Immobili
Veicoli
tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
2 ore
Due foreign fighters ticinesi, pentiti ma non troppo
Negli ultimi tre anni due ticinesi sono stati condannati per avere combattuto all'estero. Li abbiamo intervistati
CANTONE
8 ore
«Ma quindi casa tua è in affitto?», c'è una nuova truffa su WhatsApp
Che segue una analoga di poco meno di un anno fa. E il consiglio del Centro di cibersicurezza di Berna vale ancora
CANTONE
13 ore
Le api ticinesi stanno un po' meglio di quelle svizzere
I nostri apicoltori sono attualmente impegnati nel raccolto primaverile. «Il miele di quest'anno è di qualità».
CANTONE
14 ore
Giovani ucraini e i compiti in vista dell'autunno
Alcuni deputati della Lega chiedono lumi su come il Decs si sta organizzando il vista del prossimo anno scolastico.
FOTOGALLERY E MAPPA
CANTONE
15 ore
Da Breggia a Braggio: alla scoperta dei nostri mulini
Tredici in Ticino e uno in Calanca: ecco le strutture che apriranno le porte durante la Giornata Svizzera dei Mulini.
MENDRISIO
21 ore
Dopo lo stop pandemico a Mendrisio ritorna la Festa della Musica
Più di 20 gruppi e 7 palchi per animare le vie del Borgo, venerdì 24 e sabato 25 giugno
CANTONE/SVIZZERA
23 ore
San Gottardo preso d'assalto: 10 km di coda
Durante la notte la situazione si era calmata, ma in prima mattinata era già da bollino nero
CANTONE
1 gior
I frontalieri in telelavoro «vanno regolarizzati»
Un'interrogazione firmata Plr e Ppd chiede al Consiglio di Stato di attivarsi
CAPRIASCA
1 gior
Tesserete-Bidogno-Bogno: strada chiusa per tre ore e mezza
I lavori di pavimentazione stradale avranno luogo giovedì 2 giugno.
LUGANO
1 gior
Lugano Bike Emotions premia Nino Schurter
Il campione del mondo sarà presente sabato 28 maggio in compagnia di altri protagonisti del mountain bike svizzero.
CANTONE
1 gior
Un nuovo Comitato per l’ATTE cantonale
Otto i nuovi volti. Riconfermato quale Presidente l'uscente Giampaolo Cereghetti.
CUGNASCO GERRA
1 gior
Dieci anni dopo, in memoria di Alan
Giubileo per la Birra Bozz. Il titolare Richy Bozzini porta avanti il sogno del fratello, morto di cancro alle ossa.
CANTONE
1 gior
Alex Farinelli nel Comitato centrale dell'ACS
Il sindaco di Comano (e consigliere nazionale) prende il posto di Simone Gianini, che lascia la carica dopo 4 anni.
LUGANO
1 gior
“Famiglia in bicicletta”: la scultura che promuove le piste ciclabili
L'artista Gabriela Spector rende omaggio agli sforzi del comune di Lugano per sviluppare la mobilità dolce.
CANTONE
1 gior
In Ticino 50 nuovi casi e sei pazienti Covid in meno
I ricoverati scendono così a 37 in tutto. Nessuno è in cure intense.
FOTOGALLERY
BEDRETTO
1 gior
Il Passo della Novena è uscito dal letargo invernale
La strada che collega Bedretto a Ulrichen è stata riaperta questa mattina alle nove.
BELLINZONA
1 gior
Torna "Belli di Sera"
Stasera i negozi di Bellinzona terranno aperto fino alle 21.
CANTONE
2 gior
«Così potrete risparmiare»
I consigli di Laura Regazzoni Meli, segretaria generale dell'ACSI, ospite di Piazza Ticino. Guarda il video.
CANTONE
2 gior
Ladri "elettrizzati" fanno incetta di bici (e di denunce)
Nei primi mesi del 2022 la Polizia cantonale ha ricevuto parecchie denunce per furti di biciclette.
LUGANO/BELLINZONA
2 gior
"Vestito nuovo" per l'escape in centro
Il progetto ticinese cresce e si espande. E dopo Zurigo arriva anche a Zugo e Lucerna
CANTONE
2 gior
Imposta di circolazione: i deputati accelerano
Firmato oggi in Commissione Gestione il rapporto di minoranza. Il Parlamento voterà a giugno
CANTONE
18.01.2022 - 08:100
Aggiornamento : 10:15

Con lo stipendio dimezzato, sono sommersi dai debiti

Basta un licenziamento, e una famiglia può finire al limite dell'auto-fallimento. Il caso di una coppia del Luganese

Sos Debiti: richieste in aumento con il Covid. Arrivano soprattutto da indipendenti e liberi professionisti che, finiti gli aiuti, faticano ad arrivare a fine mese

LUGANO - Un bel trilocale a Lugano, un bambino appena nato, l'auto in leasing. Due impieghi a tempo indeterminato. Fino a due anni fa Marina e Dario* erano una coppia senza problemi. Ma salta un tassello: lei - che dei due guadagna di più, 8mila franchi al mese - viene licenziata per ristrutturazione. Cerca per mesi, poi si accontenta: assistente in uno studio medico, meno di metà del salario. È troppo poco, e troppo tardi. 

I debiti nel frattempo si sono accumulati e ammontano a 150mila franchi a dicembre scorso. «Siamo disperati, non sappiamo dove sbattere la testa». Marina e Dario hanno cambiato casa, richiesto il sussidio di cassa malati, richiesto aiuti comunali e un finanziamento bancario per aiutarsi con le spese: ma ora devono restituire l'aiuto con l'interesse. 

È la situazione che fotografano molti dei 111 dossier aperti da Caritas Ticino nell'anno appena concluso. In totale sono circa 300 le persone coinvolte, un migliaio dall'inizio della pandemia. Disoccupati, lavoratori precari ma anche colletti bianchi, giovani e adulti, senza distinzioni di reddito o età. «L'indebitamento non è legato a particolari categorie di persone, quanto a degli eventi della vita» spiega il responsabile dei servizi sociali di Caritas Dante Balbo. «I grandi cambiamenti, come un divorzio, la nascita di un figlio, il pensionamento, un licenziamento ma anche l'ingresso nel mondo del lavoro possono portare la persona a spendere più di quanto può permettersi». 

La crisi pandemica rientra senz'altro nell'elenco. L'associazione Sos Debiti ha registrato «un aumento marcato» delle chiamate nel 2021, per un totale di 450 consulenze. «Nell'ultimo periodo a chiedere aiuto sono soprattutto i lavoratori indipendenti: gli aiuti federali sono terminati, ma molti si trovano nella stessa situazione di prima» spiega la segretaria Simona Bernasconi Zambianchi. Entrambi gli enti concordano sul fatto che l'effetto Covid non si è visto ancora a pieno. «Da una parte i crediti concessi da Berna hanno contenuto i danni, ma si tratta anche qui di soldi che le imprese dovranno restituire» sottolinea Balbo. Dall'altra «le persone arrivano da noi in genere tre, quattro anni dopo l'inizio delle difficoltà». 

Per Marina e Dario forse non tutto è perduto. Per non dichiarare auto-fallimento, si sono rimboccati le maniche e hanno tagliato tutte le spese eccessive. «Piuttosto lavoriamo anche di notte e con piccoli extra, ma cercheremo di uscirne in modo pulito». Con i creditori sono riusciti ad accordarsi su delle piccole dilazioni e sconti, anche con l'aiuto delle associazioni, nella speranza di trovare in fretta impieghi meglio retribuiti. Covid permettendo. 

* nomi noti alla redazione

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 4 mesi fa su tio
Se non siete capaci a gestirvi, non fate capo ai "social". Eviterete "figure" nei confronti di chi non è mai stato nell'agiatezza ma ha una dignità che a voi manca !!!!
vulpus 4 mesi fa su tio
Una cosa è positiva: i due citati stanno rientrando nella regola. Non dimentichiamoci che la richiesta dei sussidi per le CM sono la regola dei cittadini normali. Evidentemente se si vive sopra le righe, ogni minimo inghippo porta al disatro. Di negativo il voler drammatizzare una situazione che per molti è la regola quotidiana . Probabilmente i due ,amareggiati, hanno voluto portare al pubblico la loro situazione senza rendersi conto delle cifre che gestivano
Gandi81. 4 mesi fa su tio
Non ho parole... Mi dispiace la loro situazione ma in fine la colpa e solo loro! Cosa dovrei dire io che siamo in 5 e viviamo con meno di 5k puliti al mese? Abbiamo deciso che la moglie non lavora per crescere i figli.( Tanto anche se lavorasse non e che avremmo tanti soldi in piu, tra babysitter, asilo nido, Magari un altra macchina etc magari 1000 in più al mese al costo di guardare qualcun d'altro crescere i tuoi figli, no grazie. Questa è una nostra scelta ma come c'è la facciamo noi ce la possono fare tutti. E semplice, niente leasing/debiti. Esci al ristorante raramente, eviti di comprare cose inutili, vestiti di marca? Cosa sono? E comunque siamo quasi sempre riuscito ad andare via 1 settimana in vacanza e l'unico aiuto che abbiamo e la riduzione della cassa malati perché a secondo dei aiuti sociali guadagnamo abbastanza. (Li abbiamo presi un paio di mesi in pandemia quando guadagnavo l'80% del salario, 3-400 CHF al mese, non erano tanti ma ne eravamo grati.
Applix10 4 mesi fa su tio
Secondo è scandaloso pubblicare un esempio del genere, una moglie che guadagnava così, è appena in disoccupazione sono sommersi di debiti???ma di cosa parliamo!!! Lavorando in due ci sono famiglie che nemmeno arrivano solo allo stipendio della moglie, eppure vivono bene e non hanno debiti..posso capire avessero detto una famiglia che guadagna 8000 in due, allora andando in diso potrebbe avere problemi….no comment!!!magari mia moglie guadagnava così navigavo nell’oro!!
GreenPick 4 mesi fa su tio
Non faccio i conti in tasca a nessuno… ma la donna che prende 8000 va in disoccupazione e percepisce 80% quindi 6400.- solo lei dovrebbe prendere più di quante famiglie in 2 lavoratori… la gestione finanziaria è la base… non diamo colpa al Covid o ai frontalieri…
Gus 4 mesi fa su tio
Un caso per niente significativo e addirittura offensivo verso le persone sole anziane che vivono con 1500 franchi al mese.
F/A-19 4 mesi fa su tio
Per accumulare 150 mila franchi di debiti basta poco, auto in leasing, casco totale, bell’appartamento da un milioncino, mobili sempre in leasing, qualche sfizio e via. Al giorno d’oggi è usanza spingersi oltre, pubblicità ma anche banche ti spingono ad indebitarti. Nessun rispetto per il denaro, solo bella vita e godersela appieno. Se ne vedono tanti con i macchinoni che fanno intendere quello che non sono, peggio per loro.
Mattiatr 4 mesi fa su tio
@F/A-19 Ciao F/A-19 non penso che sia colpa di pacchetti bancari o di pubblicità se queste situazioni si palesano. Immagino sia più plausibile che sia il risultato di una dilagante ignoranza economica con un mix letale di ridotta percezione del rischio che un debito comporta. Ovviamente in mezzo a tutto ciò, la maggior parte delle volte si tratta d'incidenti o imprevisti che portano a situazioni instabili. Diciamo che sarebbe utile se privatamente gli individui coltivassero una cultura finanziaria, con una buona gestione dei propri conti, per capire come prevenire queste situazioni (quando possibile). Per esempio costruirsi delle riserve, e ampliare i propri attivi ecc. rappresenta una prima ''rete anti caduta'' in caso di emergenze o quant'altro.
Tato50 4 mesi fa su tio
@F/A-19 Magari anche la moglie in "leasing" ? ;-)) Forse pensare a qualche risparmio quando tutto andava bene ed evitare il superfluo come magari un paio di volte nei paesi esotici o a cena nei 5 stelle con la carta d'oro in bella mostra e il conto in Banca che va sul rosso. Un bel terzo pilastro o qualche piccolo investimento sicuro ? Alla Banca Cler, leggo oggi, puoi cominciare con un franco ;-))
F/A-19 4 mesi fa su tio
@Tato50 Beh caro Tato, quello della moglie in leasing potrebbe essere una bella soluzione, finito il leasing si cambia😅, e comunque dovrebbe costar meno di una moglie con Unione dei beni..., scusate donne, è un discorso tra uomini un po’ fuori di testa. In verità una donna va amata e rispettata.
Tato50 4 mesi fa su tio
@F/A-19 Infatti chiedo scusa anch'io alle donne in generale perché se non ci fossero loro, apriremmo una segheria !!!! Però un leasing di al massimo un anno ;-)))
F/A-19 4 mesi fa su tio
@Mattiatr Dici bene Mattiatr, le generazioni passate tendevano al risparmio secondo il proverbio che dice che si fa il passo secondo la gamba, quindi ognuno aveva un tot per provvedere almeno nell’immediato. Oggi invece vale il contrario, cioè spendiamo tutto quello che abbiamo ed indebitiamoci fino a quando le banche o le società di leasing c’è lo permettono. Nella pubblicità se ben ricordi si dice che il leasing è concesso se ciò non comporta un’eccessivo indebitamento ecc ecc..., ciò vuol dire che ti spingono all’indebitamento però non fino a farti precipitate nel vuoto, ti fermano un po’ prima. Vedi l’ipocrisia? E tu non vuoi che un giovane con uno stipendio di 5/6 mila franchi che è poco se ha famiglia ma è tanto se vive ancora in casa, a comperarsi una bella sportiva da 100.000.-? Ma lo fa ad occhi chiusi, più in là non avrà problemi a farsi l’appartamento da 1 milioncino e via di questo passo. Peccato che poi si troverà in difficoltà appena perde il lavoro.
Mattiatr 4 mesi fa su tio
@F/A-19 Mah, non solo risparmio, ma pure investimento. Per esempio mentre mi sto costruendo i miei mesi di riserva sto pure creando un portafoglio (diciamo che il mio obbiettivo è una riserva di 3 anni potendo mantenere le mie spese attuali se dovessi perdere il lavoro). Forse hai ragione, in passato si risparmiava di più, forse perché si lavorava fin da giovani (ancora prima dell'apprendistato) con paghe ridicole (diciamo che i miei genitori hanno iniziato presto a lavorare per la paghetta). Diciamo che la gestione di pochi soldi guadagnati con lavori faticosi potrebbe avere un influsso sull'approccio personale alla spesa (io stesso forse mi comporterei diversamente se a 12 anni non avessi ricevuto la prima paga di 120 franchi dopo un mese in cantiere).¶ Personalmente penso che sia più una questione quasi culturale, in Ticino odiamo i soldi e guai a parlarne decentemente. L'ignoranza porta danno, queste situazioni sono solo gli effetti. Pure io ho coetanei, adesso ventenni, che hanno auto da 30-40'000 franchi. Diciamo che tendenzialmente non nutro molto interesse per gli averi altrui, diciamo che ho un cinico distacco da chi dopo essersene fregati per anni dei propri soldi, come se piovessero, poi finisce indebitato. Spero solamente che non si venga a generare un nuovo 2008 da una crisi di liquidità, per il resto far la morale agli altri non è nel mio carattere.¶ In sintesi consiglio come minimo di farsi una contabilità personale (Banana è gratis per i privati) e di costruirsi una cultura finanziaria. Il resto sta ai singoli.
Tato50 4 mesi fa su tio
@Mattiatr Primo anno di apprendistato alle Officine FFS, 20 Fr. al mese; al quarto 150 !!! Un mese presso un commerciante durante le vacanze estive, avevo 15 anni, pagato alla fine 10 FR. e una ventina di gelati di produzione propria SCADUTI !! E certi si lamentano perché forse questo non l'hanno provato sulla propria pelle !! Nove mesi di Scuola di Polizia, 600 franchi al mese perché ero sposato, altrimenti 250 !! Adesso se ne cuccano sui 3000, spesati non sposati ;-))
Mattiatr 4 mesi fa su tio
@Tato50 Il mio primo anno di apprendistato vantava una paga di 400 franchi mensili, con il solo problema che eravamo sempre a scuola (quindi niente paga). In pratica nei primi 12 mesi 600 franchi circa, diciamo poco sostenibile ;-). Dalla prima paga però niente più sussidi dal papi e dalla mami, salvo un prestito ovviamente restituito. Però ora non sono né indebitato, né con problemi economici, quindi direi che è servito.
matias13 4 mesi fa su tio
Qualcosa non mi torna.....150000 franchi di debiti....mi sembrano davvero tanti! Probabilmente manca adattarsi a nuove realtà, e non si vuole rinunciare a nulla!
F/A-19 4 mesi fa su tio
Ora abbiamo Cassis al governo...., semo messi bbeneee...🙏
Gus 4 mesi fa su tio
@F/A-19 E abbiamo la maggioranza leghista in Consiglio di stato, che sta risolvendo tutti i problemi
don lurio 4 mesi fa su tio
Mi domando a chi salta il tassello (vedi sopra), Marina e Dario , Lei guadagnava 8000 mila CHF Lui forse 3000.- CHF , con 11000.-CHF mese hanno contratto e accumulato CHF 150000.-Ora Cambiato casa e si mettono a lavorare giorno e notte Auguri. Vando anchio a chiedere alla Caritas e sussidi Comunali ......
Ala 4 mesi fa su tio
Si risolverà tutto, tranquilli! Basta scrivere "andrà tutto bene" sui balconi e alle finestre....
Gandi81. 4 mesi fa su tio
@Ala 🤣.😂🤣😂🤣
Alex 4 mesi fa su tio
quando si fa il passo più lungo della gamba ....
dan007 4 mesi fa su tio
Non è la pandemia e il cambiamento che si opera nelle retrovie manodopera a costi inferiori frontelariato a oltranza su pretesto di mancanza di manodopera livellamento dei salari sempre più bassi ma omogenei poco differenza tra chi ha un percorso universitario o professionale dobbiamo assolutamente arrivare alla parità salariale dei paesi confinanti finita la Svizzera dove ti chiedevano le lingue nazionali più l’inglese benvenuti nella terza corsia che serve alla manodopera italiana che sostituisce quella indigena a costi contenuti per noi la sempre stipendi da ministro per l’itLia che offre paghe da miseria da sempre
Dani/hcl 4 mesi fa su tio
Ma a sentire il Vitta va tutto bene..e avanti nuovi frontalieri e tra pochissimo saranno 80.000!!!!!!!
F/A-19 4 mesi fa su tio
@Dani/hcl Peggio, arriveremo a 100’000 frontalieri , questa è la tendenza, poi vi saranno gli impiegati statali che si spera siano almeno residenti ma non sempre è così, dopo rimangono i disoccupati, assistenza, pensionati e tanti che lasciano il cantone sempre meno attrattivo, sempre più inquinato, caotico, caro, incolonnato. Però investono nel PSE, mezzo miliardo di debito per incasinarsi ancora di più, auguroni, anch’io tra un po’ meno le tolle, di tasse ne ho pagate tante ma tante ma tante e mi piacerebbe che i soldi venissero spesi meglio ma non mi sembra il caso.
Gus 4 mesi fa su tio
@Dani/hcl La Lega prometteva di risolvere il problema dei frontalieri. Bel risultato. Votate Lega!
F/A-19 4 mesi fa su tio
@Gus Il Nano prometteva, quella che c’è adesso è Partito Liberale Due, la vendetta. Se non facesse piangere farebbe quasi ridere.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-27 08:41:43 | 91.208.130.85