Collina
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
6 ore
La Rsi replica alle critiche: «Informazione sempre al centro»
Forma cambiata, ma «mantenendo qualità e quantità».
CANTONE
11 ore
Premiati i migliori apprendisti macellai/salumieri degli ultimi tre anni
La cerimonia si è tenuta dopo il rinvio forzato degli incontri che dovevano aver luogo nel 2019 e nel 2020.
CANTONE
12 ore
«Come pensare che un carcere minorile possa essere educativo?»
I contrari al progetto di un centro educativo chiuso escono allo scoperto
CANTONE
12 ore
Cassis presidente, festa annullata
La cerimonia a Bellinzona verrà rimandata «causa Covid»
NOVAGGIO
12 ore
Novaggio ha un nuovo municipale
Peter Schiesser (per il gruppo PLR Novaggio – Lista Giovani) subentra a Piergiorgio Morandi.
LUGANO
13 ore
Salta anche il carnevale di Tesserete
Cancellata preventivamente la manifestazione. Il Comune di Capriasca: «Gesto di responsabilità sociale»
SVIZZERA
13 ore
Difficile conciliare lavoro e famiglia (soprattutto in Ticino)
I risultati del Barometro nazionale sull'uguaglianza 2021. Rispetto a tre anni fa, la situazione è più critica
CANTONE
16 ore
«La Rsi è alla deriva?»
Informazione indebolita: l'Associazione per la difesa del servizio pubblico protesta
CANTONE
16 ore
Dose di richiamo, ultima chiamata per gli over 65
In vista dell'apertura alle altre fasce d'età, le autorità cantonali sollecitano i pensionati ad annunciarsi.
FOTO
MASSAGNO
17 ore
Massagno festeggia i diciottenni con Leo Leoni
L'incontro si è tenuto lo scorso weekend al LUX.
CANTONE / SVIZZERA
18 ore
Un milione di franchi per i lettori: obiettivo raggiunto
La campagna di crowdfunding è stata un grande successo, secondo le associazioni di categoria coinvolte.
CANTONE
18 ore
Altri 167 nuovi contagi e sette classi in quarantena
Negli ospedali del nostro cantone si contano attualmente settanta pazienti Covid
CHIASSO
18 ore
Cinquanta milioni per cinquanta impieghi?
L'Mps punta il dito contro la Scuola di Moda di Chiasso. Costi troppo elevati rispetto all'impatto sul territorio
CANTONE
19 ore
Discariche, inerti e svago di prossimità: le proposte del Cantone
Il prossimo 6 dicembre scatta la consultazione per alcune modifiche al piano direttore cantonale
MASSAGNO
19 ore
Aldi inaugura una filiale a Massagno
Il negozio apre i battenti giovedì 2 dicembre 2021 in via Val Gersa
BOLOGNA/LUGANO
16.09.2021 - 06:000
Aggiornamento : 10:05

La madre dell'attentatore di Londra: «Era dolce e sensibile. Mai avrei immaginato»

È una mamma forte e coraggiosa, il cui figlio ha preso parte a un attentato dove hanno perso la vita 8 persone.

Sabato sarà a Lugano in occasione del Festival Endorfine.

BOLOGNA/LUGANO - «Solo una madre può provare il dolore di un’altra madre. Io sono pronta a tutto quello che può portare pace». Valeria Collina, 72 anni, ha perso suo figlio Youssef nel corso dell’attentato di Londra del 3 giugno 2017, che aveva causato 8 morti e 48 feriti sul London Bridge. E Youssef, 22 anni, era uno dei tre membri del commando che sono stati in seguito uccisi dalla polizia. «Mio figlio era dolce e sensibile, mai avrei pensato che potesse commettere un atto del genere».

Valeria, che sabato pomeriggio sarà ospite a Lugano del Festival Endorfine, focalizza le possibili dinamiche che hanno stravolto a tal punto gli equilibri di suo figlio: «I fatti lo indicano come un terrorista. Youssef era nato nel 1995 in Marocco dal mio matrimonio con un uomo musulmano e si era integrato perfettamente. È stato scombussolato da quella che veniva riconosciuta come l’ingiustizia del mondo islamico e voleva portarmi in Siria perché credeva in un Islam puro. La separazione da mio marito lo ha poi colpito duramente. Ha probabilmente maturato un odio che non sono riuscita a individuare e liberare».

Valeria Collina affronta con dignità le colpe del suo adorato Youssef, che ha commesso un atto orribile. E lo fa con il cuore affranto e lo spirito di donna che cerca un messaggio costruttivo e liberatorio di fronte alla morte, lei che aveva deciso di creare la sua famiglia fra il popolo musulmano.

Cosa l’ha avvicinata al mondo islamico?
«Il teatro. Avevo iniziato a recitare ai tempi dell’università, a Bologna. In uno spettacolo riservato all’integrazione, ho conosciuto nel 1991 il mio futuro marito Mohammed, che due anni dopo ho accompagnato in un viaggio in Marocco. Ci siamo sposati, abbiamo avuto mia figlia Kauthar nel ’92 e mio figlio Youssef nel ’95. Io mi sono convertita all’Islam».

Come viveva in Marocco?
«All’inizio eravamo una famiglia felice, nella fede e nella preghiera. Io e mio marito avevamo lasciato l’Europa per distanziarci da tutto ciò che poteva contaminare l’educazione islamica che volevamo per i nostri figli, per questo motivo abbiamo rinunciato, fra le altre cose, alla televisione».

Una scelta forte.
«Al Jazira, canale onnipresente, avrebbe martellato per anni i cuori e le coscienze dei giovani con i bombardamenti in Afghanistan, la guerra in Iraq, il carcere di Abu Ghraib, i bambini estratti dalle macerie di Gaza, le rivolte arabe, la Siria…».

Nel 2015 lei ha deciso di rientrare in Italia.
«Ero reduce da un periodo complesso, anni di violenze. Non avevo rimorsi a lasciare mio marito, non sarebbe rimasto solo perché aveva scelto di prendere una seconda moglie. Mi aveva accompagnata Youssef, che poi aveva deciso di tornare in Marocco per frequentare informatica all’università. Nel 2016 mi aveva raggiunto a Bologna. A marzo era partito per Londra, un anno prima dell’attentato».

Lo sentiva regolarmente?
«Certo, andavo a trovarlo in Inghilterra e un nuovo viaggio era già programmato. Pur avendo seguito con orrore e con dolore quello che era accaduto sul London Bridge, non avevo neanche per un attimo immaginato che Youssef fosse capace di uccidere».

Sospettava dei legami con l’ISIS?
«Voleva partire per Istanbul, mi telefonò dall’aeroporto, ma non era la prima volta che cercava di portarmi in Siria, la terra del vero Islam, puro. Per lui, la Siria rappresentava una gabbia di costrizioni e regole che potevano renderlo sicuro, certo di non peccare in una giustizia non più umana ma divina».

Quando è venuta a conoscenza della morte di Youssef?
«L’attentato è accaduto il sabato. Dopo giorni di profondissima angoscia, in cui ho cercato in ogni modo di mettermi in contatto con mio figlio, il martedì ho voluto consegnare alla Digos il mio telefono per aiutare le ricerche: “Mi dispiace, signora. Suo figlio è morto”. La certezza della sua morte ha cancellato tutto…».

Lei trasmette un’incredibile energia. Dove la trova?
«Un dramma del genere ti obbliga a reagire, trovi dentro di te una volontà di sapere e di fare. Ho ritenuto di parlarne nel rispetto soprattutto delle vittime perché il perdono e la pace possano avere un senso».

Ha incontrato qualcuno coinvolto nella strage?
«Avrei voluto. Il collegamento da Bologna a Londra era pronto con la madre di un sopravvissuto, io ero in postazione, all’ultimo lei non se l’è sentita».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas56 2 mesi fa su tio
Mei che fo' cito
Pledoc 2 mesi fa su tio
Nessuno solleva il minimo dubbio che l’educazione ricevuta in famiglia (quindi includendo la madre) abbia potuto influenzarlo?
seo56 2 mesi fa su tio
🤐🤐🤐
Evry 2 mesi fa su tio
Giù le mani da certi avvicendamenti "leva un brau fiö ma la ...."
Boss 2 mesi fa su tio
qualche errore l’ha fatto la signora nell’istruzione del figlio e il primo grosso lo fece nel 1991
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 04:40:35 | 91.208.130.86