SUPSI
CANTONE
14.10.2021 - 10:300

Un nuovo settore di Limnologia alla SUPSI

Nel 2021 l'Istituto scienze della Terra ha creato un settore per il monitoraggio dei laghi prealpini.

BELLINZONA - Gli ecosistemi d’acqua dolce (laghi e corsi d’acqua) ospitano una ricchezza biologica straordinaria e forniscono servizi essenziali per il benessere della società. Tuttavia, il loro capitale naturale è sottoposto a pressioni ambientali crescenti, quali l’inquinamento, il riscaldamento climatico e il deterioramento degli habitat. Per conservarne i pregi, questi ecosistemi devono essere gestiti prestando sempre maggiore attenzione alla sostenibilità, mediante pratiche efficaci e improntate su basi scientifiche.

Ricerche e consulenze - Proprio per contribuire alla tutela e alla futura sostenibilità degli ecosistemi d’acqua dolce, nel 2021 la SUPSI ha istituito un nuovo settore di Limnologia (Ecologia acquatica applicata) presso l’Istituto scienze della Terra del Dipartimento ambiente costruzioni e design (DACD). «Le principali missioni del nuovo settore - spiegano dalla SUPSI - sono quelle di sviluppare ricerca e fornire consulenza tecnico-scientifica nell’ambito dell’ecologia delle acque dolci. In linea con l’obiettivo dell’Istituto scienze della Terra, il settore opera in risposta alle esigenze del territorio di riferimento, fornendo soluzioni tanto innovative quanto utili e concrete».

Focus al cambiamento climatico - La missione di ricerca del settore si esprime al presente in una gamma di progetti dedicati all’ecologia dei laghi e dei corsi d’acqua svolti in collaborazione con altri enti di ricerca nazionali e internazionali. «Le tematiche affrontate - spiegano dal DACD - comprendono gli effetti del cambiamento climatico, il ripristino dei sistemi degradati, le fioriture di alghe potenzialmente nocive e la sorveglianza di specie aliene. Oltre a ciò, il nuovo settore è attivo nello sviluppo di metodi di monitoraggio innovativi che si avvalgono, per esempio, di nuove tecnologie afferenti la biologia molecolare e l’informatica».

Diversi progetti cantonali - La maggior parte dei servizi di consulenza scientifica viene svolta su incarico dell’amministrazione del Canton Ticino e della Confederazione svizzera. Tra i maggiori progetti si annovera il programma d'indagini limnologiche sul Lago di Lugano. «Questo programma - ricordano dalla SUPSI - vanta una storia più che trentennale e rappresenta il principale strumento diagnostico dello stato del lago e fornisce un tassello indispensabile alla gestione adattativa dello stesso». Altre consulenze vertono su problematiche relative alla presenza di tossine algali e alla contaminazione da detrito plastico (micro- e macro-plastiche) del lago e dei suoi tributari.

Il nuovo settore - Nato per far fronte a bisogni di ricerca e monitoraggio sui grandi laghi prealpini (soprattutto il Lago di Lugano), il settore ha competenze anche nell’ecologia dei laghetti alpini e dei corsi d’acqua. Nuovi progetti di ricerca, in corso o pianificati, interesseranno in maggior misura questi altri ambienti e porteranno il settore a un trattamento più bilanciato dei principali ambienti d’acqua dolce.

SUPSI
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-27 13:22:43 | 91.208.130.86