ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
9 min
FFS e BePooler, nuovi posti in arrivo
Il successo della fase pilota ha convinto a estendere il concetto ad altri P+Rail.
BELLINZONA
24 min
«Sapeva ma ha taciuto: non è un’assassina»
In Appello è in corso l’arringa difensiva per il delitto di Monte Carasso
LUGANO
1 ora
Offerte 20 borse di studio per soggiorni linguistici all’estero
EF Education First regala borse di studio per soggiorni linguistici a chiunque abbia il desiderio di partire nel 2021
CANTONE
2 ore
Sei nuovi positivi al coronavirus
Il totale dall'inizio della pandemia arriva quindi a quota 3.646
BELLINZONA
3 ore
Delitto di Monte Carasso: la parola alla difesa
Ieri il processo in Appello si era concluso con la richiesta dell’accusa: il carcere a vita
MELANO
3 ore
Aggregazione Arogno-Maroggia-Melano-Rovio, ultimo dibattito informativo
Appuntamento sabato alle 17 in Piazza Motta
TERRE DI PEDEMONTE
3 ore
Lavori nell'abitato di Tegna
Il traffico sarà gestito in modo alternato fino a giovedì 8 ottobre
CANTONE
5 ore
EFG International cede le attività retail in Ticino a BancaStato
Le parti hanno concordato di non rendere noti i dettagli economici dell’operazione.
SORENGO
5 ore
La lotta contro il cancro passa da un ago
L'agopuntura è una terapia di supporto sempre più riconosciuta nelle cure oncologiche, ma ovviamente non le sostituisce
LUGANO 
6 ore
Ingrado di reggere l'inverno... ma anche il Covid
Per proteggere l'utenza fragile e debilitata dalle dipendenze verranno posati due prefabbricati all'ingresso del Centro
CANTONE
28.01.2014 - 15:000
Aggiornamento : 25.11.2014 - 03:16

Il modello Cannabis social club, "per una maggiore sicurezza in Ticino"

La proposta dell'Associazione Cannabis Ricreativa Ticino come "esempio efficace di regolamentazione dell'accesso alla marijuana"

LUGANO - Dopo la cannabis libera in alcuni stati Usa e in Paesi come l’Uruguay, anche in Ticino arriva la proposta di regolamentare l’uso ricreativo della cannabis e dei suoi derivati. La richiesta è stata presentata oggi al governo dall'Associazione Cannabis Ricreativa Ticino (ACRT).

Il Gruppo di riflessione dell'Associazione Cannabis Ricreativa Ticino (ACRT) chiede ufficialmente l’inoltro al Consiglio federale della richiesta di autorizzazione / deroga per regolamentare in Ticino l’uso ricreativo della cannabis e dei suoi derivati. Il modello proposto da ACRT è analogo a quelli elaborati a Ginevra, Basilea, Berna, Lucerna, Zurigo per regolamentare il consumo ricreativo della cannabis con l’adozione del modello Cannabis Social Club.

Nel Canton Ticino, d'altra parte, nel 2012 le statistiche di polizia indicano che il 67,7% del consumo calcolato in base al numero dei reati registrati concerne la cannabis e i suoi derivati (il consumo calcolato in base al numero dei reati connessi all'uso di oppiacei è stato del 6,5% 2012 e quello di stimolanti il 12,4%. Altri gruppi di sostanze illegali presentano un tasso del 13,1%, mentre il consumo degli allucinogeni calcolato in base al numero dei reati connessi è dello 0,1%).

La soluzione sottoposta da ACRT a Norman Gobbi, combinata con un'accresciuta repressione del commercio di strada, ha quale obiettivo "limitare gli effetti criminogeni del mercato aperto, instaurare un contatto personale con i consumatori, controllare che la quantità prodotta non oltrepassi i bisogni dei consumatori residenti nel Cantone e imporre il prelievo fiscale".

Una supervisione scientifica indipendente dovrebbe esaminare poi l'impatto su consumatori e mercato della cannabis e le interazioni sulle politiche sanitaria e di sicurezza pubblica sia a livello sociale che economico.

Dati sulla cannabis - In Svizzera la cannabis rappresenta una parte considerevole del mercato illegale della droga. Dati ufficiali indicano in 500 mila il numero dei consumatori, ossia tra il 6,25% e l'8,5% della popolazione. In Olanda, dove il consumo è tollerato da decenni, la percentuale dei consumatori è pari al 5,74%, quindi inferiore a quella della Svizzera.

Secondo recenti stime, in Svizzera il sistema Cannabis social club (CSC) con 500mila iscritti genererebbe 3.750 posti di lavoro diretti e 15mila indiretti, con, secondo ACRT "un introito per le assicurazioni sociali di oltre 110 milioni di franchi e un gettito fiscale superiore ai 250 milioni di franchi".

In Ticino - I consumatori di cannabis in Ticino sono stimati tra i 21 ed i 29 mila. I posti di lavoro diretti che si creano andrebbero dunque dai 234 ai 318; quelli indiretti tra i 937 ed i 1.275, con un maggior introito annuo per le assicurazioni sociali variante tra i 6.875.000 e i 9.350.000 franchi, mentre il gettito fiscale derivante dalla regolamentazione dell’uso ricreativo della cannabis e dei suoi derivati in Ticino sarebbe stimato tra i 15.625.000 e i 21.250.000 franchi all’anno.

A questo stadio ACRT ritiene indispensabile rendere pubblico il progetto, discuterne nell'ambito dei partiti politici e della società civile per elaborare un piano d'azione dettagliato.

Limiti - L'ACRT si dice cosciente dei limiti del progetto: "la cannabis e i suoi derivati sono solo una parte del mercato delle sostanze psicoattive. Non c'è dubbio che il consumo di eroina e di cocaina debba continuare a essere represso con mezzi penali e terapeutici idonei".

Nell’allegato il dettaglio della proposta di regolamentazione dell’uso ricreativo della cannabis in Ticino.

Allegati
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-30 12:35:27 | 91.208.130.89