Esami in presenza, e gli studenti Supsi si ribellano
tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
15 min
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
1 ora
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CUGNASCO-GERRA
2 ore
Insieme all’autunno arrivano sempre le castagne
Gli organizzatori invitano tutti per sabato 25 settembre, vi aspetteranno musica, divertimento e tante caldarroste.
CANTONE
3 ore
Nella Valle del Sole baciati dal sole
Dopo un anno di pausa, si è svolta ieri la Giornata cantonale dei Sentieri.
CADENAZZO
3 ore
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
VERZASCA
3 ore
Chiusa per una notte parte della cantonale Gordola-Sonogno
La strada in zona Lavertezzo chiesa sarà chiusa da giovedì 30 settembre alle 20 al primo ottobre alle 5.30.
MENDRISIO
4 ore
Maltempo in arrivo: domenica il treno del Generoso si ferma
Per questioni di sicurezza, i convogli non circoleranno e il Fiore di pietra resterà chiuso
FOTO
LOCARNO
6 ore
Pompieri in via Bustelli, incendio in una lavanderia
La strada è stata chiusa. Sul posto sono accorsi i pompieri, un'ambulanza e alcuni agenti di polizia
CANTONE
6 ore
Entrata in Svizzera: ecco il modulo per notificare il secondo test
Dallo scorso 20 settembre all'ingresso nel nostro paese per i non vaccinati vale la regola del doppio test
FOTO
CANTONE
7 ore
In trecento per “Ti ho raccolto”
La scorsa domenica l'evento ha avuto successo nonostante la pioggia
CANTONE
8 ore
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CASLANO
8 ore
Una giornata per (ri)pulire Caslano
L'evento "Verde Pulito" si terrà nella giornata di domani sul lungolago della località malcantonese.
CANTONE
21.12.2020 - 06:000
Aggiornamento : 10:15

Esami in presenza, e gli studenti Supsi si ribellano

Dalla Scuola universitaria spiegazioni e rassicurazioni: «Decisioni ponderate per proseguire con profitto negli studi»

Fugati, pure, i timori per il rischio contagi: «Assicuriamo un piano di protezione ancora più restrittivo rispetto a quello federale»

LUGANO - Ha sollevato un piccolo polverone, tra gli studenti ticinesi, la richiesta della Supsi di svolgere alcuni esami "in presenza", nella sessione di gennaio. E non solo per test che richiedono evidentemente un contributo manuale, quindi pratico. Ma anche per esami che si possono svolgere mediante computer, online. La forma "a distanza", in questo periodo, è d'altra parte caldamente raccomandata delle autorità federali e cantonali e dell’organismo di coordinamento delle università svizzere, swissuniversities.

La "rivolta" studentesca - La reazione degli studenti è stata quindi di stizza (per non dire altro), tanto che ha iniziato a circolare un video (tra il sarcastico e l'indignato) nel quale la Scuola universitaria professionale viene dipinta come una sorta di organo dittatoriale le cui vittime sono, appunto, i futuri esaminandi.

Paura di rovinarsi l'estate - Fonte di timori e di irritazione è pure il rischio, qualora al momento della sessione di gennaio ci si dovesse trovare in isolamento o quarantena, di dover ripetere l'esame ad agosto. Quindi in estate, periodo in cui i ragazzi vorrebbero potersi dedicare ad attività più ricreative.

«L'Ordinanza prevede eccezioni» - Dal canto suo la Supsi, contattata, cerca di fornire chiarimenti al riguardo giustificando le proprie scelte: «A seguito delle misure comunicate dal Consiglio federale a fine ottobre, ci siamo organizzati per proporre gran parte delle attività didattiche e degli esami a distanza», viene innanzitutto precisato. «L’Ordinanza Covid-19 situazione particolare - si aggiunge - prevede tuttavia delle eccezioni, per le quali la presenza in sede è concessa. Nel rapporto esplicativo dell'ordinanza questa fattispecie viene ulteriormente precisata, indicando proprio gli esami delle scuole universitarie e delle scuole universitarie professionali quali esempi».

«Ansia e difficoltà» legate agli esami a distanza - La Supsi spiega quindi come l’esperienza del primo lockdown (durante la quale tutte le sue attività erano state erogate completamente a distanza) avrebbe permesso di riconoscere «alcuni importanti limiti dello svolgimento di esami a distanza», legati all'«ansia di studenti in relazione al funzionamento dei dispositivi tecnologici in sede di esame; alle difficoltà legate alla gestione dei tempi; a problemi di connessione alla rete internet dai dispositivi privati». E poi ancora a «limiti legati alla sicurezza informatica» e alla problematicità di «proporre forme di valutazione praticabili online ma anche valide e affidabili». Criticità, quest'ultima che sarebbe emersa in particolare per alcune tipologie di esami.

«Presenza importante» - Per questo Supsi ritiene che «lo svolgimento di alcune prove in presenza rappresenti un fattore importante per poter permettere ai nostri studenti e alle nostre studentesse di verificare in maniera attendibile le competenze acquisite e proseguire con profitto negli studi».

Piano di protezione adeguato - Per rassicurare maggiormente gli studenti viene assicurato inoltre un piano di protezione adeguato: «che la Supsi definisce in maniera ancora più restrittiva rispetto a quelle federali». Gli esami svolti in presenza saranno organizzati in gruppi di 20 studenti al massimo, al fine di ridurre i contatti e i rischi di assembramenti. «La selezione degli esami da svolgere in presenza è avvenuta con grande accuratezza, in considerazione di criteri pedagogico-didattici, criteri di praticabilità, di sicurezza, di equità di trattamento e di affidabilità».

Soluzioni per quarantene e isolamento - Per quanto riguarda il problema "quarantene" l'estate non sembra essere a rischio: «non pregiudicano di per sé lo svolgimento dell'esame, se questo si svolge a distanza, ma possono invece pregiudicare lo svolgimento di esami in presenza. In questi casi i docenti, in collaborazione con il responsabile di corso di laurea, definirà, laddove possibile, una modalità alternativa di svolgimento dell'esame nel contesto della medesima sessione».

I casi di isolamento causa COVID saranno trattati invece come «un'assenza per malattia, visto che di malattia si tratta. Lo studente in questione avrà un'assenza giustificata all'esame e potrà presentarsi alla sessione di recupero».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 18:17:49 | 91.208.130.89