tipress
CANTONE
25.01.2021 - 13:120

«Le cliniche risparmiano sui dipendenti»

Il VPOD punta il dito contro il settore privato. E invoca un nuovo contratto collettivo

BELLINZONA - Il Covid non è stato un grande affare per le cliniche private in Ticino.  Ma a farne le spese rischiano di essere soprattutto infermieri e personale sanitario. Il blocco dell'avanzamento salariale in molte strutture, a gennaio, ha mandato su tutte le furie il sindacato Vpod. 

«La situazione pandemica ha pesato in maniera rilevante sui conti di alcune cliniche, che denunciano pesanti deficit e il ritardo degli aiuti statali» sottolinea la sigla in un comunicato odierno. «Ma il rischio aziendale non deve ricadere sulle spalle del personale». 

Il contratto collettivo del settore privato, continua il Vpod, è «fermo al 2013». La crescita dei salari «è a singhiozzo e a macchia di leopardo, senza un minimo di coordinamento generale e di controllo sindacale». Nel 2021 gli scatti di anzianità sono stati bloccati dalla clinica Santa Chiara (se ne riparlerà a maggio) e alla clinica Viarnetto. Alla Hildebrand di Brissago non sono nemmeno previsti, mentre Ars Medica e Sant'Anna seguono un sistema meritocratico «non controllabile» per il sindacato. Solo la clinica Varini e la clinica Luganese-Moncucco applicheranno gli aumenti previsti, sottolinea il comunicato. Una situazione giudicata «non corretta». 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-17 03:25:33 | 91.208.130.86