Immobili
Veicoli
Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Il Ticino torna in curva
Abolito il divieto di accedere agli spalti durante le partite di hockey e calcio. I tifosi festeggiano
FOTO
CANTONE
2 ore
Provvedimenti coercitivi, ecco la nuova Giudice supplente (a tempo)
L'avvocatessa Krizia Kono-Genini è stata nominata oggi dal Consiglio di Stato. Resterà in carica fino al 31 marzo
CANTONE
3 ore
L’Ambasciatrice della Polonia fa visita al Ticino
Il Presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli ha ricevuto oggi a Palazzo delle Orsoline Iwona Kozlowska
LUGANO
3 ore
Nasce il Caffè Amélie, spazio di convivialità per adulti
Ogni venerdì verranno proposte diverse attività dalle 14 alle 16.30
LOCARNO
4 ore
Completato l’Ufficio presidenziale del PLR cittadino
Tre i neoeletti: Orlando Bianchetti, Franca Antognini e Daniel Mitric
CANTONE
4 ore
«Il Conservatorio è una scuola, non attività da tempo libero»
Una mozione chiede che gli over 16 possano accedere alle lezioni senza Certificato 2G
LUGANO
5 ore
Nuova sede per il SAS
Dal primo febbraio il Servizio accompagnamento sociale di Lugano verrà trasferito a Molino Nuovo.
LUGANO
5 ore
Tutto bene sui percorsi casa-scuola di Lugano
Lo studio relativo al piano di mobilità scolastica non ha riscontrato lacune gravi, ma qualche miglioramento è possibile
QUINTO
6 ore
Assist del Cantone per la Valascia SA
Il Consiglio di Stato ha dato via libera al denaro per la realizzazione delle strutture protette della Protezione civile
CANTONE / CONFINE
7 ore
Regolazione del Lago Maggiore: un pericolo per le Bolle di Magadino
Il Dipartimento del territorio ha esternato i propri timori anche all'Ufficio federale dell’ambiente.
CANTONE
21.11.2021 - 14:350
Aggiornamento : 17:18

Dose di richiamo: «Non solo siamo pronti, ma sarà più facile da organizzare»

Il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini spiega perché in questo momento non ha senso parlare del ruolo dei cantoni.

Per somministrare il booster agli under 65 mancano le necessarie autorizzazioni, ma non le risorse: «Sappiamo esattamente quante dosi servono. E per somministrarle ci sono anche farmacie e studi medici».

BELLINZONA - «I cantoni non sono pronti per la somministrazione della dose di richiamo del vaccino contro il coronavirus. Devono, e avrebbero dovuto, fare di più». L'articolo pubblicato oggi dalla SonntagZeitung ha sollevato un problema che in realtà non c'è, secondo il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini. Che da noi contattato ha spiegato: «Non solo siamo pronti, ma da un punto di vista organizzativo sarà molto più semplice rispetto alle prime due dosi».

In attesa del via libera - Tuttavia prima di poter iniziare con la campagna è necessaria l'omologazione di Swissmedic e la raccomandazione dell'UFSP, che a oggi per gli under 65 ancora non ci sono (eccetto i gruppi a rischio per quanto riguarda l'omologazione. «Per questo dire che i cantoni non sono pronti non ha senso - ribadisce Zanini - anche perché, non essendoci l'omologazione, formalmente non abbiamo ancora il diritto a vaccinare questa fascia di popolazione».

Requisiti non rispettati - C'è poi un altro punto non trascurabile: il richiamo viene raccomandato a una distanza che non deve essere inferiore ai sei mesi dal momento in cui è stato completato il ciclo di due iniezioni. Per questo, allo stato attuale, non c'è nessuno al di sotto dei 65 anni (e non a rischio) che soddisfa i requisiti. «La fase 7, quella degli over 55, era stata attivata ai primi di maggio. Queste persone avevano ricevuto la seconda dose in giugno. Se aggiungiamo sei mesi arriviamo a dicembre. Se anche dovessimo partire in gennaio rientreremmo nelle tempistiche corrette», sottolinea il farmacista cantonale.

Dosi più facili da prevedere e da somministrare - Anche le insinuazioni secondo cui non ci sarebbero le risorse necessarie sono false, secondo Zanini: «Le dosi ci sono e anche il personale non manca, visto che contrariamente alla scorsa primavera, oltre ai centri di vaccinazione, potremo avvalerci di un centinaio di farmacie e di altrettanti studi medici». Che, se l'adesione fra chi ha ricevuto le prime due dosi sarà del 100%, contribuiranno a somministrare la terza dose a 51mila persone in dicembre, 53mila in gennaio e 40mila in febbraio.

I numeri sì, i nomi no - Insomma, le autorità conoscono già, addirittura giorno per giorno, il fabbisogno massimo di dosi di vaccino. Toccherà poi alla popolazione aderire alla campagna. Proprio in questo senso non sarebbe quindi ipotizzabile richiamare (nel senso di contattare...) la popolazione una volta "scaduti" i sei mesi? «No. È una cosa che non possiamo nemmeno fare - assicura Zanini - perché abbiamo i dati solo di chi si è vaccinato nei nostri centri. I dati di chi si è vaccinato in farmacia li ha solo il farmacista, idem per gli studi medici. Esiste sì una banca dati globale, da dove vengono estratte le statistiche, ma l'accesso non ce l'ha nemmeno il Medico cantonale». In altre parole, si conoscono quante persone sono state vaccinate (e quando), ma non si conoscono i loro nomi. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 mese fa su tio
Una grande cacofonia di informazioni di istruzioni di raccomandazioni. Forse dall'altra parte non si rendono conto della confusione che continuano a creare. Terza dose per chi? e a partire da quando ? Tutte informazioni condite da: possibile, forse , magari, statistiche. Non sarebbe meglio stabilire un parametro fisso dal quale poi decidere se procedere oppure no? Dare come indicazione i 6 mesi, potrebbe anche voler dire raccorciare l'efficacia della terza iniezione . Chi dice che dopo 6 mesi veramente tutti hanno una debacle di anticorpi da essere nuovamente esposti all'infezione? Non sarebbe meglio supportare questa decisione dopo un esame degli anticorpi presenti ? Sarebbe sicuramente più impegnativo ma si eviterebbero inoculazioni anticipate e inutili. Oppure la pianificazione ha fallito e nel marasma generale hanno comandato dosi a iosa e non sanno cosa farsene o in scadenza? Ci si aspetta una chiarificazione in tutta questa problematica: altrimenti di questo passo ogni quindici giorni bisognerà fare una iniezione.
lilla71 1 mese fa su tio
Faccio parte del personale sanitario che lavora nei centri vaccinazione e la seconda dose l’ho ricevuta a marzo, quindi spero che il farmacista cantonale si ricordi che per molti di noi i 6 mesi sono già scaduti a settembre
Brontolo pensionato 1 mese fa su tio
Tanti proclami, titoli roboanti, annunci catastrofici, apparizioni televisive giornaliere, interviste su tutti i giornali e riviste, ecc... Poi ci rendiamo conto che non abbiamo i vaccini fino al 2022. Possibile che nessuno abbia nulla da rimproverare a chi ci governa e amministri? Continuo a non capire. Forse apparire meno ed essere più efficaci e professionali? Nel privato si viene giudicati sul rendimento, in politica?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 18:38:28 | 91.208.130.86