Cerca e trova immobili

LUGANOPosta: una nuova filiale "in scena" a Figino

12.04.21 - 10:24
La popolazione potrà servirsi di una filiale in partenariato con la Fondazione Claudia Lombardi per il teatro.
Ti Press (archivio)
Posta: una nuova filiale "in scena" a Figino
La popolazione potrà servirsi di una filiale in partenariato con la Fondazione Claudia Lombardi per il teatro.

LUGANO - Grazie al dialogo condotto con le autorità comunali di Lugano e la Commissione di quartiere Barbengo è stato possibile identificare un partner per accogliere la futura filiale postale in partenariato di Figino. La Fondazione Claudia Lombardi per il teatro, che ha acquisito l’ex-ostello della gioventù di Figino-Barbengo, ha progettato una nuova importante realtà che verrà finalizzata nel corso del 2022, ma è in grado da subito di ospitare una nuova filiale postale.

La Posta è da tempo in contatto con le autorità comunali e con la commissione di quartiere allo scopo di valutare possibili alternative per l’offerta di servizi postali: per il gigante giallo, i volumi e il numero delle transazioni in continuo calo non permettono ormai più una gestione sostenibile della filiale di Figino nella sua forma attuale.

Entro l’inizio dell’estate la popolazione di Figino verrà dunque servita grazie alla collaborazione con la Fondazione Claudia Lombardi per il teatro. Fondazione che metterà a disposizione un luogo di scambio ad ampio respiro, di forte richiamo e a beneficio di residenti e non solo. «Un progetto unico in Svizzera volto alla creazione di un luogo di arte, cultura e incontro, dove potranno nascere, crescere e realizzarsi progetti, idee e opere e dove si faciliterà l’accessibilità per tutti alla cultura e all’ospitalità», questa la visione della promotrice Claudia Lombardi.

«Siamo certi di avere identificato nella Fondazione Claudia Lombardi per il teatro un partner ideale, che presenta tutte le garanzie indispensabili ad offrire un servizio postale di qualità sul lungo periodo, con una struttura funzionale e a pochi passi dalla sede della filiale attuale», afferma Martina Bellodi, responsabile di RetePostale per il Ticino.

L’immobile, gestito dalla Schweizerische Stiftung für Sozialturismus di Zurigo per una sessantina d’anni, è stato acquisito dalla Fondazione, che vi ha identificato una «casa ideale» per realizzare un ambizioso progetto. La struttura sarà in futuro oggetto di un importante intervento di ristrutturazione, che permetterà tra l’altro di offrire una trentina di posti letto ed ospitare turisti, artisti e compagnie teatrali da tutto il Paese e dal Nord Italia. Nell’edificio troveranno così posto un centro di creazione e residenza artistica, tre sale prove utilizzabili anche per eventi e conferenze, un bistrot e un b&b con tredici camere.

Questo naturalmente oltre ad ospitare un’agenzia postale, in grado di offrire praticamente l’intera paletta dei servizi postali disponibili presso una filiale tradizionale.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE