area formata da una superficie di 6025 metri quadrati e che ha fatto finora scorrere fiumi di inchiostro. «Una struttura preziosa e tutelata dall’Ufficio dei beni culturali la cui cittadinanza deve poter tornare a beneficiarne a pieno titolo» si legge nella mozione che elenca anche possibili soluzioni:  da una cittadella dei bambini dedicata ai doposcuola e ad attività extra scolastiche, a un luogo d’incontro per gli enti attivi nel sostegno della terza età e delle persone diversamente abili, oppure anche sale a disposizione delle associazioni cittadine e per il volontariato.

Infine l’attacco a coloro che che usano questi spazi, i cosiddetti molinari. «Vale la pena ricordare le perenni problematiche relative all'ordine pubblico, agli schiamazzi, al rumore eccessivo, al danneggiamento di proprietà pubbliche e private nella zona, ai quali possiamo aggiungere manifestazioni su suolo pubblico non autorizzate e aggressioni ai nostri rappresentanti dell'ordine. L’ultima in ordine di tempo è la manifestazione non autorizzata che avrà luogo questo sabato a Molino Nuovo. Non siamo di certo dinanzi al miglior esempio di rapporto di convivenza e visto che si regge sulla base di un'occupazione abusiva di un edificio pubblico di pregio e, soprattutto, nelle immediata vicinanze di edifici residenziali e scolastici, è giunto il momento di correggere questa distorsione».

Commenti
 
beta 1 anno fa su tio
Ci sarà pure una qualche ditta con una ruspa adeguata ? Radere al suolo e se vogliono, se lo pagano ! Come i comuni mortali .
Meridiana 1 anno fa su tio
È ora di passare alle concretezze e di dare un netto tagli a tanti Bla Bla! Auguri
splugen 1 anno fa su tio
da quello che so su sti "autogestiti" (riporto da chi lo frequenta) per la maggior parte sono figli di papà, criticano a tutto spiano quello che non gli sta bene ma poi....se ci sono problemi.. papi... la canapa coltivata sul balcone la si vedeva dalla strada, non credo che sia una soluzione nemmeno per loro che restino dove sono oltre la vicinanza scuola e ospedale + case, spianare e costruirvi qualcosa utile alla popolazione.
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
A me gli autogestiti li dove sono vanno benissimo... Non danno fastidio a nessuno e si impegnano... l'unica cosa è che il municipio dovrebbe rimodernargli un po' lo stabile...
Tarok 1 anno fa su tio
@lo spiaggiato se ci metti tu i soldi va bene anche a me. altrimenti che si cercano in affitto a loro spese qualcosa consono al loro status di intoccabili
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
@Tarok Epperchè mai dovrei essere io a metterci i soldi?... è un servizio alla comunità e quindi paga il comune... tu forse paghi tutti i mesi gli spazzini, i polotti o gli stradini?... penso che tu lo faccia come fanno tutti con le tasse, no?...
lügan81 1 anno fa su tio
Da molti anni ci sono gli autogestiti... Ma non hanno Mai provato a fare come fecero negli anni 80 gli autogestiti di Ginevra!! Loro hanno lottato nel giusto e ora da diversi anni nella famosa Usini c'è una sala concerti, uno shop, una sala ricreativa e un ristorante tutto gestito da loro con l'aiuto del comune.... Qui ormai Ticino tra politica e Molinari siamo allo stesso livello nessuno che tira insieme qualcosa
Frankeat 1 anno fa su tio
Tanto anche questa volta, come tutte le altre, vinceranno i parassiti senza neanche doversi alzare dal divano. Tanti proclami e blabla, ma poi alla fine tutti sul cadreghino al caldo.
Iron 883 1 anno fa su tio
Un’autogestione basata sulle spalle della comunità. Che tolla che hanno questi ....
GI 1 anno fa su tio
Ogni tanto "torna a galla"....ci vogliono semplicemente delle ruspe...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 18:26:35 | 91.208.130.86