Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
ASCONA
8 min
«Così ho perso lentamente la mia amica»
Nelly Morini racconta il dramma dell'Alzheimer nel romanzo Clarianne, ispirato a una storia vera.
MESOCCO (GR)
5 ore
Ventenni escono di strada e finiscono nella scarpata
L'incidente è avvenuto la scorsa notte in zona Alp Frach. I due occupanti del veicolo sono rimasti leggermente feriti.
CANTONE
8 ore
Giornalisti sportivi riuniti in assemblea
Nel corso dell'appuntamento sono stati attribuiti i premi Giuseppe Albertini e al Merito Sportivo.
FOTO
LOCARNO
10 ore
Un Nicolao tutto blu è tornato in città
Dopo lo stop dello scorso anno, il Nicolao color blu ha potuto tornare in azione, portando regali ai più piccoli.
CANTONE / CONFINE
10 ore
Navigazione sul Lago Maggiore, una mozione per smuovere le acque
I consiglieri nazionali ticinesi chiedono al Consiglio federale di avviare i negoziati per una nuova convenzione.
CANTONE
11 ore
Quattro giorni consecutivi di nebbia: «Non capita tutti gli anni»
Facendo un bilancio del mese di novembre, MeteoSvizzera ha rilevato un'anomalia per quanto riguarda il sud delle Alpi.
FOTO
MELIDE
1 gior
Fiamme da una canna fumaria, pompieri in azione
Il fuoco è stato domato prima che si propagasse al tetto
CANTONE
1 gior
Un paio di cose da sapere quando si prenota la terza dose
Da «Ci si può prenotare anche se vaccinati da meno di 6 mesi?» a «Siamo sicuri che mi danno il farmaco giusto?».
FOTO
MELIDE
1 gior
I pompieri di Melide festeggiano Santa Barbara
La messa è stata officiata ieri sera da Don Ernesto Ratti presso la Caserma di Melide
CANTONE
1 gior
Qualche fiocco di neve in arrivo in serata?
Sarà in ogni caso una breve parentesi. Ma la neve, fino a basse quote, potrebbe tornare durante la settimana
CANTONE
23.12.2020 - 11:430

I falegnami attaccano i sindacati: «Dal primo gennaio senza CCL per colpa vostra»

Diverse associazioni di categoria si dicono indignate: «Il settore va incontro a conseguenze devastanti».

La diatriba tra sindacati e falegnami scaturisce dalla mancata introduzione di un modello pensionistico anticipato. Ma questa, secondo i falegnami, non era assolutamente legata al CCL.

BELLINZONA - I falegnami sono sul passo di guerra. Diverse associazioni di categorie attaccano infatti i sindacati rei di aver lasciato il settore delle falegnamerie senza un contratto collettivo di lavoro (CCL) valido dal primo gennaio 2021. «Unia e Ocst - precisa una nota - hanno dato seguito alla loro minaccia e hanno richiesto alla Seco di cestinare la loro stessa domanda di decretare l’obbligatorietà generale del nuovo moderno CCL 2022-2025 elaborato e approvato dalle parti contraenti durante l’estate». Il risultato? Addio anche alla soluzione provvisoria varata per il 2021.

«Un CCL al passo con i tempi» - La diatriba tra sindacati e falegnami scaturisce dalla mancata introduzione di un modello pensionistico anticipato. Una scelta, questa, che le associazioni di categoria non considerano però collegata al CCL avallato a metà novembre dai delegati dell'Associazione svizzera fabbricanti mobili e serramenti (ASFMS). «Abbiamo approvato un CCL a passo con i tempi che contempla due giorni di vacanza in più e un “conto ore” dal quale attingere per congedi pagati».

«Conseguenze devastanti» - Tra meno di dieci giorni, quindi, il settore si ritroverà senza CCL. E il presidente centrale di ASFMS Thomas Iten non è tenero con i sindacati: «Con queste decisioni mettono in difficoltà i loro aderenti. In questa storia ci sono solo perdenti, soprattutto tra i dipendenti delle nostre ditte».  Thomas Iten fa riferimento in particolare «all’azzeramento dei finanziamenti comuni a favore del perfezionamento professionale dei falegnami e quindi a favore dello sviluppo di tutto il settore». Inoltre, la situazione senza contratto apre porte e cancelli «a imprenditori stranieri, non più tenuti al versamento di un salario minimo e al rispetto dalle condizioni di lavoro in Svizzera».

Indignazione anche da altre associazioni - Anche altre associazioni collegate all'edilizia hanno ferocemente criticato la situazione venutasi a creare nel settore della falegnameria. I presidenti di Holzbau Schweiz, Suissetec, EIT.swiss e AM Suisse si sono detti «indignati» per l'approccio adottato dai sindacati Unia e Ocst. «Hanno agito senza tener minimamente conto degli interessi di circa 5.600 falegnamerie assoggettate al CCL e 34.000 dipendenti. Insistendo sull'introduzione di un modello di pensionamento anticipato hanno provocato un disastro. Ciò indebolisce un intero settore e avrà come conseguenza che sempre più aziende straniere riceveranno ordini nel settore edile svizzero, spesso a scapito della qualità, ma soprattutto mettendo in pericolo numerosi posti di lavoro con buone condizioni salariali».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Talos63 11 mesi fa su tio
I sindacati hanno bisogno di gente che paga le quote non di gente da difendere...
Zico 11 mesi fa su tio
Perfetto. Arriveranno aziende estere quelle per intenderci con tra parentesi suisse (suisse) che abbasseranno i salari ed avranno piú personale perché costa appunto poco. Peró si iscriveranno ai sindacati. Essendo i lavoratori più numerosi i sindacati incasseranno di più. E vada via i ciapp i residenti ed i lavatori svizzeri.
Meiroslnaschebiancarlengua 11 mesi fa su tio
Se sei falegname usi la segha, se sei dell'UNIA ti fai una ... mentale. E a rimetterci è quello che lavora.
Bibo 11 mesi fa su tio
Basta dire unia e tutto è chiaro...parassiti e niente altro...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-05 21:16:24 | 91.208.130.85