Imago (immagine illustrativa)
CANTONE
04.03.2021 - 06:000
Aggiornamento : 10:05

A caccia di clienti del sesso in Ticino

Qui i locali erotici sono chiusi. Altrove c'è chi può restare aperto. Il direttore dell'Oceano: «Una totale incoerenza»

Nel frattempo le prostitute sono “emigrate” oltre San Gottardo. Ma anche le strutture ancora attive lavorano «in perdita»

LUGANO - Dall'inizio della pandemia, in Ticino i locali erotici contano già 190 giorni di chiusura. La piu recente (che è ancora in vigore) è scattata lo scorso 22 dicembre, assieme a bar e ristoranti. Eppure la restrizione relativa al mercato del sesso non vale per tutta la Svizzera: in più cantoni l'attività prosegue nonostante il coronavirus.

E c'è ora chi va a caccia di clienti oltre i confini cantonali, in particolare laddove i locali devono restare chiusi. Per esempio in Ticino, dove di recente sono spuntati i manifesti di un “sauna club” di 3'000 metri quadri con sede nel Canton Svitto. Una situazione, questa, che non manca di suscitare malcontento nel settore delle luci rosse ticinesi.

«Nella lotta contro il coronavirus c'è una totale incoerenza: com'è possibile che ristoranti e terrazze sulle piste da sci debbano chiudere in tutto il paese, ma in determinati cantoni possano invece restare aperte le strutture erotiche?» ci dice Bernhard Windler, direttore dell'Oceano di Pazzallo. «È una situazione che stiamo vivendo malissimo».

Riaprire sì, ma «in sicurezza» - Per Windler ora non si tratta di fare pressione sulle autorità perché i locali erotici ticinesi possano riaprire. «Per me la sicurezza sanitaria viene prima di tutto» ci dice, spiegando che è fondamentale che dapprima si esca da questa situazione in modo da poter riaprire «in tranquillità». Dall'inizio dell'emergenza, anche per le strutture ticinesi c'era comunque stata una ripresa dell'attività: lo scorso giugno i locali avevano potuto riaprire nel rispetto dei piani di protezione previsti per il settore.

Al lavoro oltre San Gottardo - Ma altrove, come detto, si sta ancora lavorando. E non soltanto nel club svittese che si fa pubblicità in Ticino. Le prostitute di solito attive nel nostro cantone sono al momento “emigrate” a Berna e a Basilea Campagna, come ci dice ancora Windler. Lo stesso sembra valere per i clienti: di recente - lo scriveva 20 Minuten - all'esterno di un club bernese si era formata una lunga fila di persone provenienti da svariati cantoni.

Aperti, ma in perdita - Si sarebbe tuttavia trattato di una serata eccezionale. Secondo il responsabile del locale in questione, attualmente le strutture del sesso starebbero vivendo un momento difficile, anche quelle che non sono costrette alla chiusura: «Si lavora in perdita».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 04:43:50 | 91.208.130.87