Esami in presenza, e gli studenti Supsi si ribellano
tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
7 ore
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
8 ore
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
8 ore
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
MENDRISIO
9 ore
Scuole comunali e spazi: «Qual è la situazione?»
Un'interrogazione del gruppo Lega / UDC / UDF chiede al Municipio lumi sul presente e il futuro
FOTO
CANTONE
10 ore
Premiato l'Osservatorio ambientale
Assegnato il Premio Möbius, che rende merito a una «bella storia digitale»
FOTO
LUGANO
11 ore
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
16 ore
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
CANTONE
18 ore
Nuova Legge sulla ristorazione: più la mandi giù, più torna Su...ter
In dirittura la nuova Lear che rivoluziona l'accesso alla gerenza: «Servono meno corsi e più solidità finanziaria»
CANTONE
1 gior
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LOCARNO
1 gior
L'intenso anno vissuto dal PS di Locarno
Si è svolta ieri sera l'Assemblea ordinaria della sezione, con all'ordine del giorno anche il rinnovo delle cariche.
LUGANO
1 gior
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
1 gior
Rissa alle Semine, c'è anche una denuncia in polizia
La conferma arriva dal Ministero Pubblico. A depositarla un giocatore finito per tre giorni in ospedale.
CANTONE
21.12.2020 - 06:000
Aggiornamento : 10:15

Esami in presenza, e gli studenti Supsi si ribellano

Dalla Scuola universitaria spiegazioni e rassicurazioni: «Decisioni ponderate per proseguire con profitto negli studi»

Fugati, pure, i timori per il rischio contagi: «Assicuriamo un piano di protezione ancora più restrittivo rispetto a quello federale»

LUGANO - Ha sollevato un piccolo polverone, tra gli studenti ticinesi, la richiesta della Supsi di svolgere alcuni esami "in presenza", nella sessione di gennaio. E non solo per test che richiedono evidentemente un contributo manuale, quindi pratico. Ma anche per esami che si possono svolgere mediante computer, online. La forma "a distanza", in questo periodo, è d'altra parte caldamente raccomandata delle autorità federali e cantonali e dell’organismo di coordinamento delle università svizzere, swissuniversities.

La "rivolta" studentesca - La reazione degli studenti è stata quindi di stizza (per non dire altro), tanto che ha iniziato a circolare un video (tra il sarcastico e l'indignato) nel quale la Scuola universitaria professionale viene dipinta come una sorta di organo dittatoriale le cui vittime sono, appunto, i futuri esaminandi.

Paura di rovinarsi l'estate - Fonte di timori e di irritazione è pure il rischio, qualora al momento della sessione di gennaio ci si dovesse trovare in isolamento o quarantena, di dover ripetere l'esame ad agosto. Quindi in estate, periodo in cui i ragazzi vorrebbero potersi dedicare ad attività più ricreative.

«L'Ordinanza prevede eccezioni» - Dal canto suo la Supsi, contattata, cerca di fornire chiarimenti al riguardo giustificando le proprie scelte: «A seguito delle misure comunicate dal Consiglio federale a fine ottobre, ci siamo organizzati per proporre gran parte delle attività didattiche e degli esami a distanza», viene innanzitutto precisato. «L’Ordinanza Covid-19 situazione particolare - si aggiunge - prevede tuttavia delle eccezioni, per le quali la presenza in sede è concessa. Nel rapporto esplicativo dell'ordinanza questa fattispecie viene ulteriormente precisata, indicando proprio gli esami delle scuole universitarie e delle scuole universitarie professionali quali esempi».

«Ansia e difficoltà» legate agli esami a distanza - La Supsi spiega quindi come l’esperienza del primo lockdown (durante la quale tutte le sue attività erano state erogate completamente a distanza) avrebbe permesso di riconoscere «alcuni importanti limiti dello svolgimento di esami a distanza», legati all'«ansia di studenti in relazione al funzionamento dei dispositivi tecnologici in sede di esame; alle difficoltà legate alla gestione dei tempi; a problemi di connessione alla rete internet dai dispositivi privati». E poi ancora a «limiti legati alla sicurezza informatica» e alla problematicità di «proporre forme di valutazione praticabili online ma anche valide e affidabili». Criticità, quest'ultima che sarebbe emersa in particolare per alcune tipologie di esami.

«Presenza importante» - Per questo Supsi ritiene che «lo svolgimento di alcune prove in presenza rappresenti un fattore importante per poter permettere ai nostri studenti e alle nostre studentesse di verificare in maniera attendibile le competenze acquisite e proseguire con profitto negli studi».

Piano di protezione adeguato - Per rassicurare maggiormente gli studenti viene assicurato inoltre un piano di protezione adeguato: «che la Supsi definisce in maniera ancora più restrittiva rispetto a quelle federali». Gli esami svolti in presenza saranno organizzati in gruppi di 20 studenti al massimo, al fine di ridurre i contatti e i rischi di assembramenti. «La selezione degli esami da svolgere in presenza è avvenuta con grande accuratezza, in considerazione di criteri pedagogico-didattici, criteri di praticabilità, di sicurezza, di equità di trattamento e di affidabilità».

Soluzioni per quarantene e isolamento - Per quanto riguarda il problema "quarantene" l'estate non sembra essere a rischio: «non pregiudicano di per sé lo svolgimento dell'esame, se questo si svolge a distanza, ma possono invece pregiudicare lo svolgimento di esami in presenza. In questi casi i docenti, in collaborazione con il responsabile di corso di laurea, definirà, laddove possibile, una modalità alternativa di svolgimento dell'esame nel contesto della medesima sessione».

I casi di isolamento causa COVID saranno trattati invece come «un'assenza per malattia, visto che di malattia si tratta. Lo studente in questione avrà un'assenza giustificata all'esame e potrà presentarsi alla sessione di recupero».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 02:06:37 | 91.208.130.89