ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
19 min
Con un cestino distrugge il parabrezza di un'auto
LUGANO
2 ore
In manette un ex direttore di banca
CONFINE
2 ore
Truffa ai danni di una malata di cancro, Proto a processo
CANTONE
2 ore
Veicolo contromano sull'A2
CANTONE
3 ore
Il rapporto dell’analisi dell’acqua? «Tendenzioso. Vuole solo creare allarmismo»
CANTONE
3 ore
Rivista Corner, un nuovo angolo di sport in Ticino
CANTONE
4 ore
A2-A13: Claudio Zali incontra l'USTRA
CANTONE
5 ore
Si voterà sulla legittima difesa
CANTONE
5 ore
Un giudice in più per il Tribunale penale cantonale
LUGANO
5 ore
«Già 3'000 firme per l'aeroporto»
LUGANO
5 ore
Barzaghi con i molinari: «Ha cantato anche lei “Borradori a testa in giù”?»
CENTOVALLI
6 ore
Una mattina di pausa per la Funivia Intragna-Pila Costa
LUGANO
6 ore
Presunto abuso edilizio a Caprino, scatta l'interrogazione al Governo
CANTONE
6 ore
Elicotteri militari, prosciolto l'imprenditore di Cresciano
ASTANO
6 ore
Moltiplicatore al 130% per evitare il tracollo finanziario
BOSCO GURIN
18.01.2014 - 11:030
Aggiornamento : 25.11.2014 - 04:27

"Mai in Ticino si è assistito allo sfratto di una famiglia contadina"

Due agricoltori a rischio sfratto. Interviene Agrifutura

BOSCO GURIN - Sulla vicenda di cui si è occupato Tio della della fattoria di Laura e Michele Arcioni di Bosco Gurin, i due giovani agricoltori che si trovano al centro di un grosso pasticcio burocratico, interviene anche Agrifutura. Ricordiamo che, in seguito alla rescissione del contratto d’affitto, i due agricoltori dovranno abbandonare lo stabile in cui esercitano la loro attività. Avrebbero voluto costruire una nuova stalla in cui ospitare il loro bestiame, ma a causa dell’iter burocratico con la Sezione dell’agricoltura, della nuova fattoria non si sa ancora nulla o poco. I due giovani sono quindi disperati in quanto i loro animali rischiano lo sfratto.

Giovanni Berardi, Presidente di Agrifutura spiega che "a memoria di agricoltore, mai in Ticino si sia assistito allo sfratto di una famiglia contadina e di tutto il loro bestiame nel bel mezzo dell’inverno. E, ironia della sorte, men che meno nel villaggio situato alla maggiore altitudine di tutto il Canton Ticino, dove d’inverno si possono avere anche 2-3 metri di neve. Il primo pensiero va alle persone toccate alle quali esprimiamo la nostra piena solidarietà. Se necessario, saremo al vostro fianco anche con un presidio per impedire questa assurdità".

 

La solidarietà dunque ci sarà ma Berardi spiega anche qualcosa che ha a che fare con le leggi: "Qualsiasi legge agricola tiene conto delle particolarità del settore e ad esempio fa coincidere la fine di un contratto con un termine primaverile o autunnale, ovvero all’inizio o alla fine della stagione, ma mai in pieno inverno! In secondo luogo, rivolgiamo un appello al proprietario, che fra l’altro è un ex-dirigente dell’Unione Contadini Ticinesi e attualmente insegna alla scuola agraria di Mezzana, affinché valuti da vero signore la situazione e conceda più tempo per sistemare tutta la vicenda che si risolverà con la costruzione della stalla della famiglia Arcioni. Terza e ultima considerazione: gli aspetti giuridico-amministrativi dovranno in futuro essere al centro dell’attenzione della consulenza agricola e della Sezione dell’agricoltura. Una situazione contrattuale chiara evita conflitti".

 

 

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 22:57:30 | 91.208.130.85