La guerra dei “piccoli” sulla via che porta al Natale-Covid
Tio/20Minuti
Uno dei tanti piccoli negozi ticinesi "in lotta".
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
15 min
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
14 ore
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
14 ore
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
14 ore
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
15 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
GIORNICO
16 ore
Tre nuovi volti nel PLR di Giornico
I nuovi membri sono Elena Traversi, Sara Capri e Andrea Norghauer, diventato pure presidente.
CANTONE
17 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
18 ore
«Per un salario minimo sociale»
Il Partito socialista ha lanciato un'iniziativa popolare atta a garantire «almeno 21,50 franchi all'ora».
LUGANO
19 ore
Al Moncucchetto c'è «Buona Cucina»
Il ristorante di Lugano ha ricevuto il premio assegnato dall'Accademia italiana della Cucina.
CANTONE
20 ore
Rally del Ticino: «È ora di dire basta»
Un'interrogazione dei Verdi chiede lumi sulla compatibilità con gli impegni presi per la protezione del clima.
CANTONE
07.12.2020 - 08:370
Aggiornamento : 13:01

La guerra dei “piccoli” sulla via che porta al Natale-Covid

Paura e preoccupazione tra i commercianti. Ecco come ci si ingegna per superare un dicembre da incubo.

C’è anche chi invita apertamente la clientela a boicottare le grandi piattaforme online. Altri, invece, trovano soluzioni web “fatte in casa”.

LUGANO - I piccoli commercianti della Svizzera italiana tremano di fronte a un Natale anomalo, imprevisto. Il Covid-19 fa vacillare ogni certezza. E aggiunge panico a un ambiente che già non navigava in acque troppo tranquille nemmeno prima. «L’inquietudine per un nuovo ipotetico lockdown è devastante – sottolinea Rupen Nacaroglu, presidente della Società dei commercianti di Lugano –. Non c’è spensieratezza. Si teme anche che la gente abbia meno potere d’acquisto. La politica, in questi mesi, non ci ha dato grandi rassicurazioni». 

Il sorriso che non manca mai – E allora ci si aggrappa a quello che si può. A Tesserete, Barbara Tettamanti, titolare di una boutique di abbigliamento, punta tutto su una consulenza personalizzata, anche online. «Facciamo, inoltre, spedizione gratuita in tutta la Svizzera e consegna a domicilio in tutto il Luganese. Noto che la gente ha ancora voglia di venire in negozio, perché sa che qui può trovare un sorriso. Quello non mancherà mai».

La spesa su appuntamento – Più o meno sulla stessa lunghezza d’onda Hsaskia Landrini-Cereghetti, una delle tre sorelle titolari di uno shop di Locarno. «Il nostro punto forte sta nelle scarpe personalizzate, nell’abbigliamento e negli accessori. Il cliente può venire in negozio e creare il suo stile. Ovviamente la paura che gli affari vadano storti c’è. Abbiamo introdotto la possibilità di avere consulenze private, su appuntamento. In modo che il cliente possa sentirsi al sicuro. È anche possibile ordinare dal nostro sito internet. Ci perdiamo, soprattutto perché le spedizioni sono a carico nostro». 

Quei logaritmi "anonimi" – Molti piccoli commercianti temono la concorrenza online di colossi come Zalando o Wish. Mauro Paolocci, storico libraio di Mendrisio, è tra chi ha invitato i propri clienti a boicottare le piattaforme online. «Venendo in loco, il cliente può trovare una scelta diversificata e attenta alla produzione del territorio, ma anche competenza e cordialità. Bisogna smettere di consegnarsi agli "anonimi" logaritmi dei siti web con sede all’estero. Viva la nostra quotidianità fatta di tante piccole, ricche realtà locali». 

Una mano al benessere del nostro Paese – «Acquistando presso le grandi piattaforme online – gli fa eco Claudia Pagliari, negoziante e presidente della Società dei commercianti di Bellinzona – si contribuisce a ingrandire aziende enormi che operano fuori dalla Svizzera. Non c'è alcun beneficio per noi. Acquistando presso i nostri negozi, invece, si dà una mano al benessere del nostro Paese». Poi lancia l'hashtag del momento. «#iosostengoilticino. Ora più che mai».

La necessità di offrire un’alternativa – Nacaroglu chiude con una nota polemica. «Mi sta bene lottare contro le grandi piattaforme. Però bisogna anche adattarsi ai tempi che cambiano. Non è possibile che oggi ci siano attività senza un sito web. Questo non significa dirottare la clientela sulla rete online. Ma semplicemente offrire un’alternativa. Anche i social possono essere importanti. Magari una persona vede qualcosa sul sito e poi va nel negozio per vederla di persona e toccarla con mano. Se Zalando implementa le applicazioni per provarsi i vestiti, un motivo ci sarà. D’accordo arrabbiarsi per il Covid e il commercio web, ma che non diventi una scusa per sedersi».  

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-23 11:01:07 | 91.208.130.87