Ti Press
Il vaccino di Pfizer (a sinistra) e quello di Moderna (a destra).
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
13 ore
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
14 ore
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
14 ore
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
MENDRISIO
15 ore
Scuole comunali e spazi: «Qual è la situazione?»
Un'interrogazione del gruppo Lega / UDC / UDF chiede al Municipio lumi sul presente e il futuro
FOTO
CANTONE
17 ore
Premiato l'Osservatorio ambientale
Assegnato il Premio Möbius, che rende merito a una «bella storia digitale»
FOTO
LUGANO
17 ore
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
22 ore
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
CANTONE
1 gior
Nuova Legge sulla ristorazione: più la mandi giù, più torna Su...ter
In dirittura la nuova Lear che rivoluziona l'accesso alla gerenza: «Servono meno corsi e più solidità finanziaria»
CANTONE
1 gior
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LOCARNO
1 gior
L'intenso anno vissuto dal PS di Locarno
Si è svolta ieri sera l'Assemblea ordinaria della sezione, con all'ordine del giorno anche il rinnovo delle cariche.
LUGANO
1 gior
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
1 gior
Rissa alle Semine, c'è anche una denuncia in polizia
La conferma arriva dal Ministero Pubblico. A depositarla un giocatore finito per tre giorni in ospedale.
CANTONE
23.09.2021 - 06:000
Aggiornamento : 10:08

Pfizer meglio di Moderna: «Sono ragioni psicologiche, ma non oggettive»

Il farmacista cantonale rassicura: «Un vaccino vale l'altro, come efficacia e come effetti collaterali».

Eppure vi è una certa preferenza da parte della popolazione per Pfizer invece di Moderna. I motivi? Puramente psicologici. Dal nome più conosciuto, al fatto che venga somministrato anche agli adolescenti.

BELLINZONA - Un solo centro di vaccinazione, due possibilità di scelta. Se fino a qualche settimana fa la decisione su quale preparato farsi inoculare veniva fatta indirettamente scegliendo il centro vaccinale - a Giubiasco veniva somministrato Pfizer, negli altri Moderna - ora è possibile optare per uno o per l’altro sotto lo stesso tetto. La sensazione (anche osservando i tempi d’attesa pubblicati sul sito del Cantone) è che la popolazione, al momento di effettuare una scelta che non dipende più dalla prossimità, prediliga il vaccino di Pfizer. «Fra chi decide di annunciarsi solo per uno dei due vaccini disponibili, effettivamente c’è una certa preferenza, seppur marginale, per Pfizer», conferma il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini. La maggior parte di chi si reca a Giubiasco - assicura - non esprime tuttavia alcuna preferenza fra i due vaccini.

Meno ce n'è, più si aspetta - Zanini evidenzia comunque un aspetto da non sottovalutare, quello relativo alle quantità di dosi fornite dalla Confederazione: «Bisogna considerare che su tre dosi che abbiamo a disposizione, due sono di Moderna mentre solo una di Pfizer. Per cui se le persone scelgono per la metà Moderna e per la metà Pfizer, i tempi d’attesa per quest’ultimo sono maggiori rispetto a quelli per chi opta per Moderna». In altre parole, la lista d'attesa per Pfizer è spesso più lunga non per forza perché più richiesto, ma perché ce n'è meno.

Una preferenza non oggettiva - Le ragioni che possono spingere le persone a optare per il vaccino di Pfizer sono molteplici. «Tutte quante non sono però ragioni oggettive, ma sono aspetti che toccherà alla psicologia chiarire», argomenta Zanini. Una di queste ragioni sono le notifiche di reazioni avverse avute da chi ha ricevuto il vaccino, pubblicate regolarmente da Swissmedic. Queste notifiche riguardano sempre in numero maggiore Moderna rispetto a Pfizer (con un rapporto di circa 65-35), ciò che suggerirebbe che Pfizer venga maggiormente tollerato. Ma anche in questo caso i numeri sono “dopati”: «Se bilanciamo il numero di notifiche con quello delle vaccinazioni fatte il risultato è esattamente uguale», assicura il farmacista cantonale.

Una questione di tempistiche - Un’altra possibile spiegazione, oltre alle esperienze dirette (positive o negative) vissute da familiari e conoscenti per l’uno o l’altro vaccino, è il fatto che solamente Pfizer viene somministrato ai giovani fra i 12 e i 15 anni. «Anche qui l’apparenza inganna - spiega Zanini -. Quando abbiamo lanciato la vaccinazione per i 12enni l’unico vaccino omologato era Pfizer. Due settimane dopo Swissmedic ha approvato anche Moderna. Avessimo lanciato la campagna due settimane dopo (o Swissmedic avesse deciso prima), avremmo dato agli adolescenti entrambi i vaccini. O addirittura solo Moderna, essendo disponibile in numero maggiore».

Un nome che tira - Vi è infine un altro fattore, sempre psicologico, legato al nome dei due vaccini. Che per ammissione dello stesso farmacista cantonale è stato constatato sul campo: «Pfizer è il nome di un’azienda farmaceutica con lunga tradizione, che fra le altre cose ha sviluppato il Viagra, mentre Moderna prima era pressoché sconosciuta. Chiaramente, come per qualsiasi prodotto, la marca più conosciuta viene ritenuta più affidabile», conclude Zanini.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Franco56 3 sett fa su tio
prima dosse fatta a gubiasco ottimo servizio,seconda dose a gubiasco servizio scarso personale arogante se uno non può portare mascherina causa claustrofobia c'è tanta INTOLERANZA DA PARTE DI PERSONALE CHE DOVREBE COMPRENDERE È INVECE TI DISCRIMINANO PERSONE CHE DISCRIMINANO CI VOREBE PENA DI 5 ANNI CARCERE X 365 GIORNI AL ANNO
lollo68 3 sett fa su tio
Se ci si basa sui dati pubblicati da Eudravigilance il vaccino Pfizer provoca più morti e lesionati del vaccino Moderna. Non è però indicato il numero di vaccini somministrati per ogni preparato. Tra l'altro nel bugiardino del vaccino Moderna è scritto che non è raccomandato per i minori di 18 anni!
emib53 3 sett fa su tio
@lollo68 I dati devono tenere conto del totale di dosi somministrate, non usati come valori assoluti. Pfizer è stato impiegato molto di più. I dati sugli effetti collaterali sono una percentuale molto bassa, simile a quella di molti farmaci e per lo più lievi e ricordo anche che non ci sono ancora dati di conferma della correlazione diretta fra vaccinazione e morte.
neuropoli 3 sett fa su tio
invece di prendere due vaccini simili, potevano prenderne uno mRNA e l'altro vettoriale.
Nisoxford 3 sett fa su tio
Bravo Giorgio. “Un nome che tira” riferito a Pfizer però apre a allusioni 😄
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 08:09:59 | 91.208.130.85