Keystone
CANTONE
27.11.2020 - 11:120
Aggiornamento : 17:44

«Senza il CCL i falegnami ticinesi in un limbo»

La recente decisione dell'associazione nazionale potrebbe gettare nel caos il settore: «Rischia di essere una giungla»

LUGANO - Non sono affatto contenti i sindacati della votazione sul CCL avvenuta negli scorsi giorni in seno all'Associazione svizzera fabbricanti mobili e serramenti (ASFMS) negli scorsi giorni.

Il motivo, è che a lato del contratto collettivo, non è stato invece approvato «il modello di pensionamento anticipato (MPA) che i sindacati avevano invece approvato in luglio».

Per questo motivo Ocst e Unia «esprimono forte preoccupazione per il vuoto contrattuale che si prospetta», ribadendo l'intenzione «di proseguire la battaglia per il sacrosanto diritto al prepensionamento» e chiamando in causa l'ASFMS.

Il rischio è che dal primo gennaio 2021, spiegano gli enti, si entri in una situazione di limbo: «Soprattutto in Ticino, dove la presenza di lavoratori distaccati, di padroncini e il costante ricorso al lavoro interinale, costituiscono un problema reale anche per le stesse imprese. Senza CCL si rischia una vera e propria giungla, dove il dumping sociale e salariale e la concorrenza sleale tra imprese saranno all’ordine del giorno».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 23:21:49 | 91.208.130.85