Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
3 ore
Cade sul San Salvatore, grave 80enne
Un escursionista basilese se l'è vista brutta oggi mentre saliva al monte da Pazzallo
CAMPIONE D'ITALIA
3 ore
Via libera alla riapertura del Casinò entro la fine dell'anno
Il Tribunale di Como ha dato l'ok a un'eventuale riapertura della casa da gioco, chiusa nel luglio del 2018.
CANTONE
5 ore
Nessun treno fra Mendrisio e Melide
A causa di un problema alla linea di contatto il traffico ferroviario è attualmente interrotto.
GORDOLA
7 ore
Cinque mesi di lavori in località Gaggiole
Il cantiere avrà luogo dal 21 giugno a fine novembre tra il civico 71 di vie Gaggiole e il confine con Lavertezzo.
BRISSAGO
8 ore
Folgorato sul lavoro, 21enne in pericolo di vita
Il ragazzo stava lavorando su un palo dell'alta tensione a 10 metri di altezza quando ha ricevuto una scarica elettrica.
CANTONE / SVIZZERA
9 ore
I forti aiutano i deboli: dalla Confederazione arrivano oltre 50 milioni
Nell'ambito della perequazione finanziaria, al Ticino spetteranno 51,861 milioni di franchi.
CANTONE
9 ore
Ultimi giorni di un anno complicato
È l'ultima settimana di scuola in Ticino: il Decs fa il punto su come è andata
FOTO
CANTONE
9 ore
Il certificato Covid è arrivato anche in Ticino
Da oggi viene consegnato nei centri di vaccinazione. Chi è già vaccinato riceverà invece un SMS
CANTONE
10 ore
Anche oggi in Ticino meno di dieci contagi
Le autorità sanitarie segnalano sette nuovi casi e nessun decesso
BELLINZONA
10 ore
Una spazzatrice elettrica per pulire Bellinzona
Ecco il primo veicolo elettrico che segna la svolta “green” della capitale ticinese
BELLINZONA
10 ore
Pavimentazione fonoassorbente in via Zorzi
I lavori avranno luogo di notte tra l'incrocio con via Maestri Comacini e via Tatti. Dureranno fino al 4 settembre.
LUGANO/CHICAGO
13 ore
La “full immersion” di Flavia, l'americana di Breganzona
Ha trovato l'America grazie al nuoto, nel 2001, e non l'ha più lasciata, per amore e per passione
CANTONE
28.10.2020 - 23:450
Aggiornamento : 29.10.2020 - 08:43

Una ventina di quarantene dalla riapertura delle scuole

La cronistoria del coronavirus negli istituti ticinesi dallo scorso 31 agosto

La misura era scattata per la prima volta per una classe del Centro professionale di Locarno

BELLINZONA - Misure d'igiene accresciute e distanziamento. E dallo scorso 19 ottobre obbligo di mascherina in tutti gli istituti post-obbligatori. Sono queste le principali regole all'ordine del giorno nella scuola ticinese ai tempi del coronavirus. Regole con cui, dallo scorso 31 agosto, convivono circa 50'000 allievi (si parla di 803 sezioni di scuola elementare, 607 di scuola media e 1'159 delle scuole post-obbligatorie cantonali).

Ma sin dalla riapertura delle scuole, in almeno una ventina di occasioni le autorità sanitarie cantonali hanno dovuto adottare provvedimenti a causa di uno o più allievi risultati positivi al Covid-19. E nello specifico si parla di quarantene, per singoli alunni o per intere classi.

Le più recenti sono scattate martedì per tre classi delle Scuole medie di Canobbio e per una del Liceo cantonale di Lugano 1, come ha fatto sapere il Dipartimento della scuola, dell'educazione e dello sport (DECS). In generale, sinora si contano comunque dieci quarantene di classe nelle scuole post-obbligatorie e altrettante in quelle dell'obbligo (in un caso, alle Medie di Losone, la misura era però stata revocata dopo poche ore: inizialmente si pensava che nei giorni subito precedenti la comparsa dei sintomi si fosse svolta una gita con pernottamento).

I primi alunni positivi - Gli alunni ticinesi sono tornati in aula, come detto, lunedì 31 agosto. Il Cantone ha optato per lo scenario con le lezioni in presenza: uno scenario che, lo aveva detto il direttore del DECS Manuele Bertoli prima della riapertura degli istituti, che «fa funzionare la scuola in maniera corretta». I primi allievi positivi al coronavirus sono poi stati segnalati pochi giorni dopo, il 4 settembre: si trattava di uno studente del Liceo di Lugano 2 e un'iscritta al Centro professionale sociosanitario di Lugano. Allora la quarantena era stata ordinata soltanto per alcuni compagni.

Le quarantene di classe - La prima quarantena di classe in una scuola post-obbligatoria era invece scattata l'11 settembre al Centro professionale commerciale di Locarno. All'interno dell'istituto erano state rispettate tutte le misure. Ma la giovane risultata positiva al virus aveva frequentato una lezione di educazione fisica durante la quale non si potevano escludere contatti fisici.

Nella prima metà di ottobre la misura è invece stata per la prima volta ordinata (e anche confermata) all'interno di una scuola dell'obbligo,nello specifico alle Elementari di Ambrì (nelle scuole dell'obbligo la misura viene adottata quando due allievi della stessa classe sono positivi).

La scuola «deve restare aperta» - «La scuola non è un luogo di contagio» aveva assicurato, la scorsa settimana, il consigliere di Stato Bertoli, spiegando che «è sostanzialmente verificato che il virus entra nella scuola dall'esterno, ma non viene portato dalla scuola verso l'esterno». E aveva quindi aggiunto che i piani di protezione messi in atto negli istituti scolastici «funzionano» e che «i numeri sono sotto controllo». Bertoli aveva quindi ribadito l'importanza di tenere aperte le scuole: «L'interruzione delle lezioni avrebbe conseguenze drammatiche».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-15 20:16:04 | 91.208.130.89